Risposta alla consultazione: danni in linea ed etica dei dati

Nell'ambito della consultazione del governo del Regno Unito sui danni in linea e l'etica dei dati, la nostra direttrice delle politiche Claire Levens fornisce informazioni che abbiamo ottenuto da genitori, adolescenti e accademici.

Insights from Living the Future: The Technological Family and Connected Home

Siamo lieti di rispondere a questa consultazione e nel corso di questo documento attingeremo ampiamente al nostro rapporto pubblicato di recente: "Living the Future: The Technological Family and Connected Home". Living the Future era un lavoro accademico indipendente scritto dal professor Lynne Hall della Sunderland University. È stato commissionato e modificato da Internet Matters e finanziato da Huawei. Puoi leggere il rapporto per intero qui.

Il rapporto ha utilizzato una serie di metodologie prima, durante e dopo il blocco per comprendere l'uso da parte delle famiglie della tecnologia domestica e le loro aspettative per il futuro. Ciò è stato rafforzato da una revisione della letteratura e da uno studio delphi che comprende esperti accademici e del settore, specialisti della sicurezza online e scuole, un sondaggio tra genitori, laboratori per adolescenti e interviste familiari approfondite. I dettagli completi del mix di metodologie sono disponibili a pagina 4.

Volevamo produrre un diverso tipo di rapporto, che si concentrasse sul futuro e chiedesse alla società di pensare alle opportunità e ai rischi della tecnologia connessa e alle sfide che le famiglie potrebbero dover affrontare per quanto riguarda i dati, il benessere e la sicurezza dei bambini. Essere sul campo prima, durante e dopo il blocco ha fornito una finestra sulla domanda accelerata di connettività e sulle conseguenze, sia della connettività che della disconnessione. La mancanza di accesso alla tecnologia è una questione di giustizia sociale, una questione in cui sappiamo che il Comitato è già impegnato.

Cosa ci dicono i genitori, i tutori e i professionisti

Oltre a questo rapporto, attingeremo anche alla nostra esperienza di corsa focus group con genitori, tutori e professionisti che si prendono cura degli adolescenti con SEND e il nostro sondaggio periodico dei genitori. Ascoltiamo 2000 genitori tre volte all'anno per comprendere i loro problemi di sicurezza online e qualsiasi esperienza di rischio o danno incontrata dai loro figli.

Risposta alle domande di consultazione

Come vengono raccolti i dati e questo è etico?

Se per "etico" il Comitato intende moralmente buono o corretto, allora la nostra risposta deve essere che la raccolta dei dati da casa di solito non è etica. Questa conclusione deriva dalla nostra indagine di ricerca secondo cui molti dei dispositivi connessi in casa - dagli altoparlanti intelligenti e TV ai giocattoli connessi sembrano in effetti trattare le persone in casa come soggetti di dati, piuttosto che come persone. Il costo dei contenuti apparentemente gratuiti sono i dati. I nostri dati.

 

Nella nostra ricerca il 42% delle famiglie aveva già un dispositivo intelligente e il 39% lo aveva in una lista dei desideri. Le case stanno diventando edifici sempre più porosi poiché i dati personali fluiscono dentro e fuori dai dispositivi intelligenti. Entro il 2025, gli assistenti vocali si sentiranno sinonimo di casa, personalizzati per chi ci vive e forse regoleranno anche le comunicazioni interne. Tuttavia, è improbabile che diventino "uno di famiglia" in quanto vi è una mancanza di fiducia e le famiglie non sono sicure della raccolta, della conservazione e dell'uso di ciò che dicono dal loro Assistente vocale.

Rafforzare questa sfiducia è un senso di fondo che la privacy è compromessa dalla mancanza di trasparenza e comprensibilità relativa a ciò che accade con questi dati vocali e chi gestisce, accede manipola e ne trae vantaggio. I Termini e condizioni a cui le famiglie si iscrivono potrebbero giustificare molti usi dei dati, forse non ancora conosciuti. Ma se non ti iscrivi, non avrai accesso. Quindi, sia per il gioco che per il commercio, il prezzo di partecipazione è la fornitura di dati personali. Questo, ovviamente, solleva la questione etica di cosa sia ora il "consenso informato" e cosa possa essere se lo reinventiamo.

Il 5RightsFramework che è stato il risultato di ampie consultazioni con i bambini guidate dalla temibile baronessa Kidron ha come secondo diritto, il diritto di sapere. Questo è il diritto di: 'sapere chi e cosa e perché e per quali finalità i tuoi dati vengono scambiati. E una scelta significativa sull'opportunità di impegnarsi nello scambio. ' Questo ci sembra un utile punto di giudizio sul fatto che l'acquisizione dei dati sia etica o meno. Se questo è lo standard, suggeriremmo che c'è ancora molta strada da fare.

