Qual è l'impatto reale del discorso d'odio online sui giovani?

Man mano che i discorsi di odio e la pesca a traina diventano più comuni online, i nostri esperti forniscono consigli su come i genitori possono svolgere un ruolo nel supportare i giovani su questo tema.


Sue Jones

Vice CEO globale, Ditch the Label
Sito Web esperto

I giovani sono connessi più che mai e sebbene ciò possa essere un enorme vantaggio nel collegarli con amici, comunità, persone care e conoscenze, può ovviamente essere problematico in quanto sono esposti a un flusso quasi costante di informazioni che potrebbero non avere le capacità critiche per filtrare e navigare.

Molti giovani hanno una chiara identità digitale che molto spesso riflette il nucleo di chi sono. Ad esempio, potrebbero non essere "fuori" come LGBTQ + offline ma nella loro vita online. Se questo viene attaccato, colpisce molto duramente una parte unica di loro di cui dovrebbero essere giustamente orgogliosi. Essere esposti a qualsiasi forma di incitamento all'odio che attacca la propria comunità o identità è doloroso e può purtroppo portare alcuni a non voler "rivelare" quella parte di se stessi. Se assistono a un gruppo più ampio di persone che riguardano l'attacco, c'è da meravigliarsi che possano iniziare a sentirsi negativamente verso quella caratteristica?

Ciò influisce direttamente sulla loro autostima e autostima e ha un impatto molto reale sul loro benessere mentale con molti che riportano alti tassi di ansia e depressione. A Abbandona l'etichetta, lavoriamo sodo per autorizzare i giovani a celebrare chi sono e a capire che il problema è solo della persona che dirige loro l'odio - e non dovrebbero mai avere la sensazione di dover cambiare chi sono. Se vengono presi di mira in un ambiente offline oltre a quello online, spesso non può esserci scampo dall'abuso e questo amplifica gli impatti.

In che modo i genitori dovrebbero affrontare una conversazione sull'odio online con i giovani?

Raccomandiamo sempre di avere conversazioni aperte e oneste con i giovani sulle loro vite ed esperienze online proprio come fanno le loro vite a scuola o al college. Chiedi loro quali piattaforme stanno utilizzando e se sanno come segnalare se succede qualcosa. Tieni queste conversazioni regolarmente invece di aspettare che si verifichi un problema e assicurati che sappiano che possono venire da te con qualsiasi problema e che sarai lì per supportarle.

Queste conversazioni iniziali non devono necessariamente essere serie e pesanti, ma possono essere svolte altrettanto facilmente nelle normali conversazioni a tavola o mentre si guarda la TV. In realtà, questo approccio molto spesso rimuove qualsiasi pressione per condividere con te qualsiasi preoccupazione possano avere.

Se ti dicono che sono preoccupati per qualcosa, dai loro il tempo di spiegare e ascoltare davvero. Cerca di non arrabbiarti se ritieni che non avrebbero dovuto accedere a una particolare piattaforma o sito Web o che non avrebbero dovuto condividere o pubblicare qualcosa. Sono quindi molto più propensi ad aprirti e condividere ciò che sta succedendo. Informati sulle piattaforme che stanno utilizzando e, se puoi, trascorri del tempo con loro utilizzando un gioco o una piattaforma specifici.

Qualsiasi odio diretto verso di loro dovrebbe essere preso molto sul serio proprio come farebbe se accadesse offline. Ricorda loro che non sono in colpa. Potrebbe essere necessario segnalarlo, non solo alla piattaforma su cui si è verificato, ma in alcuni casi alla polizia come reato di odio.

Quali aspettative dovrebbero avere genitori e giovani quando si tratta di denunciare discorsi di odio online a cui sono stati esposti?

La maggior parte delle piattaforme di social media ha processi di segnalazione e ognuna ha le proprie linee guida in merito all'odio e all'incitamento alla violenza o all'abuso, sia che si tratti di parole scritte o immagini su piattaforme pubbliche. Questa procedura considera anche ciò che può essere considerato la libertà di parola. In caso di dubbio, riferire sempre e i loro moderatori indagheranno e inoltre ciò aiuta a perfezionare i sistemi di segnalazione per comprendere le tendenze emergenti e adattarsi di conseguenza.

