MENU

Tecnologia e bambini

Il futuro dei social media

Gli esperti condividono informazioni su come potrebbero apparire i futuri social media e su come potrebbero avere un impatto sui giovani.

Qual è la storia dei social media?

Secondo HootSuite, i social media hanno avuto inizio nel 1997, sviluppandosi nel corso degli anni con siti come MySpace, Nexopia e The Facebook. Alcune delle piattaforme più popolari oggi hanno avuto inizio nella prima metà degli anni 2000. Questi includono LinkedIn, Facebook e Reddit, anche se ora sembrano molto diversi.

"I social media hanno fatto molta strada dai primi anni 2000, quando piattaforme come Friendster e MySpace erano di gran moda", afferma Il co-fondatore e CEO di Yubo Sacha Lazimi. “Facebook ha poi dato una marcia in più e il boom delle app mobili ha reso i social media onnipresenti. Oggi, più di 1 miliardo di persone in tutto il mondo utilizzano ogni giorno qualche forma di social media”.

Per 2015, Twitter, Tumblr, Instagram, Snapchat e altre piattaforme si sono unite al mix, offrendo agli utenti una serie di modi per connettersi con gli altri.

Quindi, in 2017, TikTok si è unito alla scena. I suoi video in formato breve hanno dato il via a una trasformazione nei social media dalla semplice socializzazione all'intrattenimento. Instagram, Facebook, Snapchat e YouTube ora dispongono anche di opzioni per video simili in formato breve.

Piattaforme di social media popolari

Questa è l'immagine per: OTTIENI IL TUO TOOLKIT DIGITALE

Ottieni risorse e consigli personalizzati gratuiti per restare aggiornato sulle tecnologie nuove ed emergenti.

OTTIENI IL TUO KIT DI STRUMENTI DIGITALI
TikTok

Quanti bambini usano TikTok?

Secondo i dati del 2022 del nostro sondaggio tracker, il 50% dei bambini di età compresa tra 9 e 16 anni utilizza TikTok, compreso un numero significativo di minori di 13 anni.

Perché TikTok è popolare?

TikTok presenta video in formato breve che spesso presentano tendenze o balli divertenti che coinvolgono gli utenti. I bambini apprezzano i contenuti rapidi e la possibilità di creare i propri contenuti.

Sebbene molti considerino TikTok una piattaforma di social media, è più simile a una piattaforma di condivisione video come YouTube con elementi di social media.

TikTok potrebbe essere un’indicazione di dove potrebbero svilupparsi i social media nei prossimi anni.

Instagram

Quanti bambini usano Instagram?

Secondo i dati del 2022 del nostro sondaggio tracker, il 35% dei bambini di età compresa tra 9 e 16 anni utilizza Instagram, compreso un numero significativo di minori di 13 anni.

Perché Instagram è popolare?

Instagram è una piattaforma di social media che per prima ha dato priorità alle immagini. A differenza di altre piattaforme che si concentravano molto di più sui contenuti scritti, Instagram ha offerto agli utenti la possibilità di mostrare le immagini in modo rapido e semplice.

Sin dal suo lancio, Instagram è rimasta al passo con le tendenze, aggiungendo opzioni video ed e-commerce per continuare a far crescere la sua base di utenti.

Snapchat

Quanti bambini usano Snapchat?

Secondo i dati del 2022 del nostro sondaggio tracker, il 37% dei bambini di età compresa tra 9 e 16 anni utilizza Snapchat, compreso un numero significativo di minori di 13 anni.

Perché Snapchat è popolare?

Quando Snapchat si è unito alla scena dei social media, le persone sono state attratte dalla sua funzione di messaggio che scompariva. I suoi messaggi in formato breve consentivano agli utenti di condividere momenti della loro giornata sapendo che presto sarebbero scomparsi. Per alcuni, questa potrebbe sembrare una forma di social media più sicura che non lascia un'impronta digitale.

Come si prospetta il futuro dei social media?

