MENU

Da sopravvivere a prosperare:

Sostenere la vita familiare digitale dopo il blocco

In questo rapporto, abbiamo chiesto ai genitori dell'uso della tecnologia da parte dei loro figli, delle loro preoccupazioni e atteggiamenti nei confronti della vita online dei loro figli e della percezione dell'impatto sul loro benessere.

Carolyn Bunting

Amministratore delegato, Internet Matters

Messaggio del CEO

Senza dubbio, gli ultimi 12 mesi sono stati incredibilmente impegnativi per le famiglie che hanno dovuto affrontare l'impatto delle restrizioni di blocco sulle loro vite quotidiane. Quando il mondo si è fermato, abbiamo avvertito un notevole cambiamento nella loro dipendenza e nell'uso della tecnologia, diventando un'ancora di salvezza per continuare a connettersi con il mondo esterno. Il nostro rapporto ci offre una prospettiva interessante su un periodo di tempo unico per le famiglie di tutto il mondo e su come possiamo sostenerle meglio mentre andiamo avanti ".

Scopri di più

A più di un anno dai primi casi di Covid-19 e ora nel secondo anno di restrizioni nel Regno Unito, non sorprende che molti bambini, i loro genitori e tutori usassero sempre più schermi per connettersi al mondo esterno. La tecnologia è stata un'ancora di salvezza per tutti noi, permettendoci di entrare in contatto con la famiglia e gli amici, per educare i bambini attraverso l'apprendimento domestico e per far divertire e divertire tutti in questi tempi incerti.

A intervalli regolari tra gennaio 2020 e marzo 2021, abbiamo chiesto ai genitori dell'uso della tecnologia da parte dei loro figli, delle loro preoccupazioni e degli atteggiamenti nei confronti della vita online dei loro figli e delle percezioni dell'impatto sul loro benessere. Questo studio ci offre una visione unica di come il rapporto familiare con la tecnologia sia cambiato dal mondo pre-pandemico attraverso vari periodi di blocco e adattamento a un nuovo modo di vivere virtualmente.

Nel marzo 2021 abbiamo integrato questo con alcune domande di ricerca aggiuntive, chiedendo ai genitori di riflettere sugli aspetti positivi e negativi di questa maggiore dipendenza dalla casa connessa. Questo ci consente di guardare avanti a ciò di cui hanno bisogno i genitori ora e come possiamo supportarli al meglio quando le restrizioni di Covid nel Regno Unito iniziano a essere abolite.

La nostra ricerca racconta una storia con due parti fondamentali. I genitori hanno riconosciuto i veri vantaggi della tecnologia connessa in ogni successivo periodo di blocco. È davvero difficile immaginare cosa sarebbe successo senza di essa e dove sarebbero ora le famiglie. Sebbene esista una storia positiva, con più tempo davanti a uno schermo, i genitori sono sempre più preoccupati per i loro figli che subiscono danni online e hanno notato un aumento delle attività online, in particolare il live streaming, oltre a spendere soldi online. Un tema ricorrente in tutto il rapporto è la travolgente intuizione che i bambini con qualche forma di vulnerabilità offline sono stati colpiti in modo sproporzionato dall'impatto del Covid-19 in relazione all'uso della tecnologia e ai suoi effetti. Hanno bisogno del nostro supporto più che mai per consentire loro di avere un'esperienza online più sicura e di prosperare nel mondo digitale mentre il mondo fisico si apre di nuovo per tutti noi.

Leggi il rapporto completo

Metodologia

Tutti i partecipanti sono stati attentamente selezionati per garantire che soddisfacessero i criteri richiesti per partecipare e fossero adatti a questa ricerca.

Internet Matters Parents Tracker è attivo dal 2017 con tre ondate di ricerche condotte ogni anno. In ciascuna ondata intervistiamo 2,000 genitori di bambini di età compresa tra 5 e 16 anni in un ampio background sociodemografico, sull'uso digitale dei loro figli, le loro preoccupazioni specifiche e l'esperienza del danno online e le loro tecniche di mediazione. Per permetterci di riflettere sui cambiamenti avvenuti prima della pandemia di Covid, questo rapporto utilizza i dati delle ultime 4 ondate del sondaggio intrapreso a gennaio 2020, maggio 2020, ottobre 2020 e marzo 2021.

Per l'ondata condotta nel marzo 2021, abbiamo incluso una serie specifica di domande sull'impatto della pandemia per comprendere meglio i comportamenti, gli atteggiamenti e la percezione dei genitori del benessere dei loro figli durante questo periodo di tempo. Nell'ambito dell'indagine un bambino con vulnerabilità è definito dal genitore o dal tutore come disabile registrato; aver registrato lo stato di bisogni educativi speciali e disabilità (SEND) o un piano di istruzione e assistenza sanitaria (EHCP); avere un badante registrato / ricevere un'indennità di accompagnamento o aver ricevuto cure mediche professionali per problemi di salute mentale.

Riconosciamo che ogni bambino è diverso e ogni bambino può essere vulnerabile, soprattutto online. Inoltre, affrontare le vulnerabilità offline non è necessariamente uno stato statico o permanente. I dati in questo rapporto provengono da genitori e tutori che parlano dei loro figli in questo periodo senza precedenti.

Cosa troverai nel rapporto

  • Cosa hanno fatto i bambini online
  • Cosa pensano i genitori del mondo online dei loro figli
  • In che modo i bambini con vulnerabilità sono stati maggiormente colpiti
  • Come le famiglie si sono adattate alla scuola virtuale
  • Cosa succederà dopo? Guardando avanti

Statistiche e cifre chiave

  • I genitori hanno segnalato a 32% di aumento nell'utilizzo del tempo di visualizzazione nei giorni feriali (da una media di 2.2 ore per giorno della settimana lo scorso anno a 2.9 ore a marzo 2021)
  • 61% dei genitori afferma che i propri figli giocano online da soli e 48% contro gli altri
  • La visione di trasmissioni in diretta ha avuto un 43% aumentare di anno in anno o trasmettere attivamente i propri video
  • C'era un 89% aumentare anno dopo anno i bambini che trasmettono attivamente i propri video
  • 42% aumento della spesa online, che include crediti di gioco, acquisti online e acquisti di app
  • Oltre la metà dei genitori (56%) affermano che il mondo online dei loro figli ha avuto un impatto positivo sulle loro vite dall'inizio della pandemia
  • Più della metà dei genitori (53%) concordano sul fatto che il loro bambino è diventato troppo dipendente dalla tecnologia online
  • 80% ha convenuto che la tecnologia è stata un buon strumento per l'apprendimento in linea e 78% ha visto l'impatto positivo che ha avuto nel consentire ai propri figli di socializzare, rimanere in contatto e divertirsi
  • Due genitori su cinque (39%) si sono ritrovati a lasciare i figli da soli con i loro dispositivi per periodi di tempo molto più lunghi del solito
  • Quasi un quarto (23%) dei genitori di bambini vulnerabili riferisce di aver subito bullismo online
  • 47% dei genitori di bambini vulnerabili ci ha detto che i bambini sono diventati più ansiosi a causa del trascorrere più tempo online negli ultimi 12 mesi

Scroll Up