Odio e trolling online: la storia di un genitore

Poiché i bambini trascorrono più tempo a interagire tra loro online, è importante aiutarli a riconoscere comportamenti che possono diffondere contenuti dannosi. Mamma Beth condivide l'esperienza personale della sua famiglia sull'odio online.

I bambini di Beth avevano appreso dell'odio online a scuola, ma non è stato fino a quando non è arrivato vicino a casa che la famiglia ha davvero parlato del problema.

Parlando con i suoi figli dell'odio online

"Abbiamo avuto molti volantini inviati a casa da scuola, ma quando i bambini sono cresciuti, hanno iniziato a sperimentare il lato negativo dei social media", afferma Beth. "Mio figlio, in particolare, stava ricevendo una serie di messaggi poco gentili dalle persone a scuola."

L'approccio di Beth era di parlare direttamente a suo figlio, spiegando che questi messaggi non erano accettabili. "Solo perché le persone non ti dicono qualcosa in faccia, non significa che quelle parole vadano bene", dice. "Non è una battuta e le parole possono avere un effetto reale sulle persone."

Affrontare l'odio online

La famiglia ha convenuto che in futuro i bambini dovrebbero immediatamente far sapere a un adulto se hanno ricevuto messaggi offensivi e segnalare qualsiasi odio online che vedono diretto verso gli altri. "Gli ho detto che può dire a qualsiasi adulto di cui si fida, ma l'importante è che sia un dialogo aperto e mai ignorato."

L'esperienza del figlio di Beth è iniziata con i messaggi inviati dalle ragazze a scuola, chiamandolo nomi. "Mentre passava alla lingua o alle parolacce odiose, ho deciso di parlare con l'insegnante, poiché non conoscevo i genitori", afferma Beth.

Sebbene il figlio di Beth non sia stato eccessivamente angosciato dal messaggio, Beth è fermamente convinta che il problema non debba essere ignorato. “Questa generazione può spesso sentire che non c'è scampo se vedono le persone tutto il giorno e poi ricevono messaggi a casa. Essere aperti e aumentare le impostazioni di sicurezza dei bambini è essenziale per proteggere i bambini dall'odio online. "

Mantenere i bambini e i giovani al sicuro

Mentre ai figli di Beth sono consentiti account sui social media, Beth e suo marito insistono su account privati, con tutte le impostazioni di sicurezza abilitate. Su piattaforme come TikTok e Instagram, i filtri possono essere utilizzati per rimuovere un linguaggio offensivo. "Abbiamo anche rimosso quelle persone dalla lista dei suoi amici e abbiamo parlato di come deve essere responsabile del contenuto che condivide", afferma Beth. “Una volta, ha lanciato un messaggio scherzoso su un ragazzo della sua classe, ma ho sottolineato che potrebbe non vederlo in quel modo. Mio figlio ha accettato e rimosso il contenuto. "

Le regole della famiglia sul parlare con estranei online sono molto rigide. Esiste anche una politica di "porta aperta" per cui i bambini accedono a Internet solo nelle aree in cui mamma o papà possono entrare per controllare cosa sta succedendo.

Consigli per i genitori

Beth crede che i genitori spesso non siano consapevoli di come i loro figli parlano online e che l'odio online verso i giovani proviene spesso da altri giovani. È anche importante educare i bambini su cosa fare quando vedono l'odio da parte degli utenti Internet più anziani, aggiunge Beth. "Nelle ultime settimane c'è stata una vera cultura di" chiamare le persone "per il razzismo e l'odio contro il bullismo online, quindi mostra ai bambini le conseguenze della vita reale di non pensare a ciò che pubblichi", afferma. "Ma mi chiedo se diventa un circolo vizioso di persone vittima di bullismo per bullismo di qualcun altro, quindi non arriviamo da nessuna parte."

La situazione sarebbe più semplice se i canali di segnalazione ufficiali fossero più facili da usare e più rigorosi, afferma Beth. “Al momento, la pressione è su di noi per bloccare quel contenuto, piuttosto che essere in grado di rimuoverlo da una piattaforma.

Come genitore, fermare l'odio online inizia davvero a casa, dice Beth. “Insegna ai bambini a non odiare, a scegliere attentamente le parole e a pensare all'impatto che queste parole possono avere. Le parole sono così potenti e possono davvero causare enorme angoscia e dolore. "

Inoltre, i bambini devono essere consapevoli che l'odio online può seguirli per gli anni a venire, aggiunge Beth. "Il mondo online ha l'abitudine di tornare a perseguitarti, quindi i bambini devono essere consapevoli dell'impatto a lungo termine e della durata di questi screenshot!"

Beth è una bambina di 34 che vive nelle Midlands con il marito, il figlio di 10 e le figlie gemelle di 6. Scrive il blog Twinderelmo.co.uk che è stato istituito in 2013.

Messaggi recenti

Scroll Up