Mamma condivide esperienze di condivisione e suggerimenti di sicurezza online

Zoe spesso condivide online le foto dei suoi figli, 12, 10 e 7 di età avanzata. "Scrivo un blog incentrato sulla famiglia, quindi spesso condividiamo foto della famiglia impegnate in attività e condivido molte foto sul mio account Instagram", afferma.

Al momento, non chiede il permesso ai suoi figli, e i bambini sono entusiasti di apparire nelle immagini online, ma Zoe può anticipare un momento in cui la sua futura adolescente potrebbe non pensare di essere sugli account dei social media di sua madre è freddo!

Come il sharenting può andare storto

Questo non vuol dire che non ci sono stati momenti in cui il "sharenting" è andato un po 'troppo lontano. Una volta, Zoe ha partecipato a un concorso per trovare la camera da letto più disordinata della Gran Bretagna, usando una foto di sua figlia. "Non ho controllato i termini e le condizioni e la foto è finita sulla prima pagina del giornale locale", confessa Zoe. "Mi sono sentito estremamente in colpa e mi ha insegnato a verificare sempre quali diritti concedi alle altre persone quando condividi immagini".

Su 12 e 10, i due figli maggiori di Zoe stanno iniziando a esplorare Internet e a condividere le proprie immagini. "Morris ha appena iniziato il liceo e sta usando Instagram, quindi seguo il suo account e controllo i commenti ogni tanto", dice Zoe. "Ma con Leon, che è 11, abbiamo una regola di nessun social media prima del liceo."

Usando la "regola della nonna" per condividere in sicurezza

Prima di condividere le immagini, Zoe consiglia ai bambini di considerare come si sentirebbero la Nonna o il loro insegnante se vedessero quella foto? "Spero che insegni loro a pensare due volte prima di pubblicare".

A casa, l'accesso a Internet è strettamente monitorato. I bambini sono limitati a 30 minuti alla volta online e danno priorità al lavoro scolastico su YouTube o ai giochi per computer. Ai bambini viene detto di non cancellare la loro cronologia di Internet, in modo che i loro genitori possano controllare ciò a cui è stato effettuato l'accesso.

Proteggendo la loro curiosità

"Recentemente abbiamo scoperto che i rapporti sessuali erano stati inseriti in un motore di ricerca, il che era una preoccupazione", afferma Zoe. “Certo, è comprensibile che i ragazzi siano curiosi del sesso, ma Internet è un posto pericoloso in cui cercare risposte. Abbiamo avuto una chiacchierata molto aperta su come il sesso che potrebbero vedere su Internet non sia la vita reale. "

Dopo questa conversazione, Zoe e suo marito hanno esteso le regole Internet della famiglia per dire che si fidano dei ragazzi per usare la loro responsabilità di tempo del computer, ma che un comportamento inappropriato comporterebbe una perdita di accesso al computer per un periodo di tempo.

Zoe ammette che si preoccupa che questo stretto monitoraggio sarà più difficile man mano che i ragazzi invecchiano e sono più esperti di computer. "Nel complesso, penso che la lezione che stiamo cercando di insegnare è se sono responsabili, riceveranno più privilegi e più fiducia", afferma.

Zoe Holland, mamma e insegnante, parla dei suoi alti e bassi con la condivisione e di come incoraggia i suoi figli a essere al sicuro online.

Condivisione di immagini online Domande e risposte

Zoe e i suoi tre figli; Morris (12) e Leon (10) Holland-McGhee e Daisy Holland (7), rispondono alle domande su quali immagini condividono online.

Con quali tipi di immagini condividi e con chi?

Zoe (genitore): immagini della famiglia e dei luoghi che visitiamo. Li condivido con i miei amici e sul mio blog.

Ragazzi: selfie, facce buffe, video di Minecraft e abilità calcistiche su YouTube. Le condividono pensando ai loro amici, ma sanno che chiunque può guardare i loro video su YouTube.

Quali pericoli potresti pensare quando condividi foto online?

Ragazzi: cyberbullismo! Qualcuno potrebbe scrivere che sembro brutto in un selfie o che non sono molto bravo a calcio e che potrei sentirmi male.

Daisy (7): contribuisce se metti una tua foto nuda sotto la doccia che qualcuno potrebbe vederla. Ragazzi: i pedofili potrebbero provare ad apprezzare il nostro profilo e ad essere nostri amici. (Viene chiesto se sanno cos'è un pedofilo) Una persona che finge di essere qualcuno online quando in realtà è qualcun altro. (Viene detto loro in che misura è un pedofilo ... Leon sembra molto confuso.)

Quali sono i vantaggi della condivisione di immagini online?

Zoe (genitore): tenersi in contatto con amici di tutto il mondo e condividere buone esperienze.

Ragazzi: far ridere i tuoi amici e fare battute con loro anche quando non sei con loro.

Leon: Diventare famoso e fare soldi da YouTube.

Ti segui sui social media, ti è mai stato chiesto di buttare giù un'immagine?

Ragazzi: Morris e io ci seguiamo. Non ci siamo mai chiesti di rimuovere alcuna immagine.

Zoe (genitore): non seguo gli account YouTube dei ragazzi, ma mi vengono mostrati molti filmati che condividono, che sono MOLTO Minecraft e alcune abilità calcistiche.

Sei aperto con ciò che condividi tra loro?

Zoe (genitore): Sì. Tutti condividiamo i nostri post gli uni con gli altri.

Ci sono dei limiti su quali tipi di video e immagini possono essere condivisi?

Ragazzi: indosseremmo sempre i nostri vestiti e non ci metteremmo a nudo! O imprecare!

Zoe (genitore): (Ai bambini) Cerca di pensare sempre a chi potrebbe finire per vedere le cose che condividi online. Non essere scortese con gli altri. Non filmarti mentre fai cose stupide che potrebbero metterti nei guai o ferire te stesso o gli altri. Non condividere nulla di troppo personale.

Se avessi dato un consiglio ad altre famiglie sulla condivisione di immagini online, quale sarebbe?

Ragazzi: state al sicuro! Pensa prima di condividere qualcosa.

Zoe (genitore): Chiediti sempre che questo farà arrabbiare qualcuno, mi metterà nei guai, farà pensare alle persone meno di me? Lavoro fatto!

Altro da esplorare

Messaggi recenti

Scroll Up