MENU

Risorse della scuola secondaria

Materiale didattico gratuito sulla sicurezza elettronica

La maggior parte dei videogiochi e delle piattaforme di social media sono progettati per bambini dai 13 anni in su. Mentre il 44% dei bambini delle scuole primarie possiede il proprio cellulare, lo stesso vale per il 97% dei bambini delle scuole secondarie. Tuttavia, non tutti i bambini comprendono i pericoli dello spazio online o credono di essere abbastanza maturi per gestirli. Ecco perché è importante fornire loro le competenze di cui hanno bisogno per fare scelte sicure con risorse di qualità per la scuola secondaria.

Dalla gestione del tempo trascorso davanti allo schermo alla navigazione di cyberbullismo o contenuti inappropriati, abbiamo una varietà di risorse per la scuola primaria per aiutare a insegnare agli adolescenti l'uso online sicuro.

Trova risorse gratuite per la scuola secondaria per scuole e insegnanti.

Problemi comuni di sicurezza online nelle fasi chiave 3 e 4

Il mondo digitale offre una serie di vantaggi a bambini e giovani, ma non tutti gli adolescenti comprendono i rischi dannosi che possono interessarli online. Di seguito sono riportati problemi comuni di sicurezza elettronica che potrebbero verificarsi i bambini in KS3 e KS4. Scopri cosa sono e come gli insegnanti possono supportarli.

Cyberbullismo

Secondo Rapporto Ofcom 2022, il 71% dei genitori di bambini di età compresa tra 12 e 15 anni era preoccupato per il bullismo online. Le persone di età compresa tra i 12 e i 15 anni avevano maggiori probabilità di essere vittime di bullismo tramite app di testo/messaggistica. Rispetto ad altri gruppi di età, i bambini di età compresa tra 12 e 15 anni avevano meno probabilità di subire atti di bullismo faccia a faccia rispetto a quelli online.

Alcune ricerche suggeriscono che i bambini potrebbero smettere di denunciare il bullismo perché sentono che non viene affrontato in modo appropriato. In qualità di educatori, è importante insegnare ai bambini i percorsi migliori per denunciare il bullismo online e allo stesso tempo condividere le risorse che possono utilizzare. Il comportamento abusivo non dovrebbe mai andare incontrollato.

Lettura aggiuntiva

Risorsa per la scuola secondaria a sostegno dei bambini

Notizie false e disinformazione

Il 91% dei bambini di età compresa tra 12 e 15 anni utilizza i social media. Secondo il rapporto sul consumo di notizie 2022 di Ofcom, Instagram, TikTok e Youtube sono le fonti di notizie più comuni tra gli adolescenti. Con così tante informazioni false diffuse attraverso i social media, è importante insegnare agli adolescenti come pensare in modo critico a ciò che vedono online.

Le informazioni false sono spesso chiamate "notizie false", ma sono più di questo. I due principali tipi di informazioni false sono la disinformazione e la disinformazione. La disinformazione è una falsa informazione che le persone condividono perché pensano che sia vera, mentre la disinformazione è una falsa informazione che è nota per essere falsa e condivisa di proposito. In molti casi, la disinformazione può diventare disinformazione.

Se qualcuno condivide di proposito informazioni false, di solito ha un motivo per farlo. Questo potrebbe essere per fare vendite, influenzare le convinzioni o ottenere visualizzazioni / coinvolgimento della pagina. Quando gli altri credono alle informazioni, è probabile che le condividano e le diffondano ad altri che potrebbero crederci. Se gli utenti non verificano ciò che vedono, potrebbero continuare a diffonderlo inconsapevolmente.

Lettura aggiuntiva

Risorsa per la scuola secondaria a sostegno dei bambini

Contenuto inappropriato

I contenuti inappropriati possono includere qualsiasi cosa non adatta all'età di un bambino come:

Le conversazioni e le lezioni con i bambini sui contenuti inappropriati possono aiutarli a capire cosa è e non è giusto che vedano e perché.

Lettura aggiuntiva

Risorse per la scuola secondaria a sostegno dei bambini

Privacy e sicurezza

Nel loro 2022 Uso e atteggiamenti dei media da parte dei bambini rapporto, Ofcom ha scoperto che i bambini utilizzano una serie di misure di privacy e sicurezza per mantenersi al sicuro online. Questi includono la navigazione in modalità di navigazione in incognito (21%) e l'utilizzo di un server proxy (5%). Sebbene queste misure promuovano la privacy, in realtà possono lasciare gli adolescenti aperti a più danni online come contenuti inappropriati o estremisti.