Una volta i media erano tutt'altro che sociali, afferma l'esperto di tecnologia familiare, Andy Robertson. “C’era un forte divario tra l’esperienza dei giornalisti e i contributi del pubblico”, afferma. "Abbiamo fatto molta strada dalla pagina delle lettere, tanto che ora i contenuti dei media spesso includono (e talvolta sono interamente basati su) contributi pubblici."

Robertson afferma che ciò ha portato alla nascita di media che includono commenti sociali e di media che generano interazioni sociali come su YouTube. “In un certo senso, tutti i media che consumiamo sono diventati social”.

Man mano che i social media si sviluppano e le piattaforme sperimentano nuove cose, i futuri social media potrebbero presentare molte cose. Ecco alcuni modi in cui potrebbe evolversi:

Maggiore sicurezza

Come afferma l'esperto di sicurezza online John Carr scrive sotto, la legge sulla sicurezza online implica che le piattaforme social dovranno adottare misure maggiori per garantire la sicurezza dei minori di 18 anni sulle loro piattaforme.

Ad esempio, se una piattaforma richiede che gli utenti abbiano almeno 13 anni, deve anche disporre di misure di verifica dell’età per garantire che gli utenti rispettino questa regola. Pertanto, è probabile che più piattaforme di social media dispongano di processi per verificare l’età. Potrebbe sembrare simile al processo già disponibile su Yubo, che puoi esplorare qui.

Dalla socializzazione all'intrattenimento

App come TikTok hanno mostrato un maggiore interesse per l'intrattenimento. Anche se le reti che promuovono la comunità e la socializzazione continueranno ad esistere, un numero maggiore di utenti potrebbe concentrarsi sui contenuti che portano alla socializzazione. I video creano discussioni e incoraggiano la collaborazione. Con un numero maggiore di piattaforme che presentano video in formato breve, questa tendenza potrebbe continuare con le future piattaforme di social media.

Comprare e vendere

Alcune piattaforme di social media offrono già ai creatori modalità per monetizzare i contenuti. Luoghi come Facebook Marketplace e Instagram Shopping incoraggiano gli utenti ad acquistare e vendere anche all'interno delle piattaforme social. Man mano che sempre più giovani si rivolgono al digitale per fare soldi – attraverso la creazione e la vendita di oggetti virtuali, l’uso di vestiti, contenuti e altro ancora – l’e-commerce potrebbe diventare parte integrante dei futuri social media.

Modelli di abbonamento

Siti web come Patreon e YouTube utilizzano modelli di abbonamento per offrire ai creatori altri modi per guadagnare denaro. Ciò consente inoltre agli abbonati l'accesso a contenuti esclusivi. Gli abbonamenti Instagram sono una forma di modello di abbonamento ai social media in fase di test in alcuni mercati. Con X (ex Twitter) che introduce modelli simili, il futuro dei social media potrebbe includere investimenti per vantaggi particolari.

Cos'è il gioco sociale?

Esistono varie “app, strumenti e piattaforme basati su interazioni puramente sociali” che ormai fanno parte della vita quotidiana, afferma Andy Robertson. Spesso rappresentano il modo in cui le persone, soprattutto i giovani, scoprono il mondo e si mantengono in contatto con gli altri.

Tuttavia, “un media che spesso viene trascurato sono i videogiochi”, afferma. “Questi sono spazi socialmente guidati tanto quanto i social network stessi. In effetti, la maggior parte dei bambini interagirà prima con qualcuno che non conoscono online in un gioco come Roblox piuttosto che in un'app di social media."

Reti di gioco sociale

Andy afferma: “Esistono social network specifici per i giochi progettati per aiutare le persone a trovare altri con cui giocare e con cui parlare dei giochi che amano. Discordia è un esempio importante qui. Offre comunità e modi in cui i bambini possono imparare di più sui loro giochi preferiti. Tuttavia, gran parte della comunicazione è privata o individuale.

"È importante che i genitori comprendano che lo spazio solitamente non è progettato pensando ai bambini." Di conseguenza, Andy avverte, luoghi come Discord non hanno gli stessi controlli parentali o le stesse impostazioni familiari presenti nelle console per videogiochi.

