Socializzare consigli sulla sicurezza online per i bambini più piccoli

Con la maggior parte delle app, piattaforme o giochi di social media, la classificazione per età di 13+ non significa che i più giovani non ci siano. Questo è il motivo per cui è importante come genitore o tutore se tuo figlio socializza online, lo fa in sicurezza.


Karl Hopwood

Esperto di sicurezza online indipendente
Sito Web esperto

Cosa possono fare i genitori per aiutare i propri figli a socializzare online in sicurezza?

La comunicazione in linea è diventata sempre più importante durante il recente blocco di COVID-19. Le famiglie hanno utilizzato i social media per tenersi in contatto e, fortunatamente, sempre più persone stanno riconoscendo i vantaggi della tecnologia come risultato.
Bambini e giovani non sono diversi: fin dalla tenera età, sono a conoscenza di alcune delle piattaforme di social media più popolari sia da fratelli maggiori o genitori o da amici che hanno un account nonostante il solito limite di età superiore ai 13 anni. È probabile che i bambini di 6-10 anni chattino con gli amici nei giochi a cui stanno giocando e sappiamo che quando entrano negli ultimi anni della scuola elementare molti iniziano a utilizzare i siti di social networking. È importante che i genitori si siedano con i propri figli e configurino i conti nel modo più sicuro possibile.

Assicurati che siano impostati come privati ​​(molti sono pubblici per impostazione predefinita, quindi non dare per scontato che sia il contrario), valuta la possibilità di disattivare i commenti in modo che i bambini non ricevano nulla di spiacevole o inaspettato.

Scegliere con attenzione gli amici online e comunicare solo con persone che già conoscono è sensato. Assicurandosi sempre che ci sia un dialogo aperto - se qualcosa va storto, è importante che i bambini sentano di poter parlare con i loro genitori - se hanno paura delle conseguenze, è improbabile che si aprano. Stabilire anche alcune regole di base sul proprio comportamento: dovrebbero trattare gli altri online nel modo in cui vorrebbero essere trattati loro stessi e vale la pena ribadire questo messaggio. Man mano che i bambini crescono, i genitori possono aiutarli a familiarizzare con alcune delle impostazioni più granulari come la moderazione dei commenti e il blocco di parole o frasi particolari ecc. Alcuni giochi forniranno strumenti su misura per i genitori - ad esempio Roblox ha una funzione di "visibilità per età" che consente ai genitori di determinare se le impostazioni per i loro figli sono adeguate all'età.

Condivisione delle foto dei tuoi figli online: dovresti chiedere il loro permesso?
Dato che i bambini saranno a conoscenza di queste piattaforme, è importante che i genitori e gli assistenti ne parlino con loro. Forse i genitori possono accettare di pubblicare alcune foto di una gita in famiglia o di una festa di compleanno. Questo può aiutare a introdurre alcuni dei concetti importanti sulla condivisione e sulla privacy: chi sarà in grado di vedere cosa pubblichiamo! Allo stesso modo, i genitori possono modellare una buona etichetta sui social media: non dovrebbero pubblicare immagini dei loro figli sui social media a meno che non abbiano prima verificato con i loro figli.

A questa età, un'esperienza sui social media dovrebbe essere un'esperienza condivisa basata sull'account del genitore e sul cogliere l'opportunità di discutere le impostazioni sulla privacy, cosa fare se c'è un problema e l'importanza di prestare attenzione a ciò che pubblichi e chi è in grado di farlo Guardalo!

Cosa possono fare i genitori per aiutare i propri figli a socializzare online in sicurezza?

I bambini piccoli non sono responsabili della loro sicurezza online e quindi il nostro primo passo come genitori dovrebbero essere comprendere l'app, controllare le impostazioni sulla privacy, provarla e sentirsi sicuri che questo è un posto in cui vogliamo che sia nostro figlio.

Fai il check-in e guarda come lo usano, cosa gli piace, cosa non gli piace e se possiamo aiutare con qualsiasi cosa. Discuti su cosa significa essere un amico (faccia a faccia e online), perché è importante stare attenti a ciò che condividiamo con gli altri, al potenziale impatto di ciò che diciamo e facciamo e come potrebbero gestire situazioni difficili come ricevere un messaggio che li rende tristi o litigano con un amico.

Infine, decidete insieme una ragionevole quantità di tempo da trascorrere socializzando online e assicuratevi che faccia parte di un approccio equilibrato alla costruzione di relazioni e al trascorrere del tempo con gli altri.

Kate Jones

Vice CEO di Childnet
Sito Web esperto

Cosa possono fare i genitori per aiutare i propri figli a socializzare online in sicurezza?
Il mondo online può essere un ottimo posto per i bambini per rimanere in contatto, sia con gli amici durante le vacanze che con la famiglia che vive lontano. Sebbene utilizzino la tecnologia, ci sono alcune cose fondamentali da tenere a mente.
È importante avere una conversazione su con chi stanno parlando e su eventuali regole o aspettative che si desidera impostare; ad esempio, possono partecipare a chat o giochi con amici di amici? Stabilire le aspettative in anticipo è spesso più facile che limitarne l'uso in seguito.

Discutere quando, dove e per quanto tempo utilizzeranno la tecnologia, concordando insieme limiti e comportamenti accettabili. Ad esempio, potresti decidere che la tecnologia viene utilizzata solo in uno spazio familiare condiviso o in camere da letto con la porta aperta. UN accordo familiare può aiutare la tua famiglia a decidere cosa è giusto per te. E ricorda, è fondamentale far sapere a tuo figlio che può parlare con te se succede qualcosa online che lo preoccupa o lo turba.

Scrivi il commento

Scroll Up