Nuovo rapporto Cybersurvey - Nelle loro stesse parole | Questioni di Internet
MENU

Il nuovo rapporto Cybersurvey mostra che un terzo dei ragazzi vede contenuti online che li incoraggiano a crescere

Un numero crescente di bambini è esposto a contenuti online potenzialmente dannosi, incoraggiandoli in particolare ad aumentare la massa corporea, rivela un nuovo rapporto.

Il Cybersurvey - condotto da Youthworks in collaborazione con Internet Matters - è l'indagine più ampia e robusta nel suo genere nel Regno Unito, con quasi 15,000 bambini di età compresa tra 11 e 17 anni che partecipano in 82 scuole in tutto il paese.

La pressione per essere perfetti cresce tra i giovani

Il suo ultimo rapporto, pubblicato oggi, rivela che il numero di bambini che visualizzano contenuti dannosi online è aumentato drasticamente in un periodo di quattro anni, tra il 2015 e il 2019, con particolare preoccupazione per l'immagine del corpo e la "pressione per apparire perfetti".

Una nuova allarmante tendenza è emersa tra i bambini - in particolare i maschi - che aspirano a corpi muscolosi e six pack, pensati per essere alimentati dalle immagini che vedono e vogliono copiare.

Quasi un terzo dei ragazzi (29%) ha affermato di essere stato esposto a contenuti che li incoraggiavano a ricostruire il proprio corpo - con molti esortati a utilizzare sostanze che potrebbero non essere sicure. Il gruppo più probabile a visualizzare il contenuto era di ragazzi di 13 anni.

Coloro che "spesso" vedevano contenuti che li incoraggiavano a rafforzare il proprio corpo avevano un rispetto di sé inferiore rispetto a coloro che non avevano mai visto questo tipo di contenuto, ha rilevato il rapporto.
Erano anche meno propensi a dire "Mi sento felice con me stesso", il 69% rispetto all'85% di coloro che non guardano mai questo tipo di materiale.

I giovani vedono online contenuti più dannosi

Nell'indagine condotta in tutto il Regno Unito sugli 11-17 anni, un giovane su quattro (25%) ha dichiarato di aver visto contenuti a favore del suicidio - rispetto all'11% nel 2015. Quasi una ragazza su tre (28%) ha visitato siti o visto messaggi che "mi spingono a essere troppo magra".

Nel frattempo, un bambino su otto (13%) ha visto contenuti sull'autolesionismo.

Oltre un quarto (27%) dei bambini ha affermato che la propria vita online ha influenzato il modo in cui hanno cercato di apparire, più della metà (53%) ha dichiarato di essere più sicura di sé dietro uno schermo, e il 21% ha ammesso che la loro vita online li ha resi sempre o talvolta "insoddisfatti di come sembro".

Cosa c'è di positivo nella vita online dei giovani?

Il rapporto, "Nelle loro stesse parole - La vita digitale degli scolari", ha anche evidenziato esperienze positive - con Il 37% degli intervistati afferma di sentirsi bene grazie al tempo trascorso online, Il 52% afferma che la sua vita online li ha aiutati a trovare e parlare con persone come loro la maggior parte o una parte del tempo. Più di otto su 10 (84%) hanno affermato che la loro vita online li ha aiutati a rilassarsi dopo la scuola.

Tuttavia, è emerso che troppo pochi bambini stavano seguendo i consigli di sicurezza online insegnati a scuola o dai loro genitori, soprattutto quando crescevano.

Mentre gli 11 anni erano la fascia di età più propensa a seguire i consigli di sicurezza online, all'età di 15 anni, quando i rischi sono più alti, solo il 46% ha sempre seguito il consiglio.

E mentre due terzi degli adolescenti hanno affermato che si sarebbero rivolti ai propri genitori o tutori se avessero avuto un problema online, il 50% ha affermato che i propri genitori "non capiscono abbastanza sui problemi online".

Adrienne Katz di Youthworks, che è coautore del rapporto con Aiman ​​El Asam della Kingston University di Londra, ha dichiarato: “Il grande messaggio di questo rapporto è che i contenuti dannosi hanno superato il cyberbullismo come una grave minaccia per i giovani. Messaggi, commenti, pubblicità e corpi ideali visti online possono combinarsi per rendere gli adolescenti ossessionati dai loro corpi. È fin troppo facile acquistare prodotti che promettono la perfezione.

"Dato quanto amano e traggono vantaggio dal mondo online, dobbiamo ai giovani contribuire a renderlo un'esperienza più sicura. I consigli di sicurezza online obsoleti non funzioneranno in questo nuovo decennio e i contenuti sui suicidi dovrebbero essere affrontati rapidamente ".

Carolyn Bunting, CEO di Internet Matters, ha affermato: "I contenuti dannosi sono diventati una delle nostre maggiori preoccupazioni nello spazio online, con il numero di bambini che visualizzano questo materiale in aumento negli ultimi quattro anni.

"Con un numero troppo basso di bambini che seguono i consigli sulla sicurezza online che sono stati insegnati a scuola o dai loro genitori, soprattutto quando invecchiano, è necessario un nuovo dialogo per i bambini nella metà dell'adolescenza in modo da poterli coinvolgere maggiormente con la sicurezza online.

"Nessun genitore vuole che i propri figli prendano decisioni che cambiano la vita essendo stati esposti a questi contenuti, quindi è fondamentale che i genitori siano coinvolti nella vita digitale dei propri figli per capire cosa stanno vedendo e fornire supporto dove necessario".

La dott.ssa Linda Papadopoulos, psicologa infantile e ambasciatrice di Internet Matters, ha dichiarato: "Sebbene vedere i tuoi figli riprendersi in forma e prendersi cura del proprio corpo deve essere ovviamente incoraggiato, ci sono alcuni segni evidenti a cui prestare attenzione come genitore quando questo potrebbe diventare ossessivo o addirittura un grido di aiuto.

"Parlare con loro di dove stanno ottenendo le loro informazioni in materia di salute e fitness è fondamentale, così come incoraggiarli a cercare materiale inutile che potrebbero incontrare sui social media o sui siti web. Avviare una conversazione su dove stanno derivando i loro "dovrebbero" e "devono" quando si tratta dell'aspetto è utile in quanto ciò consentirà loro di pensare in modo più critico all'immagine e all'identità del corpo.

“Gli anni dell'adolescenza sono un momento cruciale per trovare la propria identità e questo è spesso giocato online e può essere influenzato dai Mi piace, dai follower e dall'equità sociale derivante dal coinvolgimento degli altri con post e foto. È quindi fondamentale parlare ai tuoi figli della loro vita online e far loro sapere che sei lì per loro se hanno bisogno di parlare con te, in modo che tu possa scegliere questo tipo di problemi il prima possibile e chiedere una consulenza professionale se necessario per."

Insieme a Instagram abbiamo prodotto il file Pressione per essere perfetti kit di strumenti per genitori e tutori che fornisce consigli su molte delle questioni evidenziate nella relazione, compreso il comportamento online positivo sui social media e il bilanciamento del tempo dei bambini.

Rapporto Cybersurvey 2019 lampadina

Visualizza il nostro ultimo rapporto "Nelle loro stesse parole - La vita digitale degli scolari

Visualizza rapporto
Scroll Up