Consenso online e condivisione di immagini - La mamma condivide le sfide dell'insegnamento degli adolescenti da condividere in sicurezza

Qual è il modo migliore per incoraggiare i giovani a comprendere il consenso quando si tratta di condividere video, meme e immagini online? Antonia condivide la sua esperienza e i suggerimenti che l'hanno aiutata a sostenere le sue figlie adolescenti.

Come la maggior parte delle ragazze della loro età, le figlie di Antonia sono appassionate di tecnologia. Ogni ragazza ha un telefono che usano per Snapchat e Instagram.

Impatto di vedere immagini inappropriate

Antonia ritiene che il consenso e il rispetto debbano essere al centro dell'uso della tecnologia mobile da parte dei suoi figli. "In definitiva, è una questione di protezione dei minori", afferma. "Siamo sempre stati molto chiari con le nostre figlie sul fatto che le immagini sono difficili da controllare una volta pubblicate sui social media e su come immagini inappropriate possano avere un effetto potenzialmente catastrofico sulla vita di qualcuno".

Storie di notizie sul consenso e sulla condivisione di immagini possono essere un utile spunto per avviare conversazioni, afferma Antonia. Ma alla fine le regole sono semplici. "Se non appenderesti una foto sulla nostra porta di casa, non sarà appropriato condividere con Internet o con chiunque altro."

Comprensione del consenso durante la condivisione di immagini

Per fortuna le scuole delle ragazze sono state molto attive nel parlare ai bambini dell'importanza di condividere le immagini in modo responsabile e di chiedere sempre il permesso a qualcuno prima di pubblicare un'immagine o informazioni personali su di loro. Nonostante ciò, Antonia confessa di essere ancora preoccupata per la sicurezza delle ragazze. "Temo che i miei figli, come chiunque, possano essere persuasi a dare il consenso in una determinata situazione, solo per pentirsene in seguito", dice.

Consiglio ai genitori: conversare

Il consiglio di Antonia per i genitori è di iniziare presto la conversazione sul consenso e di mantenere la lingua che usi in base all'età. “Devi semplificare la lingua che usi per i bambini più piccoli, ma penso che l'onestà e l'apertura siano la migliore politica. I nostri bambini devono essere ben attrezzati per affrontare le sfide della tecnologia moderna. "

La figlia maggiore di Antonia ha avuto il suo primo telefono cellulare quando ha girato 11. In quel momento, le conversazioni riguardavano principalmente il fatto di non accettare richieste di amicizia da parte di estranei e di non pubblicare troppi selfie. Mentre Elena è cresciuta, quella conversazione si è evoluta. "Ora, siamo costretti a discutere dei social media e della questione del consenso in termini più sessuali", afferma Antonia. "Ho anche osservato che è qualcosa che sembra colpire i bambini prima di forse cinque anni fa."

Affrontare il problema della condivisione dei nudi

Ad esempio, il problema del sexting e della condivisione di foto di nudo è emerso più volte all'interno della comunità scolastica locale, afferma Antonia. “Devo essere altrettanto chiaro con 11 di un anno come 15 di un anno perché so che si sta discutendo a scuola. Preferirei che ricevessero un messaggio chiaro da parte mia, e non dei loro amici. "

Condivisione di meme e video

Un altro problema che le ragazze hanno riscontrato è stato la condivisione di meme e video. "Ci sono state alcune occasioni in cui abbiamo visto i video di qualcuno ubriaco, che cadeva o indossava un vestito ingannevole", afferma Antonia. "In quel caso, abbiamo discusso dell'ingiustizia di quel contenuto e se il consenso sarebbe stato dato. Spieghiamo che qualsiasi cosa del genere può influire sulla salute mentale, sulle prospettive di lavoro e persino sulle relazioni. È una grande preoccupazione per noi come genitori. ”

Antonia e suo marito parlano regolarmente con le ragazze del consenso e al momento sono abbastanza fiduciosi. "Le ragazze si fidano dei loro amici di non pubblicare le loro foto che non gli piacciono", dice. “Sono anche fiduciosi nel chiedere che vengano abbattuti se lo odiano. Sono consapevoli del problema, ma non preoccupati. "

Parlando dell'uso positivo della tecnologia

Questo atteggiamento rassicura Antonia, che vuole che le ragazze abbiano una visione positiva della tecnologia. “Fa parte del tessuto della vita quotidiana, non credo che possiamo spaventare i bambini dall'uso di smartphone e social media. Dobbiamo solo fare del nostro meglio per stabilire confini chiari ed educarli bene. "

I migliori consigli di Antonia sarebbero usare un linguaggio chiaro con i bambini e dare esempi di ciò che è e non è appropriato. "In definitiva, basta far loro sapere che possono e devono parlarti se tutto va storto."

immagine pdf

Antonia è una mamma che lavora a tempo pieno. Lei blog su tinkertailor.online e vive a nord di Londra con suo marito e tre figlie, Elena (15), Izzy (13) e Maia (11).

Altro da esplorare

Se desideri saperne di più su come aiutare i tuoi figli a rimanere online in sicurezza, ecco alcune fantastiche risorse:

Messaggi recenti

Scroll Up