Zoombombing: cosa devi sapere a riguardo per proteggere la tua famiglia

L'esperto di sicurezza online Karl Hopwood fa luce su cosa sia lo zoombombing e su come gestire al meglio la tua esperienza di famiglia su zoom e altre app di videoconferenza.

Maggiore utilizzo delle app Web per adattarsi alla "nuova normalità"

Siamo stati tutti su una curva di apprendimento acuta negli ultimi due mesi: affrontare la vita in blocco e un'intera gamma di nuove app e piattaforme che ci hanno permesso di continuare a imparare, lavorare e rimanere in contatto con amici e familiari non è sempre stato facile.

Abbiamo anche iniziato a sentire alcuni nuovi termini utilizzati nei media, ad esempio, infodemic (riferendosi alla straordinaria quantità di informazioni disponibili online su COVID-19), e zoombombing per citarne due. È giusto dire che prima di marzo 2020 pochissimi di noi avevano sentito parlare di Zoom, infatti la loro base di utenti è passata da circa 10 milioni di partecipanti alla riunione giornaliera nel dicembre 2019 a circa 300 milioni nell'aprile 2020.

Che cos'è Zoombombing?

Zoombombing si riferisce alle chiamate sul piattaforma di videoconferenza Zoom essere dirottato da ospiti indesiderati che spesso condividono contenuti molto inquietanti e talvolta illegali. Negli ultimi giorni ci sono stati molti titoli che hanno fornito esempi di immagini condivise di abusi sessuali su minori.

Chiaramente questo è assolutamente scioccante e completamente inaccettabile. Ciò significa che dovremmo smettere di usare la piattaforma - potrebbe succedere su altri servizi? In alcuni casi, è chiaro che le informazioni sulla riunione sono state pubblicate sui social media e le versioni precedenti della piattaforma significavano che chiunque avesse il collegamento poteva unirsi e condividere qualunque contenuto desiderasse.

Zoom si concentra sul miglioramento delle funzionalità di sicurezza

All'inizio di aprile Zoom ha annunciato che stavano sospendendo lo sviluppo di tutti i nuovi prodotti per concentrarsi sull'aggiornamento delle funzionalità di sicurezza e in effetti ci sono già stati diversi cambiamenti. A ogni nuova riunione viene ora assegnata una password come predefinita (che deve essere utilizzata da tutti gli utenti che dispongono di un account gratuito) e la condivisione dello schermo per i partecipanti può essere disattivata.

È anche possibile bloccare una stanza ora, il che significa che gli ospiti non invitati non sarebbero in grado di accedere a una riunione. Le sale d'attesa virtuali sono disponibili anche per impostazione predefinita, consentendo agli host di verificare chi stanno ammettendo a una riunione: questo va bene per numeri più piccoli ma forse non realistico per un evento più grande.

Qual è la preoccupazione quando si utilizzano piattaforme di videoconferenza?

Parte del problema è che queste piattaforme appaiono: forniscono una soluzione a qualcosa di cui abbiamo bisogno e quindi le usiamo ma molto spesso non ci prendiamo il tempo di esaminare le diverse opzioni e pacchetti disponibili. Non pensiamo a potenziali problemi fino a quando qualcosa non è andato storto.

Se vogliamo essere il più sicuri possibile quando si usano queste piattaforme, dobbiamo almeno capire un po 'di come funzionano e gli strumenti disponibili. Se non pensiamo che una piattaforma ci offra la sicurezza e la privacy che desideriamo, non dovremmo utilizzarla. Con molti di questi servizi, ci sono versioni a pagamento e gratuite - comprensibilmente le versioni a pagamento offriranno più funzionalità e la possibilità di avere un maggiore controllo sul prodotto.

Comprensione delle diverse opzioni disponibili su Zoom altre app simili

Se prendiamo Zoom come esempio, ci sono due diverse opzioni: Zoom meeting e Zoom webinar: il webinar consente all'host di impedire ai partecipanti di condividere il proprio schermo ma consente a un certo numero di membri del panel (che sono pre-approvati) di condividere il proprio. L'opzione di riunione è leggermente più chiara: i partecipanti possono condividere il proprio schermo o no. Quest'ultima opzione consente solo all'host di condividere, nessun altro. Questo potrebbe essere adatto per alcune riunioni / apprendimento a distanza ecc., Ma non per tutti. Dobbiamo scegliere con cura gli strumenti più adatti a ciò che vogliamo fare. Purtroppo, dobbiamo anche sperare che coloro che potrebbero invitarci a una riunione in uno di questi spazi online abbiano svolto la stessa due diligence.

Risorse lampadina

Visita il nostro #StaySafeStayHome hub di consulenza per ulteriori suggerimenti su come utilizzare al meglio la tecnologia.

Scroll Up