Supportare gli adolescenti mentre esplorano la loro curiosità online

Vicky condivide la sua esperienza di gestione della naturale curiosità di sua figlia nel sesso online e nei modi in cui ha trovato funzionato per lei.

La scuola superiore può spesso significare grandi cambiamenti nelle abitudini di Internet di un bambino. Questa è certamente l'esperienza di Vicky e di suo figlio Nathan, che hanno iniziato la scuola secondaria un anno fa.

Nathan è 13 e quando ha iniziato la scuola superiore, i suoi genitori gli hanno comprato un laptop per i compiti. Ha anche accesso ad altre tecnologie della casa, come un Assistente Google e Xbox.

Gestire la curiosità degli adolescenti online

"Abbiamo notato davvero il cambiamento quando Nathan era 11 e i bambini a scuola gli avrebbero detto di cercare alcune cose su Google", afferma Vicky. “È stato per caso che ho controllato la sua cronologia delle ricerche e ho trovato quello che stava cercando: ragazze nude della sua età. Fortunatamente, la sua ortografia è molto scarsa, quindi ciò che stava cercando non è stato mostrato nella cronologia delle ricerche. "

Vicky e suo marito avevano comprato a Nathan un laptop Chrome, con l'account Google di Nathan "specchiato" sul laptop di Vicky. Ciò significava che era in grado di controllare la sua cronologia delle ricerche e di vedere le pagine Web a cui si accedeva.

Affrontare il problema della pornografia online

Invece di essere arrabbiato, Vicky ha cercato di chiarire la situazione e comprendere la naturale curiosità di Nathan. “Ho spiegato che i termini che stava cercando potrebbero creare grossi problemi. Ho detto che potevo capire perché avrebbe potuto vedere ragazze nude e perché avrebbe cercato ragazze della sua stessa età, ma che doveva essere molto attento. Penso che la consapevolezza di poter vedere la sua cronologia delle ricerche sia stata sufficiente. "

La reazione originale di Nathan doveva essere molto imbarazzata. "Era molto arrabbiato e non volevo parlarne, cosa che potevo capire", dice Vicky.

Avere una conversazione aperta

Vicky si considera ben informata sulla tecnologia e ha avuto accesso a consigli su siti Web come la BBC. Nonostante ciò, pensa che non puoi sempre impedire ai bambini di trovare contenuti inappropriati. "Penso che tu possa avere consigli da tutte le direzioni, ma ciò non impedirà ai bambini di andare a cercare", dice. “Penso che sia più importante avere un dialogo aperto con tuo figlio e discutere quali problemi potrebbero verificarsi. Temo anche che parlarne a scuola possa spingere i bambini a guardare di più, perché diventano curiosi. "

Man mano che Nathan è cresciuto, ha continuato a utilizzare Internet e a trovare modi per testare i confini. Ad esempio, in un'occasione è stato in grado di cercare spogliarelliste in un videogioco tramite YouTube. "Poiché è un gioco popolare, i video dei contenuti non sono limitati e ciò ha consentito ai bambini di accedere ai contenuti per adulti", spiega Vicky. È una storia simile su Instagram, in cui i contenuti per adulti non sono limitati a meno che i genitori non inseriscano filtri specifici.

Visualizza sulla legge di verifica dell'età

Al momento, Vicky non è convinto che la legislazione sulla verifica dell'età farà una grande differenza. "Penso che la maggior parte dei bambini intelligenti che usano i computer troveranno un modo per aggirarli se vogliono", dice. "I grandi YouTuber sono tutti software VPN pubblicitari che aggireranno molte normative UE e una rapida occhiata ai commenti significa che puoi scoprire come bypassare vari controlli e restrizioni."

Il miglior consiglio che Vicky dice che darebbe agli altri genitori è di continuare ad avere conversazioni aperte. “Non facciamo nulla di off-limits o tabù. Allo stesso tempo, ho accesso al suo account Google e a tutti i suoi social media, e Nathan ne è consapevole. "

Comprendere i pericoli per offrire il giusto consiglio

Vicky consiglia inoltre ai genitori di fare le loro ricerche. "È così importante capire i pericoli e parlare apertamente con altri genitori", afferma. "Potrebbero esserci cose a cui non hai pensato, e talvolta far sembrare tabù un argomento potrebbe essere la cosa peggiore."

Avere conversazioni aperte ha permesso a Nathan di evitare del tutto alcuni problemi. Ad esempio, come fan dei giochi online, Nathan veniva occasionalmente contattato da chatbot che fingevano di essere donne attraenti. "La cosa fantastica è che Nathan mi dice quando ha ricevuto messaggi e capisce che sono falsi e li blocca immediatamente", dice Vicky. "Abbiamo anche parlato di siti di chat video come Chat Roulette, di cui spesso si parla su YouTube."

immagine pdf

Vicky è una mamma sposata con un figlio adolescente che vive nello Yorkshire.

Altro da esplorare

Consulta altri articoli e risorse per aiutare i bambini a rimanere online in sicurezza.

Messaggi recenti

Scroll Up