Dal bullismo alla pornografia: come proteggere i tuoi figli online

Come possiamo garantire ai nostri figli l'accesso a tutto il bene che Internet offre, mantenendoli al sicuro? Come scopre Susie Mesure, dobbiamo imparare di nuovo a diventare genitori.

Un bambino fa uno zoom su un marciapiede su uno scooter, diretto verso una strada trafficata. Una madre, le sue grida ignorate, sta correndo per raggiungerla. E appena in tempo si ferma, la sua mano protende verso il pulsante sul passaggio pedonale.

Roba spaventosa, ma insegnare ai bambini a fermarsi su strade trafficate è genitorialità di base. Ora ripensa all'ultima volta in cui hai consegnato blandamente a tuo figlio il tuo iPad su 6am o li hai lasciati giocare sul sito Web di CBeebies mentre facevi la cena. Oppure, per quelli con adolescenti, non ha pensato a lasciarli per tutta la sera per fare il ping dei messaggi avanti e indietro su BBM, Facebook, Snapchat, ask.fm o Omegle (no, neanche io). Quanti bambini, Internet a portata di mano, sanno persino di cercare un uomo rosso, sebbene virtuale?

Perché sì, il web è una cosa meravigliosa, ma questo non è per scusare il suo lato oscuro. O pensare che i tuoi figli possono nascondersi dai suoi peggiori eccessi - almeno, non indefinitamente. Il cyberbullismo, il grooming e la pornografia sono tutte preoccupazioni reali, così come lo è la pressione che le ragazze subiscono per sfruttare i loro corpi condividendo immagini intime. L'approccio testa-nella-sabbia non funzionerà quando si tratta di affrontare ciò che è sgradevole, motivo per cui c'è una crescente discussione su come proteggere al meglio i bambini mentre si dirigono nella natura selvaggia online.

Innanzitutto, ricorda:

"Il mondo online è come un'altra strada principale per i bambini e devi esserci dentro e fare i tuoi genitori."

Così dice Vicki Shotbolt, che dirige la Parent Zone, un gruppo di sostegno alla famiglia di un'ampia chiesa che ha recentemente lanciato i primi corsi nel Regno Unito su come fare i genitori nell'era digitale.

Prendili giovani e sarai sorpreso di ciò che i bambini condivideranno con te: questo è il consiglio diretto di chiunque lavori per aiutare a mantenere i bambini al sicuro online. No, non smetterai mai di digitare "sesso" su Google da parte dei bambini non appena riescono a scriverlo; né impedirai alle ragazze adolescenti di chiedere a Internet come possono essere più magre, più carine, più amate. Ma puoi convincerli a parlartene, che spesso è più della metà della battaglia.

È vero, i titoli possono sembrare tristi e le storie sono fin troppo spesso tragiche: un'inchiesta il mese scorso ha sentito come Tallulah Wilson si è gettata davanti a un treno dopo che il suo blog Tumblr autolesionista è stato rimosso, su richiesta di sua madre. Ma gli esperti ritengono che non vi sia alcun motivo per tentare di imporre divieti generali su Internet, né sotto forma di filtri di contenuto o, come vorrebbe il portavoce del governo sull'argomento, la deputata conservatrice Claire Perry, convincendo i genitori a spegnere i router e confiscare dispositivi.

"La maggior parte dei problemi riguarda la genitorialità piuttosto che Internet."

"Internet è diventato il nuovo campo di battaglia nelle tensioni tra bambini e genitori", afferma Sonia Livingstone, professoressa di psicologia sociale alla London School of Economics e direttrice dell'EU Kids Online Network.

I divieti e i filtri semplicemente non lo taglieranno quando i bambini possono visitare la casa di un compagno o utilizzare una rete 3G per controllare siti che i genitori preferirebbero immaginare non esistano. Prendi Pornhub, un sito di condivisione di video pornografici che Shotbolt - che ha un figlio di 14 anni, quindi presumibilmente sa di cosa sta parlando - dice che è una specie di rito di passaggio della scuola secondaria. Ricorda un recente sondaggio del vivace acronimo Atvod (l'Autorità per la televisione su richiesta): “Non sono riusciti a trovare un solo quattordicenne che non avesse visto la pornografia hardcore, quindi hanno dovuto continuare a chiedere ai bambini più piccoli. Questa è una vera preoccupazione, poiché è da lì che i giovani ricevono la loro educazione sessuale ".