Come sono regolamentati i social media?

Esperto di sicurezza online, John Carr, afferma, “il panorama dei social media per i bambini nel Regno Unito sta per cambiare radicalmente. Cambierà radicalmente anche per gli adulti, ma questa è un'altra storia. In entrambi i casi, però, il motivo è lo stesso: la legge sulla sicurezza online è ormai legge”.

Il potere di far rispettare queste nuove leggi spetta a Ofcom, dice. “La mancata osservanza potrebbe comportare sanzioni fino a 18 milioni di sterline o al 10% dei ricavi globali. In alcuni casi, i dirigenti senior potrebbero persino finire in prigione”.

Che impatto ha la legge sulla sicurezza online sui social media?

John Carr afferma che ci sono diverse nuove leggi “che affrontano, ad esempio, la condivisione non consensuale di immagini intime, il bullismo, i deepfake e l’anonimato”. Tuttavia, per quanto riguarda specificamente i social media, John delinea tre caratteristiche chiave dell'Online Safet Act (ex Online Safety Bill) che hanno un impatto sui social media:

I servizi di social media devono effettuare valutazioni del rischio

La legge sulla sicurezza online richiede maggiori misure di sicurezza

"Ogni servizio di social media dovrà effettuare una valutazione del rischio rispetto a qualsiasi servizio fornito nel Regno Unito", afferma John Carr. “Se identificano eventuali rischi per i bambini, devono mettere in atto strumenti e sistemi per eliminare o mitigare tali rischi. Devono anche spiegare cosa fanno con un linguaggio chiaro e accessibile”.

I servizi devono disporre di sistemi chiari per regolare l’accesso

Le piattaforme di social media devono far rispettare le regole

I servizi di social media hanno i propri Termini e Condizioni che delineano chi può aderire alla piattaforma. Questa guida includerà spesso requisiti di età e limiti di contenuto. La maggior parte delle piattaforme di social media, ad esempio, richiedono che gli utenti abbiano almeno 13 anni.

John afferma che la legge sulla sicurezza online fa sì che i servizi di social media con qualsiasi regola “su chi può diventare membro o utente, o cosa non è consentito fare quando utilizzano il servizio” debbano anche chiarire cosa fanno per far rispettare tali regole.

“I sistemi di assicurazione dell’età diventeranno molto più comuni”, afferma. “La speranza è che emerga un elemento di interoperabilità, in modo che le persone non debbano sottoporsi a un processo di verifica dell’età ogni volta che accedono o si iscrivono a un nuovo servizio”.

Gli app store devono allinearsi ai limiti di età

Gli app store devono seguire le restrizioni

In alcuni casi, le app o le leggi stabiliscono determinati limiti di età che sono poi diversi negli app store. Prendere WhatsApp Per esempio. Secondo la legge del Regno Unito, gli utenti devono avere almeno 16 anni per utilizzare la piattaforma. Tuttavia, su Google Play, è classificato E for Everyone mentre l'App Store di Apple lo valuta 12+.

John Carr afferma: “gli app store dovranno migliorare il loro gioco. È assurdo che un'app o la legge possano dire che una particolare app dovrebbe essere utilizzata solo da persone di età pari o superiore a 13 anni, o anche di 18 anni e oltre, e gli app store poi affermano che è adatta a bambini molto più piccoli."

Cosa stanno facendo le società di social media?

Il CEO di Yubo, Sacha Lazimi, ha condiviso i suoi pensieri su come le società di social media stanno dando priorità alla sicurezza:

“I team di fiducia e sicurezza nelle società di social media sono cresciuti in modo significativo nel corso degli anni e i metodi e le tecnologie per la sicurezza di guida sono ogni giorno più sofisticati. C’è sempre spazio per miglioramenti da parte del settore perché i principali pilastri della sicurezza online – misure di verifica dell’età, moderazione dei contenuti, privacy e trasparenza (solo per citarne alcuni) – sono ampi e complessi.

