Approfondimento sul nuovo rapporto sull'alfabetizzazione digitale e sugli impatti sul curriculum

L'esperto di sicurezza elettronica John Carr riflette sul rapporto del Comitato per le comunicazioni della House of Lords "Crescere con Internet" e sottolinea l'importanza di rendere Internet un luogo più sicuro per i bambini.

Pensieri sul rapporto

"Crescere su Internet" è stato pubblicato all'inizio di questa settimana dal comitato delle comunicazioni della Camera dei Lord. Il presidente del comitato è Lord Richard Best, un membro del Signore Crossbench molto apprezzato. Riuscì a reclutare un team di consulenti di prim'ordine per aiutarlo a scriverlo.

Non riesco a trovare un unico punto sostanziale in cui non sono d'accordo con tutto ciò che la commissione afferma o raccomanda, sebbene qui e in parte ci possano essere alcune differenze in termini di enfasi e sono meno impegnato in alcuni dei loro punti istituzionali più specifici. E ovviamente quando parlo di queste cose tendo ad usare un linguaggio più colorato, ma poi sono libero di farlo in modi che, forse, i loro Signori in genere non lo sono.

Il Rapporto è decisamente uno per i matti della politica, ma poi dovrebbe esserlo. Sarà interessante vedere come e quando il governo risponderà. I tempi della sua pubblicazione non avrebbero potuto essere migliori.

Le tre principali raccomandazioni più importanti del rapporto

Il governo dovrebbe stabilire la carica di campione digitale dei bambini al centro del governo all'interno dell'ufficio del gabinetto, con l'incarico di difendere a favore dei bambini l'industria, i regolatori e il livello ministeriale in tutti i dipartimenti governativi.

(Il governo) dovrebbe ...stabilire standard minimi per la progettazione, il filtraggio, la privacy, la raccolta di dati, i termini e le condizioni d'uso a misura di bambino e i meccanismi di segnalazione e risposta per tutte le aziende nella catena del valore di Internet, enti pubblici e settore del volontariato. Le norme dovrebbero essere stabilite in un codice di condotta, che dovrebbe anche cercare di promuovere l'alfabetizzazione digitale. Se l'industria non riesce ad attuare le raccomandazioni, allora il governo dovrebbe agire.

Servizi di piattaforme di condivisione di contenuti e social media come Google e Facebook, dovrebbe rispondere rapidamente alle richieste dei bambini di eliminare i contenuti. Laddove il contenuto inappropriato che riguarda un bambino sia segnalato da terzi, dovrebbero essere seguiti processi simili. Dovrebbero essere adottati standard minimi che specificano i tempi massimi per il rapporto e la risposta. Le aziende dovrebbero pubblicare sia gli obiettivi sia i dati relativi alla risoluzione dei reclami.

Sottolineo che queste sono solo le mie prime tre scelte tra i diversi consigli di 38.

Meritano tutti una lettura e meritano tutti di essere attentamente considerati da tutti gli stakeholder.

Educazione sessuale obbligatoria, strategia di Internet e Digital Economy Bill

Alla fine di febbraio, il governo ha annunciato che l'educazione sessuale sarebbe diventata una parte obbligatoria del curriculum nazionale. Apparentemente, tra l'altro, il sexting, le immagini autogenerate e i danni associati alla pornografia devono essere affrontati nell'ambito delle nuove disposizioni che le scuole prenderanno. Sempre a fine febbraio Karen Bradley, segretario di Stato presso il DCMS ha annunciato l'intenzione del governo di sviluppare una nuova strategia Internet. È stata menzionata la possibilità della legislazione. Yikes!

E, naturalmente, la legge sull'economia digitale, che riguarda l'accesso dei minori ai siti di pornografia commerciale, sta arrivando alla fine del suo tempo in Parlamento e presto diventerà legge. C'è un vero senso di movimento e cambiamento in avanti. Le prove raccolte dal Lord Best's Committee e presentate nel rapporto giocano direttamente in quello spazio.

Risorse

Scopri di più su ciò che il Comitato per le comunicazioni ha da dire sul rapporto.

visita il sito
Scroll Up