Vita pandemica per adolescenti delineata in Cybersurvey | Questioni di Internet
MENU

La vita è diventata digitale: la vita pandemica per gli adolescenti delineata in Cybersurvey

Il Cybersurvey di quest'anno esamina il benessere e la vita online degli adolescenti durante il blocco invernale COVID-19 del 2020-21. Il sondaggio esplora la salute emotiva, le ansie e la dipendenza dalla tecnologia durante la pandemia.

"La vita è diventata digitale", ha detto un ragazzo di 13 anni durante il blocco invernale. Una ragazza della stessa età ha detto: "Ho molti brutti pensieri che mi passano per la testa". Questi due fattori - salute emotiva e vita online - si sono uniti nel 2020 come mai prima d'ora.

Impatto sul benessere

Entro i blocchi autunno/inverno del 2020, quasi i 2/3 dei giovani intervistati da The Cybersurvey hanno dichiarato: "Mi preoccupo molto". Ancora più preoccupante, il 45% credeva che "Le mie preoccupazioni influenzano la mia vita" e più di 2/3 si sentivano nervosi o ansiosi. Più della metà (53%) ritiene che ci siano momenti in cui non riesce a far sparire le proprie preoccupazioni. Il COVID ha portato l'interruzione di ogni routine familiare e la devastazione di così tante famiglie. Il doppio degli adolescenti si è preoccupato per la vita a casa nel 2020 rispetto all'anno precedente.

Confrontando i dati del 2019, il rapporto, Locked Down and Online, esplora cosa questo ha significato per i giovani. Sebbene dipendessero dai loro telefoni, tablet, console di gioco e laptop come ancora di salvezza per gli amici, divertimento e supporto, per non parlare dell'istruzione, questo non è tutto ciò che hanno trovato online. Molti hanno riscontrato contenuti dannosi su suicidio, anoressia e disinformazione su COVID. Gli adolescenti segnalano anche ambienti online pieni di commenti sessisti, omofobici e razzisti.

Le preoccupazioni aumentano di anno in anno 2019/2021

  • Quasi 2/3 dei giovani dicono "Mi preoccupo molto" (6% in più)
  • Il 45% sente "Le mie preoccupazioni influenzano la mia vita" (5% in più)
  • Il 68% si sente nervoso o ansioso (5% in più)
  • Il doppio si preoccupa della vita a casa

Contenuti online più dannosi nel 2020

  • Il 31% ha visto contenuti online parlare di suicidio (in aumento del 6% rispetto al 2019)
  • Il 27% ha visto contenuti online sull'anoressia (in aumento del 4% rispetto al 2019)
  • Il 34% ha visto contenuti sul rafforzamento del corpo (in aumento del 6% rispetto al 2019)
  • Il 42% ha visto disinformazione su COVID

Giovani vulnerabili

Alcune comunità vulnerabili sono state colpite più negativamente di altre. Questi includono giovani che hanno affermato: "Il COVID-19 ha colpito gravemente me o la mia famiglia" ed è stato molto più probabile che altri siano vittime di cyberbullismo e si sentano isolati.

I giovani accompagnatori avevano cinque volte più probabilità dei loro coetanei di dire "Ho perso i miei amici a causa della mancanza di così tanta scuola". Ofcom segnalato che 1.8 milioni di bambini non disponevano di alcun dispositivo da cui accedere alla didattica a distanza; all'inizio del terzo blocco, è stato stimato che 3 non hanno avuto alcun accesso mentre 559,000 hanno avuto accesso all'apprendimento solo tramite il telefono cellulare di un genitore.

Comfort nella tecnologia

Ma nella privacy della loro vita da cellulare, se ne avevano uno, i giovani trovavano conforto. "Quando sono frustrato o arrabbiato, vado al telefono e mi sento come se fossi scappato dal mondo reale", ha detto un ragazzo di 12 anni.

Un altro ragazzo di 11 anni ha spiegato: “Il mio telefono è quello che uso per la maggior parte del mio tempo. Probabilmente è la cosa che mi piace di più durante il lockdown/quarantena. Di solito trascorro la maggior parte del mio tempo al telefono su TikTok e Youtube. Una ragazza di 15 anni ha detto: "I miei unici veri amici, mi sono incontrata online, quindi sento che se perdo il telefono, perdo loro".

Il supporto per gli adolescenti dovrebbe includere l'attenzione alla loro vita online o potrebbero essere ulteriormente spinti in crisi dai danni che incontrano. Oppure possono essere influenzati o manipolati online, spesso quando cercano disperatamente connessione, supporto e convalida.

Risorse documento

Cybersondaggio

Leggi il rapporto completo di Cybersurvey.

Vedi rapporto
Scroll Up