Inoltre, il 6% dei bambini segnala di aver ignorato il controllo genitori che impedisce loro di visitare alcune app e siti. Pertanto, è importante insegnare agli adolescenti Perché le impostazioni sulla privacy e il controllo genitori li avvantaggiano. Potrebbero non comprendere ancora appieno l'importanza della loro sicurezza online.

Il 94% dei bambini di età compresa tra 12 e 17 anni utilizza i social media e mentre queste piattaforme spesso consentono agli utenti di limitare chi può interagire con loro, solo il 30% riferisce di utilizzare questi controlli. Aiutare gli adolescenti a comprendere l'importanza della privacy online può aiutarli ad assumere una maggiore responsabilità della loro sicurezza online. Avere queste funzionalità in atto garantirà il loro reputazione online resta positivo per il futuro.

Lettura aggiuntiva

Risorse per la scuola secondaria a sostegno dei bambini

Tempo sullo schermo

Il 97% dei bambini di età compresa tra 12 e 15 anni ha il proprio cellulare, arrivando fino al 100% tra i 16 e i 17 anni. Utilizzano una varietà di dispositivi e piattaforme, inclusi videogiochi, piattaforme di condivisione video e app di social media. In media: i ragazzi giocano circa 4 ore di videogiochi al giorno mentre le ragazze giocano circa 2 ore; i ragazzi dai 7 ai 16 anni trascorrono online poco meno di 3 ore e mezza al giorno; i bambini di età compresa tra 4 e 15 trascorrono poco meno di sei ore alla settimana a guardare contenuti video. Inoltre, il 62% dei 7-16enni ha sempre accesso ai propri telefoni cellulari, il che significa che potrebbero trascorrere più tempo di quanto registrato.

Nello stesso rapporto dell'Ofcom come sopra, il 40% dei genitori afferma di avere difficoltà a gestire il tempo davanti allo schermo del proprio figlio. Il sostegno delle scuole è fondamentale per aiutare i bambini a capire come bilanciare l'uso dello schermo.

L'uso equilibrato dello schermo significa utilizzare i dispositivi per scopi diversi. Questo potrebbe essere giocare ai videogiochi o navigare sui social media, ma potrebbe anche includere il completamento dei compiti, il lavoro scolastico, l'apprendimento di nuove abilità, la pratica del benessere e altro ancora. Significa anche prendersi una pausa dal digitale per concentrarsi su attività offline come la scuola, trascorrere del tempo con la famiglia e gli amici, rimanere attivi e altro ancora.

Nei nostri report creato con TikTok, abbiamo scoperto che la maggior parte degli adolescenti è consapevole della propria necessità di gestire il proprio tempo davanti allo schermo. Lo fanno attraverso una varietà di metodi, comprese le app per lo schermo. Sebbene riconoscano che potrebbero aver bisogno di supporto, vogliono la capacità di flessibilità. Insegnare agli adolescenti come trovare l'equilibrio è un'abilità importante che possono portare con sé oltre la scuola.

Lettura aggiuntiva

Risorse per la scuola primaria a sostegno dei bambini

Autolesionismo

Sebbene l'autolesionismo online appaia diverso dall'autolesionismo offline, entrambi sono dannosi per un giovane. In linea, può includere:

  • i giovani incoraggiano gli altri a farlo arrosto loro
  • consumare contenuti che promuovono disturbi alimentari o autolesionismo
  • ottenere la convalida di sentimenti suicidi o dannosi sui forum online
  • trolling o dire cose online per ricevere reazioni offensive

L'autolesionismo digitale spesso convalida i sentimenti di depressione o inutilità di qualcuno e non dovrebbe essere spazzato via. Insegnare ai giovani sbocchi salutari per gli stati d'animo depressi può aiutarli a imparare come regolarsi e riconoscere quando è il momento di cercare aiuto.

Lettura aggiuntiva

Risorse per la scuola secondaria a sostegno dei bambini

Sexting

Il sexting è la condivisione di messaggi e immagini sessualmente espliciti online, spesso tramite app di messaggistica e sms.

I giovani si impegnano nel sexting per una serie di motivi. Il 17% dei bambini di età superiore ai 15 anni riferisce di aver condiviso immagini di se stessi nudi in a Relazione 2020. Tra questo numero, i bambini con vulnerabilità hanno maggiori probabilità di fare sesso. Ad esempio, i bambini con esperienza di assistenza (26%), quelli con disturbi alimentari (23%) e quelli con malattie fisiche di lunga data (20%) avevano maggiori probabilità di impegnarsi nel sexting rispetto a quelli senza vulnerabilità (6%).