“Per dare priorità alla sicurezza, le principali società di social media sono in continua evoluzione, lavorando a stretto contatto con le autorità di regolamentazione e le parti interessate per identificare soluzioni migliori per la mitigazione del rischio. La chiave è continuare ad adattarsi alle nuove sfide – un impegno che speriamo abbia il sostegno continuo di genitori e tutori preoccupati che condividono la nostra visione per rendere Internet più sicuro per tutte le persone”.

Quali sono gli effetti dei social media sulla salute mentale?

"Per i bambini e i giovani, i social media sono stati un modo fantastico per rimanere in contatto con gli amici, condividere cose interessanti e imparare cose nuove", afferma Sacha Lazimi. “Ma d’altro canto sono emersi il cyberbullismo e gli effetti collaterali dannosi di un tempo eccessivo davanti allo schermo. Il futuro dei social media è difficile da prevedere, ma una cosa è certa: i social media sono qui per restare, in una forma o nell’altra, a lungo termine”.

La ricerca mostra che i bambini sperimentare una serie di vantaggi e potenziali danni derivanti dai social media. Molti giovani utilizzano i social media per restare in contatto con gli amici o per rilassarsi dopo la scuola. Pertanto, i confini delle strutture dipendono dai bisogni individuali dei bambini.

Due modi in cui i social media potrebbero avere un impatto sulla salute mentale dei bambini sono la FOMO e l'impatto sull'immagine di sé.

Tarde notti e FOMO

La ricerca mostra impatti più negativi

Il 41% dei bambini di età compresa tra 9 e 16 anni riferisce di trascorrere troppo tempo online. Inoltre, solo il 30% afferma di sapere come impostare i propri limiti di tempo sulle app o sui dispositivi che utilizza.

Nei nostri La ricerca sul benessere digitale, il 45% delle ragazze di età compresa tra 9 e 10 anni ha riferito di rimanere alzata fino a tardi con i propri dispositivi. Parte del motivo per cui si fa tardi la notte è forse legato alla sensazione di FOMO (paura di perdere qualcosa). Questo gruppo ha affermato che perdere ciò che accade sui social media tra i loro amici li fa sentire turbati.

Questi numeri sono più alti rispetto agli anni precedenti. Ciò significa che i giovani avvertono maggiormente gli impatti negativi derivanti dall’uso digitale.

Consulta i consigli su come aiutare i giovani a gestire la propria salute mentale sui social media.

Immagine di sé e identità

I social media possono avere un impatto sul benessere e sull’identità

Una ricerca di Ofcom mostra che il 63% dei bambini di età compresa tra 8 e 11 anni utilizza app o siti di social media. Tuttavia, 13 anni è l’età minima per la maggior parte di queste piattaforme.

Questo accesso anticipato ai social media potrebbe avere un impatto negativo sull’immagine di sé e sul senso di benessere dei giovani. Pertanto, potrebbero presentarsi online nel modo che pensano piacerà agli altri.

È importante limitare l'accesso alle piattaforme che prevedono requisiti di età. Queste restrizioni aiutano a sostenere il benessere e lo sviluppo dei bambini. Inoltre, ci sono alternative per i minori di 13 anni che può aiutare i giovani a sviluppare una relazione positiva con i social media.

Ulteriori informazioni sull'identità online.

Informazioni sulla sicurezza dei social media.

4 consigli per proteggere i bambini sui futuri social media

Poiché i social media continuano a svilupparsi, è difficile sapere cosa verrà dopo. Tuttavia, ci sono cose che potete fare ora e in futuro per preparare i giovani.

Esplora i 4 suggerimenti per la sicurezza sui social media di seguito.

Esaminare le impostazioni di sicurezza e protezione

Configura il controllo genitori e le impostazioni di sicurezza

Un maggior numero di piattaforme di social media ora offrono ai genitori maggiori modalità per gestire la sicurezza online dei propri figli. Il futuro dei social media vedrà probabilmente ancora più funzionalità che daranno priorità alla sicurezza dei minori di 18 anni.

Il controllo genitori e altre funzionalità di sicurezza possono supportare le conversazioni sulla sicurezza online. Funzionano come una rete di sicurezza per proteggere i giovani utenti in questo momento.