Come vengono aggregati, sintetizzati e / o dedotti i dati?

  • ad esempio come vengono raccolti i dati sulle persone
  • quanto ne capiscono i consumatori

Le nostre osservazioni si limitano alla seconda parte di questa domanda, sulla comprensione del consumatore. Lynne Hall ha scoperto che, sebbene le famiglie possano avere timori iniziali sulla distribuzione dei dati e sulla privacy, queste preoccupazioni svaniscono quando la comodità prevale sulle preoccupazioni. Se la convenienza è la via principale per aggirare le preoccupazioni sui dati per i produttori di prodotti, è necessario affrontare queste preoccupazioni prima che i dispositivi vengano offerti ai consumatori. La progettazione in termini di minimizzazione dei dati e privacy dovrebbe essere una pratica standard, specialmente per i dati personali e biometrici. L'accettazione passiva non dovrebbe essere un proxy per il consenso informato.

Internet Matters lavorare con i genitori dei bambini SEND suggerisce che sarebbero disposti a fornire ogni tipo di informazione personale se ciò significasse che il loro adolescente avrebbe un'esperienza online più positiva. (La vita online per i bambini con INVIA). Il fatto che i genitori si sentano a proprio agio nell'identificare il proprio figlio come qualcuno con esigenze aggiuntive per integrare le piattaforme di social media indica che hanno poca comprensione del valore di questi dati. Questa è una preoccupazione per ora e qualcosa che dobbiamo trovare un modo per aiutare i genitori a considerare in quanto potrebbero essere conseguenze future sconosciute.

Ciò suggerisce che qui c'è un ruolo per tutti i giocatori. Le autorità di regolamentazione stanno inevitabilmente cercando di recuperare il ritardo e, sebbene il codice di progettazione appropriata per l'età sia un buon inizio, è necessario fare di più poiché sempre più dispositivi intelligenti diventano mainstream. In secondo luogo, le aziende tecnologiche devono fare di più per riflettere sul motivo per cui stanno raccogliendo i dati che sono attualmente ea quale scopo. Potrebbe essere necessario un controllo normativo per stimolare tale riflessione. In terzo luogo, dobbiamo avere una conversazione pubblica inclusiva sul tipo di acquisizione dei dati di cui siamo soddisfatti e su ciò di cui siamo preoccupati, e su come possiamo realmente fornire un consenso informato sia agli adulti che ai bambini su una vasta gamma di piattaforme.

Come vengono utilizzati i dati?

  • offrire contenuti online?
  • In altre applicazioni della vita reale (ad es. Assicurazioni sulla vita; banche; sistema giudiziario; ecc.)

C'è un paradosso qui, in quanto, in un momento in cui sono disponibili più contenuti, ai consumatori viene servito sempre più lo stesso contenuto. Man mano che gli algoritmi si comportano come programmati per personalizzare i contenuti, il volume sempre crescente del contenuto viene incanalato in modo sempre più ristretto, per semplificare la selezione. Ad esempio, il rapporto cita dati che indicano che il 70% dei contenuti di YouTube viene guardato tramite suggerimenti automatici, anziché tramite ricerca. Ciò significa che esiste il rischio reale che la diversità dei contenuti venga effettivamente negata.

Dove la responsabilità di questo risiede è un dibattito etico interessante, poiché probabilmente la responsabilità di ciò che consumiamo, la nostra dieta digitale, spetta all'individuo o al suo assistente. Tuttavia, il rapporto tra l'individuo e la tecnologia nelle loro vite è asimmetrico. Assumere i ranghi ammassati di grandi psicologi tecnologici per esercitare il controllo per disattivare qualsiasi servizio di streaming semplicemente non è una lotta leale. Inoltre, la rimozione de facto della scelta / partecipazione attiva alla nostra selezione dei media è uno sviluppo significativo e preoccupante. Abbiamo bisogno di una varietà di input dei media per dare un senso al mondo che ci circonda e per diventare cittadini digitalmente alfabetizzati. Sostituire quella scelta attiva con un imbuto di contenuto omogeneo non è né moralmente buono né corretto e quindi non è etico.

Perché le persone dovrebbero preoccuparsi di questo e quali meccanismi esistono per far sì che si preoccupino?

A volte è utile considerare un'analogia offline. Se un bambino di otto anni si aggirasse per una comunità che sporca il posto con pezzi di carta con i suoi dati personali, la maggior parte delle persone sarebbe giustamente preoccupata per questo. Allo stesso modo, se un'adolescente lasciasse i suoi dettagli di contatto evidenziando quando i suoi genitori erano fuori casa in un club per adulti, saremmo preoccupati. Le nostre preoccupazioni sarebbero per la loro sicurezza, il loro benessere e la loro privacy. Come offline, così online. Se Paw Patrol è più visto su un servizio di streaming e la colonna sonora di Glee o Frozen II viene regolarmente richiesta da un altoparlante intelligente, verranno fatte ipotesi sull'età degli occupanti in quella famiglia. Aggiungete a ciò le intuizioni dal negozio di alimentari online e le fasce di reddito possono essere identificate.

