MENU

1 bambino su 8 afferma che il tempo trascorso online danneggia il proprio lavoro scolastico | La società dei bambini

The Children's Society ha pubblicato un nuovo rapporto,  Guadagno netto? La vita digitale e il benessere dei giovani, che esplora come il tempo trascorso online influisca negativamente e positivamente sui bambini.

Quali sono i risultati del rapporto?

Secondo un sondaggio di The Children's Society, quasi un bambino su otto nel Regno Unito afferma che la propria vita online danneggia il proprio lavoro scolastico.

Il sondaggio è tra le prove considerate nel nuovo rapporto dell'ente di beneficenza nazionale, Net Gains? La vita digitale e il benessere dei giovani.

È emerso che il 13% dei giovani di età compresa tra 10 e 17 anni ha affermato che la propria vita online ha avuto un impatto "per lo più negativo" sul lavoro scolastico, compresi i compiti a casa, mentre il 37% ha affermato che ha avuto un "impatto misto" sia positivo che negativo. Al contrario, il 35% ha segnalato un impatto "per lo più positivo", mentre il 16% ha affermato che non vi è stato alcun impatto.

Circa un bambino su 11 (9%) ha riferito che il tempo trascorso online ha avuto un effetto "per lo più negativo" sulle relazioni familiari, con il 35% che ha riportato un impatto misto, il 35% un impatto positivo e il 21% nessun impatto.

Nel complesso, i bambini hanno segnalato vantaggi e svantaggi del tempo trascorso online.

Quasi la metà (46%) ha affermato che l'impatto dell'essere online è stato per lo più positivo per le loro relazioni con gli amici e più di quattro su dieci (42%) hanno affermato lo stesso per l'impatto su come si sentivano in generale.

Quasi 4 bambini su 10 (39%) hanno riferito che essere online ha avuto un impatto misto su come si sentivano nei confronti di se stessi (il 36% ha riferito un "impatto prevalentemente positivo, il 7% un "impatto prevalentemente negativo" e il 18% nessun impatto) e un una proporzione simile (38%) ha detto lo stesso su come si sentiva nel complesso.

Importanza di acquisire informazioni sull'uso online dei bambini

Il rapporto della Children's Society afferma che costruire una migliore comprensione di come i giovani usano la tecnologia e gli effetti che questa ha su di loro è essenziale per migliorare la qualità e la sicurezza della vita digitale dei giovani e per promuovere l'uguaglianza digitale, inclusa non solo la possibilità di accedere online contenuti ma anche competenze digitali e capacità di valorizzarlo.

Ai giovani è stato anche chiesto di valutare su 10 quanto fossero felici con diversi aspetti della loro vita digitale. Erano più contenti delle cose che facevano online, segnando in media 8 su 10, e meno contenti di come si sono imbattuti negli altri online e della quantità di tempo che hanno trascorso online, entrambi con una media di 7.4.

La Children's Society afferma che le opinioni di alcuni bambini su come appaiono agli altri online potrebbero riflettere l'infelicità per il loro aspetto o l'incertezza su ciò che dovrebbero dire o su come dovrebbero comportarsi. Dice che l'infelicità per la quantità di tempo trascorso online potrebbe derivare dalle preoccupazioni che i bambini hanno sentito nei dibattiti sui media o dalle restrizioni imposte loro dai genitori.

Sono necessarie ulteriori ricerche per esplorare l'impatto del tempo trascorso online

Il rapporto esamina anche la ricerca internazionale sull'uso della tecnologia digitale da parte dei giovani, gli effetti del tempo trascorso online e l'influenza dei genitori sul modo in cui utilizzano Internet. La Children's Society ha scoperto che le prove dell'impatto del mondo digitale sui bambini hanno molti difetti, spesso non riescono a spiegare il gran numero di cose che i giovani fanno online, non considerano l'impatto delle cose che accadono nella loro vita "offline" o includono i giovani opinioni delle persone.

Phil Raws, ricercatore senior presso The Children's Society, ha dichiarato: “Volevamo sapere cosa provavano i giovani stessi delle loro vite digitali e in che modo l'essere online ha influenzato loro, le loro relazioni e alcune delle cose che fanno offline. Ciò è in parte dovuto al fatto che le loro opinioni sono mancate nella ricerca e nei dibattiti su sicurezza, istruzione, salute mentale e benessere e altre questioni che sono spesso legate al loro uso della tecnologia digitale.

“Le risposte al sondaggio ci dicono che molti giovani riconoscono che essere online può avere un impatto positivo e negativo su diversi aspetti della loro vita, anche se alcuni ritengono che la loro vita digitale non abbia alcun impatto. Ciò indica le sfide legate alla comprensione degli effetti del tempo trascorso online. Dobbiamo fare di più per esplorare questo aspetto, per capire perché alcuni hanno ritenuto che l'impatto fosse negativo sul proprio lavoro scolastico, ad esempio, e se questo è cambiato con la dipendenza dalla scuola virtuale durante i recenti blocchi o quando i giovani sono stati isolati a casa.

“Le valutazioni dei giovani su ciò che fanno o sperimentano online suggeriscono che la maggior parte di loro è relativamente felice, ma alcuni stanno vivendo esperienze per lo più negative e potrebbero sviluppare una visione pessimistica della propria vita online. Abbiamo bisogno di saperne di più su questo gruppo, su chi sono, perché sono infelici online e cosa deve cambiare per affrontare questo problema.

Domande sollevate dal rapporto sull'impatto delle esperienze digitali

“Una cosa che è emersa chiaramente dalla nostra revisione della ricerca internazionale è che dobbiamo ampliare la nostra attenzione se vogliamo migliorare la salute e la felicità dei giovani in generale e ridurre i danni online in modo sostenibile. Vi sono prove emergenti che le esperienze online negative o il tempo trascorso online eccessivo possono essere sintomi piuttosto che la causa della malattia mentale. Allo stesso modo, i danni online sembrano avere maggiori probabilità di essere vissuti da giovani che provengono da un contesto svantaggiato.

"Scoprire di più su questo può aiutarci non solo a garantire che tutti i giovani abbiano le stesse opportunità e vantaggi online e a sentirsi al sicuro e felici quando utilizzano la tecnologia digitale, ma anche a sostenere un migliore benessere in generale".

Leggi il rapporto completo documento