Tra coloro che hanno condiviso nudi, il 18% riferisce di essere stato ricattato o costretto a farlo. Tuttavia, indipendentemente dal motivo per cui condividono queste immagini, è una forma di abusi da bambino a bambino e le vittime devono essere consapevoli dei modi in cui possono ottenere aiuto.

Lettura aggiuntiva

Risorse per la scuola secondaria a sostegno dei bambini

Piattaforme popolari per bambini in KS3 e KS4

Scopri i giochi e le piattaforme più popolari che i tuoi studenti potrebbero utilizzare, inclusi i loro vantaggi e i problemi a cui prestare attenzione.

Risorse in primo piano per la scuola primaria da utilizzare in classe

Le nostre risorse gratuite per la sicurezza elettronica aiutano a semplificare l'insegnamento della sicurezza online. Da lezioni dettagliate a strumenti unici, queste risorse per la scuola secondaria coprono alcuni degli argomenti più importanti sulla sicurezza online per i bambini della scuola secondaria.

Il progetto insieme online

Usa questo strumento per avviare una discussione sugli stereotipi trovati online. Crea una lezione che utilizzi il quiz sugli stereotipi di genere come valutazione, attività o inizio e inizia a sfidare i pregiudizi online.

VEDI RISORSA

FTF-Asset1-1200x630

Trova il falso

Aiuta i bambini a imparare a riconoscere informazioni inaffidabili o false online utilizzando questo quiz creato con Google. Usalo all'interno della tua lezione come antipasto, attività principale o valutazione per ridurre al minimo i rischi online.

VEDI RISORSA

Cyberbullismo14plus-1200x630

Conversazioni di cyberbullismo

Usa le nostre guide per avviare la conversazione per aiutare gli studenti a sentirsi a proprio agio nell'essere onesti riguardo al cyberbullismo. Crea un compito a casa per coinvolgere i genitori nella sicurezza online dei loro figli.

VEDI RISORSA

DigitalResilience14plus-1200x630

Digital Resilience Toolkit

Insegna ai bambini a essere resilienti online utilizzando questa risorsa della scuola secondaria come guida per la tua lezione. Oppure invia questa risorsa a casa per aiutare i genitori a sostenere la resilienza digitale dei bambini a casa ea scuola.

VEDI RISORSA

DigitalWellbeing-1200x630

Guida alle app

Aiuta i bambini delle scuole secondarie a bilanciare il tempo trascorso davanti allo schermo utilizzando i loro dispositivi in ​​modo mirato. Queste app e questi giochi aiutano i bambini a rimanere attivi, a gestire il proprio benessere e ad apprendere una serie di nuove abilità.

VEDI RISORSA

FamilyAgreement-1200x630

Accordo digitale

Aiuta i bambini a pensare a quanto tempo trascorrono le loro famiglie sui dispositivi con questo modello di contratto familiare. Chiedi ai bambini di crearne uno da condividere con le loro famiglie o di inviare il modello a casa ai genitori.

VEDI RISORSA

Altre risorse

Risorse per le lezioni
google-teach-da-casa
Google e YouTube insegnano da casa
Google offre video di una serie di educatori per supportare l'apprendimento a casa.
Google offre video da una gamma di ...
Risorse per le lezioni
BBC-Bitesize-logo
BBC Bitesize
Bitesize è un servizio di revisione e riepilogo per gli studenti da KS1 a GCSE
Bitesize è un servizio di revisione e riepilogo ...
Risorse per le lezioni
bill.png
Essere intelligenti con il tuo smartphone
Childnet International e l'Autorità per i servizi telefonici (PSA) hanno progettato una lezione progettata per gli insegnanti da utilizzare con i bambini di età 8-11 per aiutarli a capire che è possibile spendere soldi veri tramite i loro telefoni
Childnet International e l'Autorità per i servizi telefonici ...
Risorse per le lezioni
Le prime storie di M-story act image2
LGfL Act Early – Storie di radicalizzazione
Basato su tre storie di vita reale di giovani le cui vite sono state colpite dalla radicalizzazione, Act Early Stories include video potenti e diapositive di sessioni pronte all'uso, progettate per stimolare la discussione e supportare i giovani vulnerabili. Per aiutare a creare fiducia e ridurre il carico di lavoro, contiene anche note di orientamento, in modo che insegnanti e animatori giovanili possano utilizzare l'intera sessione o le singole attività.
Basato su tre storie di vita reale di giovani...
È stato utile?
Dicci come possiamo migliorarlo