Come posso aiutare mio figlio a gestire le proprie amicizie online in sicurezza?

Sia che si stia aggiungendo alla loro serie su Snapchat o raggiungendo gli amici su Facetime, i social media hanno cambiato il modo in cui i bambini interagiscono e condividono online. Per supportare i bambini, i nostri esperti forniscono semplici suggerimenti per aiutare.


Martha Evans

Coordinatore nazionale, Alleanza anti-bullismo
Sito Web esperto

Gli adulti possono facilmente dimenticare quanto contano gli amici per bambini e adolescenti. È una parte normale dello sviluppo di un bambino voler "appartenere" e avere molti amici. Questo è altrettanto vero per le relazioni online: c'è una pressione per essere visti come popolari e questo può significare che i bambini 'amici' quante più persone possibile sui siti di social network. Per tuo figlio queste "amicizie" contano.

Ecco alcuni suggerimenti per aiutarti a parlare delle relazioni digitali con tuo figlio:

  • Parla con tuo figlio di cosa vuol dire essere amici - spiega il valore della vera amicizia - come fiducia, rispetto e gentilezza. Mostra loro il valore della loro amicizia con gli altri. Aiutali a riconoscere quando altre persone potrebbero essere vittima di bullismo online.
  • Non umiliare o sminuire il loro desiderio di una relazione romantica o sessuale, ma discuti alcuni dei rischi delle relazioni online, come le persone che creano profili falsi o condividono i tuoi pensieri e sentimenti privati ​​con altre persone.
  • Non aver paura della tecnologia: lascia che tuo figlio abbia il controllo mostrandoti i tipi di siti che gli piace visitare per fare amicizia o per collegarti con amici e colleghi. Chiedi loro di mostrarti come impostare le impostazioni sulla privacy o come bloccare qualcuno che ti disturba. Se non lo sanno, prendi il tempo per imparare insieme.

Dr. Linda Papadopoulos

Psicologo e ambasciatore delle questioni Internet
Sito Web esperto

Una delle difficoltà principali sono gli spunti che i giovani hanno per comunicare faccia a faccia e leggere le emozioni - non ci sono. Ci vuole un po 'di tempo per crearlo online in quanto vi è un ampio margine di lettura errata delle cose, il che può far arrabbiare i bambini. I genitori dovrebbero parlare della differenza tra comunicazione verbale e scritta e di come le persone capiscono il significato dietro le cose che vedono online. Ad esempio, le foto di cui potresti essere veramente orgoglioso, come una foto di te che vinci durante una giornata sportiva, possono essere lette forse come vanto. Ecco perché i genitori devono avere discussioni sfumate su come assimilare il comportamento reciproco. Ciò che i genitori fanno è discutere di come il discorso sia spesso diverso.

L'altra cosa fondamentale sulla gestione delle relazioni digitali dei bambini è il feedback che ottengono online. Un bambino potrebbe essere turbato dal fatto che al suo amico non sia piaciuta una foto o potrebbe sentire la pressione di apprezzare ogni foto che un determinato amico pubblica. I genitori devono discutere del motivo per cui pubblicano immagini come se gli piace quello che hanno pubblicato, non è che ciò che è veramente importante o che pubblicare un'immagine o meno come un'immagine possa essere visto come un atto di aggressione. Ciò contribuirà davvero a ridurre al minimo l'impatto che ha sui bambini. Se si sentono arrabbiati per qualcosa, si tratta di spostarlo da un'emoji a una conversazione nel mondo offline.

Dr Tamasine Preece

Responsabile dell'educazione personale e sociale
Sito Web esperto

Gli smartphone hanno la capacità di interrompere il normale processo, sebbene impegnativo, di sviluppo delle competenze e dell'esperienza necessarie per gestire le loro relazioni sempre più complesse. La comunicazione digitale spesso non riesce a catturare la sfumatura e il sottotesto delle relazioni umane e le conversazioni possono spesso essere estratte dal contesto, portando al turbamento.

Uno schermo di stampa o un'immagine relativa al conflitto può quindi essere condivisa con il più ampio gruppo per gruppo che spesso offre giudizio e colpa in modi sproporzionati rispetto al reato originale. Molti giovani esprimono una forte ansia nelle loro relazioni quando diventano ipervigilanti e diffidenti nei confronti dei loro amici. L'aspetto più dannoso delle relazioni mediate digitalmente è, nella mia esperienza, la mancanza di spazio che consente al giovane di "rinfrescarsi" e riflettere su un corso o azione o risposta prima di rispondere.

Scrivi il commento

Scroll Up