Cosa fare se il gioco sfugge di mano

L'esperta di giochi Andy Robertson fornisce consigli su come aiutare i bambini a gestire le proprie emozioni quando i giochi influiscono sul loro umore o stato mentale.

I videogiochi fanno parte della vita familiare e dell'infanzia moderne. Offrono un modo unico di trascorrere del tempo insieme e possono coinvolgere i nostri bambini in tutti i tipi di argomenti e attività. Dall'educazione al pensiero profondo, o anche solo alla resilienza di riprovare quando falliscono, la maggior parte dei genitori apprezza avere giochi in casa.

Come in ogni parte dell'infanzia, però, le cose non vanno sempre bene per tutti. Poiché i videogiochi sono media nuovi e in rapida evoluzione, può essere difficile trovare le risorse o avere le conoscenze per mantenere le cose dritte e ristrette.

Pertanto è importante prestare attenzione a come i bambini bilanciano i videogiochi nella loro vita. Domande come queste sono utili da considerare:

  • Mio figlio è fisicamente sano e dorme abbastanza?
  • Mio figlio si collega socialmente con la famiglia e gli amici?
  • Mio figlio è impegnato e realizza a scuola?
  • Mio figlio persegue interessi e hobby?
  • Mio figlio si sta divertendo e sta imparando nell'uso dei media digitali?

Gameplay ed emozioni

Quando i bambini giocano da soli o per troppo tempo, ciò può influire sul loro umore e stato mentale. La frustrazione, il non voler smettere o la rabbia possono essere sintomi che notiamo nei nostri figli quando hanno giocato.

Sebbene sia una causa comprensibile di preoccupazione dei genitori, è importante sapere che queste cose da sole non sono un segno di dipendenza. Non devi farti prendere dal panico se tuo figlio è sempre più arrabbiato quando gioca, ma devi prestare attenzione a qual è la causa di questa frustrazione.

Se noti questi effetti è importante creare del tempo per divertirti insieme ai giochi. Giocare con tuo figlio (o vederli giocare) è un buon primo passo per capire meglio il loro umore di gioco. Tieni d'occhio il modo in cui usano i giochi. Rilassarsi dopo una giornata intensa a scuola? È per connettersi con gli amici? È per sfuggire ad altri stress nella loro vita? È eccellere in qualcosa o ottenere uno status sociale? È che godono del senso di competenza?

Questo può aiutarti a separare attentamente causa ed effetto. Per alcuni bambini, può essere l'intensità e la pressione a competere nel gioco stesso che innesca il loro comportamento. Allo stesso modo, il loro comportamento di gioco può essere un sintomo di altre pressioni nella loro vita.

Capire questo ti aiuta a guidarli verso comportamenti migliori senza incolpare, limitare o vietare i giochi. Se usano i giochi come strategia di coping, rimuoverli può peggiorare le cose. Come togliere una gustosa pasta o un pasto quando qualcuno è a metà mangiarlo, la reazione è sorprendentemente incrociata.

Trovare una gamma più ampia di giochi da giocare insieme può aiutarli a trovare modi diversi di beneficiare dei giochi a cui giocano. I bambini particolarmente più giovani gravitano verso i giochi più esuberanti o emozionanti. L'introduzione di giochi rilassanti può consentire loro di godersi il loro hobby con un diverso stato d'animo.

Importanza e confini e struttura

Se, dopo aver giocato insieme e suggerito giochi diversi, tuo figlio mostra ancora comportamenti difficili durante o dopo il gioco, può essere utile introdurre alcuni limiti. Tuttavia, questi non dovrebbero essere visti come un modo per risolvere il problema a lungo termine. È importante che i bambini imparino a mediare il proprio tempo di gioco senza la sorveglianza dei genitori, quindi hanno abitudini sane.

Laddove i limiti sono utili è ottenere un po 'di respiro se il tempo di gioco sta prendendo il sopravvento. Utilizzare strumenti sulla tua console di gioco o impostazioni automatiche su Internet con un dispositivo come Circle è un buon modo per farlo.

Puoi discuterne con tuo figlio e concordare insieme qual è la durata del gioco. Ciò consente a tuo figlio di assumere la proprietà e il controllo del proprio modello di gioco, piuttosto che affidarsi a te per sorvegliarlo.

Anche qui, fa una grande differenza se giochi insieme. Inoltre, alcune ricerche (forse con un libro come Taming Gaming https://unbound.com/books/taming-gaming) ti consentono di introdurre una gamma più ampia di attività sullo schermo per farle giocare.

Evita le cattive abitudini di medicalizzazione

Con l'aggiunta di nuovi criteri medici dell'Organizzazione mondiale della sanità per i disturbi del gioco, è facile supporre che tuo figlio abbia un problema medico. Mentre una piccola minoranza cadrà in questa diagnosi, la maggior parte dei bambini genitori si preoccupa solo di giocare un po 'troppo. È un problema genitoriale piuttosto che medico.

Fare riferimento al Disturbo del Gioco dell'OMS è utile per distinguere le cose. L'OMS afferma che "per la diagnosi del disturbo da gioco, il modello di comportamento deve essere sufficientemente severo da comportare una compromissione significativa delle aree di funzionamento personali, familiari, sociali, educative, professionali o di altro tipo e sarebbe stato evidente per almeno 12 mesi “.

Per rientrare in questi criteri un bambino dovrebbe subire impatti negativi in ​​aree cruciali della sua vita a causa del gioco (non andare a scuola, mangiare correttamente o prendersi cura dell'igiene personale), ma poi continuare a perseguire e intensificare il proprio gioco nonostante di questo. Solo quando questo è continuato per 12 mesi cadono nello spazio della dipendenza.

Se scopri che tuo figlio rientra in questi criteri estremi, è importante ottenere un aiuto professionale. Mentre ci sono molti servizi specializzati di dipendenza da gioco, cerca un approccio olistico con trattamenti empiricamente validi.

Mentre le cliniche per la dipendenza da giochi, i gruppi di Facebook, i campi di disintossicazione e le reti offrono con entusiasmo aiuto, il pericolo è che concentrarsi esclusivamente sulle abitudini di gioco possa mascherare altri problemi. L'azione migliore da intraprendere è parlare con il proprio medico di famiglia che può fornire un'adeguata consulenza medica.

Conclusione

Forti di questo consiglio e di una chiara comprensione del disturbo da gioco, sei in una posizione forte per sostenere tuo figlio in questa area della vita come fai altrove.

Risorse

Ulteriori informazioni su Andy Taming Gaming: guida il tuo bambino al libro sulla salute dei videogiochi per aiutare tuo figlio a ottenere il meglio dalla sua esperienza di gioco.

visita il sito
Scroll Up