La domanda quindi diventa: se questi punti dati escono dalla casa e i suoi occupanti sono condivisi altrove, ha importanza? La risposta a questa domanda può dipendere dalla propria prospettiva filosofica o politica. Potresti dire di sì, è importante perché non desidero condividere questi dettagli con un'azienda su cui non ho alcun controllo o persino informazioni sull'uso che mettono i miei dati. Potresti anche dire di no, non ho nulla da nascondere e adoro la personalizzazione che deriva dall'essere 'conosciuto' dai marchi. Ma il punto fondamentale qui è che consumatori / abbonati / spettatori / elettori, chiamali come vuoi, dovrebbero essere in grado di fare una scelta attiva e per farlo, devono avere informazioni accurate, trasparenti e digeribili su ciò che accade i loro dati.

Forse non ci sono risposte chiare sì o no qui, più un riconoscimento che questa conversazione non è stata e non è stata avuta, e tuttavia il nostro rapporto suggerisce che l'implementazione di dispositivi intelligenti è destinata ad aumentare ed è stata accelerata dal blocco.

Il modo in cui convincere le persone a preoccuparsi di questo è estremamente complicato. Dalla nostra esperienza nel convincere i genitori a impegnarsi nella sicurezza online dei loro figli, sappiamo che ci sono quattro opportunità principali per attirare la loro attenzione:

  1. Quando un nuovo dispositivo viene acquistato / portato a casa
  2. Quando un bambino riceve il primo telefono cellulare (di solito intorno agli 11 anni)
  3. Quando qualcosa va storto / è successo qualcosa
  4. Quando un bambino richiede una nuova app, piattaforma o gioco.

A quel punto, i genitori cercano informazioni online o chiedono aiuto alle scuole. È possibile che la commissione possa utilizzare queste intuizioni nel suo rapporto per chiedere:

  1. Maggiori informazioni da fornire al punto di acquisto
  2. Più protezione per i minori
  3. Facilmente disponibili ed effettui vie di ricorso
  4. Informazioni facilmente disponibili su come prevenire la fuga di dati

Tuttavia, ottenere l'attenzione dei genitori su questi problemi è difficile, costoso e richiede uno sforzo costante e dedicato. Sospettiamo che promuovere la consapevolezza della raccolta dei dati tra il pubblico sarà ugualmente se non più impegnativo e quindi suggeriamo che, in tandem con qualsiasi campagna di sensibilizzazione pubblica, le aziende siano sfidate a fare più volontariamente, con ulteriori normative una prospettiva realistica di non conformità.

Una Carta dei diritti digitale (o simile) è utile e pratica per sancire i diritti sui dati e renderli praticamente applicabili alle persone?

Affinché i diritti siano praticamente applicabili alle persone, devono essere pertinenti, significativi e rispettati. Inoltre, le persone devono sapere come presentare reclamo e chiedere un risarcimento se pensano che i loro diritti siano stati violati. Per fare una differenza sostanziale, qualsiasi soluzione della Carta dei diritti deve essere accompagnata da un rimedio semplice ed efficace. Parole semplici da scrivere che nascondono una ricchezza di complessità da rendere reali.

Pensiamo che ci siano alcuni passaggi da compiere prima della creazione di una Carta dei diritti:

  1. Per capire cosa sarebbe necessario per convincere le persone a occuparsi di questo problema
  2. Per capire quali opzioni volontarie sono disponibili dalle società tecnologiche
  3. Per esplorare l'aspetto di una regolamentazione efficace
  4. Per capire cosa potrebbe essere una chiamata all'azione significativa
  5. Comprendere come una Carta dei diritti può contribuire a creare un cambiamento culturale in modo che i diritti sui dati siano rispettati e valorizzati.

Occorre anche considerare come le persone eserciteranno tali diritti: cosa significano in pratica e le persone che hanno più bisogno di questi diritti sanciti sono meno propensi a farne uso. Domande come quali meccanismi di supporto sono più utili per quei settori della società e chi è nella posizione migliore per crearli, promuoverli e salvaguardarli. A nostro giudizio, è necessario un cambiamento culturale come risultato di una più ampia conversazione sull'uso dei dati e sull'etica. Internet Matters sarebbe lieto di svolgere la nostra parte in quella conversazione, con genitori, professionisti e famiglie in tutto il Regno Unito.

Scroll Up