Le immagini in cui un bambino più piccolo potrebbe inciampare online sono probabilmente molto meno vivide, ma è impossibile "non vedere" qualcosa, sottolinea Siobhan Freegard, che gestisce il forum Internet di Netmums. “Avevamo una mamma che diceva che sua figlia aveva visto una foto di qualcuno che stava annegando cuccioli, che è appena apparsa nel suo feed di Facebook sotto“ cuccioli carini ”; la bambina ha pianto fino a dormire per settimane dopo ".

E considera che aiutando il Capitano Barnacles e Tweak a salvare le creature del mare nel gioco Octonauts dei CBeebies, i bambini sono solo a un clic di distanza dalla homepage della BBC News, completa di dio-sa-quale immagine principale spaventosa. Una ricerca di "gatti" su YouTube, nel frattempo, potrebbe facilmente tirare su un video di qualcuno che fa qualcosa di molto brutto a un amico peloso. Io, per esempio, non avevo nemmeno cronometrato che avrei dovuto attivare la funzione di sicurezza di base del sito Web - la scheda "modalità di sicurezza" nella parte inferiore dello schermo - prima che mio figlio cercasse la "canzone del dinosauro" che aveva il suo insegnante di Reception Class stava giocando. (E questo senza classificarmi tra il "14 per cento dei genitori i cui bambini di tre e quattro anni sanno di più su Internet di loro" - una statistica sorprendente da un rapporto Ofcom del 2013 su come i bambini ei genitori usano i media.)

Un recente sondaggio di Netmums, che ha interrogato i bambini 825 di età compresa tra i sette ei genitori 16 e 1,127, ha rilevato che oltre la metà (57 per cento) di tutti i bambini si è imbattuta in contenuti inappropriati, con uno in 11 che lo cercava deliberatamente.

Andy Phippen, professore di responsabilità sociale in informatica alla Plymouth University, racconta ciò che aveva turbato i bambini delle scuole primarie online secondo un recente sondaggio che aveva fatto. “Hanno detto 'persone cattive' e 'video di animali'; quegli annunci RSPCA sono piuttosto strazianti. Alcuni hanno detto "un progetto sui vittoriani". " I vittoriani? "Avevano cercato il Principe Alberto e se fai una ricerca di immagini non filtrata, ottieni immagini di piercing genitale."

Questo, aggiunge, spiega perché "il filtraggio non sarà mai una soluzione completa". Detto questo, "Il filtraggio è la migliore tecnologia in grado di offrire, motivo per cui i bambini devono parlare con te di ciò che hanno visto. Dovrebbero minimizzare tutto ciò che li ha turbati e dirlo a un adulto. Si spera che l'adulto sia sufficientemente informato da non diventare isterico. "

Shotbolt pensa che il problema sia in parte dovuto al fatto che "i genitori non sono molto sicuri di come fare i genitori negli spazi digitali. La maggior parte dei genitori impara dai loro genitori o dai loro coetanei, ma in questo contesto non puoi perché nessuno l'ha fatto prima ". Ed essere troppo vigili non è la risposta.

"La ricerca mostra che i genitori non sanno dove sia il confine tra soffocare la creatività dei bambini con la tecnologia e tenerli al sicuro",

aggiunge. È fermamente convinta che non sia mai troppo giovane per avere una conversazione "adeguata all'età". “Non dimenticarti un po ': non avrai idea di cosa sia Internet. Devi microgestire. "

Se questo suona scoraggiante, ricorda che ci sono paralleli con la televisione: proprio come dovresti interagire con un bambino riguardo a ciò che sta guardando, quindi dovresti parlare con lui dei giochi a cui sta giocando. “Alcuni giochi sono fantastici; alcuni non lo sono ", dice il professor Livingstone. "È difficile offrire regole in astratto, ma stanno facendo loro usare la loro immaginazione o stanno mostrando loro immagini spiacevoli - che possono essere ragazze con vita sottile e lunghi capelli biondi."

Altri pericoli sono commerciali: app che richiedono acquisti in-game per avanzare. “I genitori devono condividere l'attività per un po '. Devono sapere cosa viene offerto. " (Nota per me stesso: riproduci l'app "Bloons Super Monkey" che è diventata la preferita di mio figlio di cinque anni se gli è permesso un periodo su uno degli iPad della classe.)

