Un nuovo sondaggio mostra che 1 nei bambini 5 è felice di avere una storia d'amore "solo online"

Il nostro nuovo sondaggio pubblicato oggi mostra le pressioni nascoste che i bambini affrontano nelle loro relazioni mentre un quinto dei bambini afferma che sarebbero felici di avere una relazione "solo online" con una persona che non hanno mai incontrato.

Risultati del sondaggio

Tra le rivelazioni, il sondaggio ha rilevato che 1 nei bambini 5 (20%) considererebbe la possibilità di avere una relazione "solo online", dove non incontrerebbero mai il loro partner faccia a faccia.

E tra quelli che hanno un ragazzo o una ragazza ora o in precedenza, uno su 10 (10%) ha dichiarato di aver sempre e solo comunicato con loro online.

Nel frattempo quasi la metà (46%) ha dichiarato di pubblicare sempre o spesso immagini di se stessi con un
benissimo e 34% ha concordato di aver trascorso del tempo a rendere le proprie immagini perfette prima di pubblicare.

Abbiamo condotto il sondaggio * per evidenziare l'importanza della costruzione dei bambini la loro resilienza digitale in modo che possano far fronte indipendentemente dagli alti e bassi della crescita online.

Effetti positivi della socializzazione online

Positivamente, oltre la metà (52%) dei bambini ha accreditato tecnologia e social media per averlo reso più semplice intrattenere una relazione: con 62% che apprezza i vantaggi di poter chattare online "in qualsiasi momento del giorno o della notte", e 41% concorda sul fatto che è più facile aprirsi sui propri sentimenti online che faccia a faccia.

E un quarto dei bambini (24%) ha dichiarato di trovare più facile trovare l'amore su Internet - e una volta fatto, sette su 10 (71%) hanno dichiarato di andare online per chattare con il loro ragazzo o ragazza.

Il sondaggio ha anche riscontrato:

28% ha dichiarato di essersi sentito escluso dopo aver visto un post di un amico a una festa o averlo raccolto
non erano stati invitati a, e 30% era stato escluso da una chat di gruppo

17% ha dichiarato di aver detto a un amico qualcosa di segreto che ha condiviso con altre persone online
senza permesso.

14% dei bambini ha dichiarato che un amico è rimasto sconvolto dopo essere stato "scaricato" pubblicamente online - con 5%
dicendo che erano arrabbiati dopo che gli era successo.

10% dei bambini ha dichiarato di essere stato "spedito", il che significa che è stato associato o associato
un'altra persona ma che non vuole essere necessariamente.

Un quarto (26%) dei bambini 11-16 intervistati ha dichiarato di voler annunciare felicemente un
nuova storia d'amore sui social media.

Un quinto dei bambini (19%) ha pensato di condividere le notizie di una rottura della relazione sui social media
è stata una buona idea.

Costruire la resilienza digitale dei bambini

Per aiutare i genitori ad aiutare a costruire la resilienza digitale dei bambini, abbiamo creato l'età specifica toolkit con suggerimenti e una guida video facile da seguire da parte della psicologa e ambasciatrice della Dott.ssa Linda Papadopoulos. I video passo-passo incoraggiano i genitori a insegnare ai propri figli come diventare digitalmente resilienti e prepararli a problemi che possono affrontare online mentre vivono momenti chiave della vita.

La resilienza digitale riguarda i genitori che stabiliscono le norme per un bambino, aiutandolo a formare valori online e
fornendo loro strategie di coping coerenti e adeguate per il sempre mutevole online
mondo.

Linda Papadopoulos, ambasciatrice di Internet Matters, ha dichiarato: “Queste cifre rivelano quante relazioni sono cambiate a seguito di Internet e dei social media e in che modo i bambini affrontano continuamente nuove sfide.

Consentire ai bambini di fare scelte intelligenti online

“Il primo amore è sempre stato un campo minato - e ancora di più nell'era digitale quando si tratta di
condividere la tua vita online. Con tutti i benefici che ciò comporta, ci saranno momenti in cui i bambini hanno bisogno
essere resilienti contro le cose brutte che accadono.

"Costruendo la resilienza digitale di un bambino, i genitori non solo aiuteranno a mantenere il proprio bambino al sicuro online, ma essenzialmente gli permetteranno di navigare da soli sui problemi digitali".

Carolyn Bunting, CEO di Internet Matters, ha dichiarato: “Abbiamo scoperto che la maggior parte dei bambini vede il ruolo di Internet quando costruiscono relazioni come una cosa positiva. Tuttavia alcuni potrebbero non avere la maturità emotiva per comprendere alcuni dei problemi che potrebbero incontrare.

“Siamo lieti di aver collaborato con la dott.ssa Linda Papadopoulos per fornire risorse pratiche che si spera possano aiutare i genitori a guidare i propri figli a diventare digitalmente resilienti e ad affrontare le sfide che devono affrontare online, ma sanno anche quando cercare supporto. La cosa fondamentale è che i genitori parlino con i loro figli e le nostre risorse consentano loro di fare con più sicurezza ”.

Altro da esplorare

Get età-specifica per proteggere i bambini online

Messaggi recenti

Scroll Up