Ci possono essere momenti in cui può essere difficile navigare nelle procedure di segnalazione o potresti non essere soddisfatto del risultato. Se non riesci a rimuovere contenuti molesti, offensivi o di odio, puoi contattarci qui. Ditch the Label sono Trusted Flagger su tutte le principali piattaforme, il che significa che spesso possiamo rimuovere rapidamente i contenuti, anche se sono già stati segnalati inutilmente.

I nostri mentori formati possono fornire supporto sulle questioni che riguardano i giovani qui. Possono supportare non solo nella rimozione di contenuti, ma nel fornire supporto per andare avanti.

Sajda Mughal OBE

Amministratore delegato di JAN Trust, attivista e consulente
Sito Web esperto

Cosa dovrebbero fare i bambini se incontrano discorsi di odio online?

Con la crescita dei social media, purtroppo molti bambini incontreranno discorsi di odio online e dobbiamo garantire che i giovani siano consapevoli di cosa dovrebbero fare se incontrano discorsi di odio online. Se i bambini vedono discorsi di odio online, è fondamentale dire a qualcuno di cui si fidano che sia un genitore o un insegnante, per esempio. Questo è importante per una serie di motivi; in primo luogo, il discorso di odio deve essere segnalato al corpo appropriato. In secondo luogo, è importante dire a un adulto di parlare di ciò che il bambino ha visto - questo è il caso anche se il discorso dell'odio non influisce direttamente sul bambino, è comunque importante che il bambino capisca che ciò che è stato detto è odioso e sbagliato, andare contro la maggior parte dei valori della società. Se il discorso dell'odio ha colpito direttamente il bambino, è importante che parlino di come li ha fatti sentire e di cosa si può fare per aiutarli a gestire questi sentimenti.

Dr. Elizabeth Milovidov, Esq

Professore di giurisprudenza ed esperto di genitorialità digitale
Sito Web esperto

Cosa dovrebbero fare i genitori per sostenere il proprio figlio se sono vittime di un discorso d'odio online?

Nell'odierna società di Internet, i discorsi di odio online (commenti odiosi, razzisti o sessisti) sono qualcosa che i nostri bambini e giovani stanno sempre più osservando e talvolta sperimentando. I governi di tutto il mondo stanno aumentando la legislazione per combattere l'odio online e le società di social media stanno aumentando le protezioni sulle loro piattaforme.

Mentre queste sono azioni encomiabili, oggi i genitori possono essere chiamati a sostenere i propri figli fino a quando il discorso di odio online non sarà sradicato. Come per tutte le sfide legate alla genitorialità di un bambino nell'era digitale, i genitori possono utilizzare questo argomento come argomento di conversazione. I genitori possono quindi utilizzare la discussione come modo per esprimere i propri valori familiari e culturali, fornire ai bambini strategie per combattere il discorso d'odio online e sottolineare l'importanza dell'empatia e della gentilezza.

Modi per iniziare una conversazione:

  • Che cos'è l'odio online?
  • Hai mai incontrato discorsi di odio online? Come ti sei sentito?
  • Cosa dovresti fare se vedi un discorso di odio online?
  • Sai come segnalare / bloccare discorsi di odio online su piattaforme diverse?
  • Come pensi che la persona abbia sentito chi ha scritto il commento online? Come pensi che le persone si sentano quando leggono il commento online?
  • Come possiamo diffondere gentilezza e compassione online?

I genitori dovrebbero anche controllare il Hacking Hate toolkit online prodotto da European Schoolnet, UK Safer Internet Centre, The Diana Award e altri partner. Il toolkit esamina come i giovani possono combattere l'odio online e come attuare il cambiamento nelle nostre comunità.

Altre risorse

Scrivi il commento

Scroll Up