Il "pericolo estraneo" virtuale è meno preoccupante per i bambini piccoli di quanto si possa immaginare perché la maggior parte dei siti interattivi in ​​cui si gioca contro altre persone, come Moshi Monsters, sono fortemente moderati. Facebook ha reso più facile segnalare commenti sconvolgenti o persone in una spedizione di pesca per fare amicizia con estranei minorenni. La stessa figlia di Freegard fu quasi colta di sorpresa da qualcuno che si era imbattuto casualmente nello stesso nome di una delle sue compagne di classe. Ma, come ricorda la co-fondatrice di Netmums, anche se hanno scoperto lo stratagemma - grazie a sua figlia che parlava a sua madre dei suoi sospetti - "letteralmente quella stessa sera, lei scende di corsa le scale dicendo: 'Justin Bieber vuole Sii mio amico!'"

Che non è per denigrare Facebook; a volte è un caso di meglio-il-diavolo-che-sai. Il professor Livingstone sottolinea che "Man mano che i bambini si allontanano da Facebook, trovano molti siti che sono davvero pericolosi". (Dopo averlo cercato su Google, ho appreso che il punto di forza di Omegle è che gli utenti "possono parlare con estranei", in modo anonimo. La mente sbalordisce.)

Il punto cruciale è invariabilmente il passaggio alla scuola secondaria. È allora che la celebrità online diventa tutto, quando la convalida dipende da 100 "mi piace". "Internet aumenta il comportamento estremo e l'assunzione di rischi dei giovani, che è parte integrante dell'essere giovani", afferma Shotbolt. Questo perché, come dice lei, "Con Internet, non si ottiene un consenso di opinione. Nessuno è sicuro di fare la cosa giusta. "

Elenco di controllo per ogni fascia di età:

Sotto i cinque anni

  • Inizia a stabilire dei limiti. Non è mai troppo presto.
  • Tieni i dispositivi come i cellulari fuori dalla portata e imposta password / PIN che non conoscono.
  • Controlla le classificazioni o le descrizioni dell'età su app, giochi e film online prima di far giocare o guardare i tuoi figli. Gioca da soli.
  • Spiega i confini della tua tecnologia ai nonni / babysitter.
  • Ricorda che il Wi-Fi pubblico (come nei caffè) potrebbe non avere il Controllo genitori impostato.
  • Imposta la tua home page su qualcosa di appropriato, come CBeebies.
  • Cerca di non usare la tecnologia come babysitter virtuale troppo spesso.

Six-a-nines

  • Crea un account utente sul computer di famiglia con i controlli parentali appropriati e strumenti come Google SafeSearch.
  • Concorda un elenco di siti web che possono visitare e il tipo di informazioni personali che non dovrebbero rivelare online (come la scuola o l'indirizzo di casa).
  • Decidi i limiti di tempo per Internet e per giocare su console di gioco.
  • Tieni presente quali fratelli maggiori potrebbero mostrarli online.
  • Parla con altri genitori e non essere costretto dai bambini piccoli a consentire loro di utilizzare determinate tecnologie se non pensi che siano abbastanza grandi.
  • Acquisisci familiarità con le classificazioni per età su giochi, TV online, film e app per verificare che tuo figlio acceda solo a contenuti adatti all'età.

10-to-13s

  • Assicurati di aver impostato alcuni limiti tecnologici prima che ottengano la loro prima console mobile o di gioco.
  • Parla con loro di ciò che pubblicano e condividono online: commenti scritti, foto e video fanno tutti parte della loro impronta digitale e possono vivere sul Web per sempre.
  • Discutere sul tipo di cose che vedono online, persino e soprattutto, sul porno.
  • Impedisci ai tuoi figli di iscriversi a un profilo Facebook o a una pagina YouTube prima dei 13 anni, che è l'età minima.
  • Ricorda loro che non dovrebbero fare nulla online che non farebbero faccia a faccia.

13-plus

  • Non pensare che sia troppo tardi per rafforzare i confini o insegnare a tuo figlio qualcosa sulla tecnologia.
  • Parla con loro su come potrebbero esplorare i problemi relativi alla loro salute, benessere e immagine corporea online.
  • Discuti di come si comportano nei confronti degli altri e di ciò che pubblicano online, e non esitare a conversazioni complicate su porno, bullismo e sexting.
  • Lascia che tuo figlio controlli il proprio budget per cose come app e musica, ma sii severo su quanto può spendere.
  • Discuti di cose come il download e il plagio in modo che sappiano cosa è legale.
  • Regola le impostazioni del Controllo genitori in linea con la maturità di tuo figlio o tua figlia.
  • Accetta che alla fine la loro vita è la loro e hanno bisogno di un certo grado di privacy per viverla. Giuro di smettere di rovistare nella loro pagina Facebook.

Messaggi recenti