Esplora alcune funzionalità di sicurezza dei social media già esistenti:

  • Instagram: Conti supervisionati
  • Snapchat: Centro Famiglia
  • TikTok: Associazione familiare e modalità limitata
  • Yubo: Requisiti di verifica dell'età

Parla regolarmente della sicurezza online

La comunicazione è fondamentale per la sicurezza sui social media

Sacha Lazimi afferma che “la comunicazione è fondamentale” quando si tratta di aiutare “a preparare i giovani per questo panorama digitale in continua evoluzione”.

"Proprio come i bambini vengono avvisati di non parlare con estranei in pubblico o di non mettere la mano su un fornello caldo, dovrebbero anche imparare a modificare le loro impostazioni per impedire che i loro dati personali e l'importanza di parlare apertamente se si imbattono in qualcosa online che li rende spaventati o preoccupati”.

Esplora gli spunti di conversazione per iniziare a parlare con tuo figlio della sua vita digitale.

Partecipare insieme agli spazi sociali

Mostra ai bambini come socializzare in sicurezza

Andy Robertson incoraggia i genitori a impegnarsi negli spazi sociali con i propri figli. Questo li aiuterà a “capire dove sono i confini sani”.

“I genitori possono svolgere un ruolo nell’aiutare i bambini a identificare ciò che è un resoconto accurato e ciò che è solo un’opinione. Anche se il concetto di fake news può essere un po’ fuorviante, avere la capacità di distinguere tra fatti e opinioni è uno strumento utile per il futuro”.

Aiuta i bambini di età compresa tra 9 e 11 anni a comprendere la differenza tra convinzione, fatto e opinione con Digital Matters.

Promuovere il pensiero critico e l’empatia

Fornisci ai bambini le competenze di cui hanno bisogno per prosperare online

“Promuovere il pensiero critico e l’empatia è fondamentale per coltivare abitudini responsabili e sostenibili sui social media tra i giovani”, afferma Sacha Lazimi, CEO di Yubo.

Dalla verifica dei fatti che ottengono alle informazioni su come interagire in modo positivo con gli altri, lo sviluppo di queste competenze aiuterà i giovani a prosperare con l’evoluzione dei social media.

Scopri di più con la nostra guida al pensiero critico online.

Incontra gli esperti

John Carr

John Carr è segretario della Coalizione di beneficenza per bambini del Regno Unito sulla sicurezza in Internet e membro del comitato esecutivo del Consiglio britannico per la sicurezza in Internet dei bambini.

È anche consulente esperto senior delle Nazioni Unite (International Telecommunication Union). Nel giugno 2012, John è stato nominato Senior Visiting Fellow presso l'LSE.

Foto del volto di Sacha Lazimi, CEO e co-fondatore dell'app di social networking Yubo.
Sacha Lazimi

Sacha è il co-fondatore e CEO di Yubo, un'app di social discovery dal vivo per la generazione Z lanciata nel 2015. In qualità di CEO, Sacha ha svolto un ruolo fondamentale nell'espansione della presenza globale dell'app social con sede a Parigi in più di 140 paesi e nel portare l'innovazione della sicurezza online di Yubo a servire oltre 80 milioni di giovani utenti. .

Prima di lanciare Yubo, Sacha ha co-fondato le app social Twelve e Saloon, che fungono da base per il modello di scoperta sociale dal vivo di Yubo. Ha conseguito una laurea in matematica presso l'Université Paris Dauphine e ha studiato imprenditoria e informatica presso CentraleSupélec.

Scopri di più sulle misure di sicurezza di Yubo.

Scopri come Yubo supporta le questioni relative a Internet.

Colpo alla testa dell'esperto di giochi Andy Robertson.
Andy Robertson

Andy Robertson ha tre figli e da 15 anni scrive di tecnologia per le famiglie. È un esperto di tecnologia familiare freelance per la BBC e ha scritto il libro Taming Gaming per i genitori insieme a Database di giochi per famiglie.

È stato utile?
Dicci come possiamo migliorarlo