Classificazioni per età per i video musicali online accolti dai genitori

Nuova ricerca dal British Board of Film Classification (BBFC) rivela che 78% dei genitori apprezza la classificazione in base all'età per i video musicali online. La ricerca è stata condotta per valutare un'iniziativa industriale congiunta per fornire classifiche di età per i video musicali online.

Lo scopo del pilot era di aiutare il pubblico familiare a fare scelte informate su quali video fossero più adatti all'età da guardare.

La ricerca ha anche mostrato quanto segue:

70% dei genitori di minori di 12 è preoccupato per i propri figli esposti a contenuti inappropriati nei video musicali

fino al 60% dei bambini afferma di aver visto contenuti nei video musicali online di cui i genitori non approverebbero

data la scelta, 86% dei genitori incoraggerebbe / assicurerebbe che i propri figli guardino i canali online con una chiara classificazione in base all'età

75% dei genitori vorrebbe che i canali online collegassero le valutazioni dell'età dei video musicali ai controlli parentali

David Austin, Assistente alla regia, BBFC ha dichiarato: “La ricerca mostra che i genitori percepiscono le classificazioni per età per i video musicali online tanto importanti quanto le classificazioni per film e DVD / Blu-ray. I genitori vogliono una guida più sfumata sul contenuto dei video musicali a cui i loro figli accedono online, con i simboli di classificazione dell'età BBFC accanto ai consigli sui contenuti di approfondimento BBFC come forma preferita di etichettatura.

Come vengono applicate le classificazioni per età ai video musicali?

BBFC rilascia una valutazione 12, 15 o 18 ai video musicali online, in linea con le Linee guida per la classificazione BBFC. Il BBFC include anche consigli specifici sui contenuti, chiamati approfondimenti BBFC, che spiegano più in dettaglio perché è stata data una classificazione in base all'età: ad esempio, le scene includono immagini sessuali, violenza o altri contenuti ritenuti inappropriati per i giovani spettatori. Una volta assegnata una classificazione in base all'età, le etichette trasmettono la valutazione e la guida quando rilasciano i loro video ai due fornitori di servizi digitali: Vevo (un servizio di hosting video) e Youtube, che a sua volta lo visualizzano quando i video vengono trasmessi online.

In che modo queste valutazioni d'età influenzeranno i video musicali online a lungo termine?

Dopo una sperimentazione riuscita del pilota, il governo ha annunciato che la classificazione in base all'età diventerà una parte permanente della guida fornita per i video prodotti nel Regno Unito da artisti rappresentati dalle principali etichette (Sony Music UK, Warner Music UK e Universal Music). Le classificazioni per età verranno inserite nei video ospitati su YouTube e VeVo per aiutare i genitori a disporre degli strumenti per fare scelte informate sui video che i loro figli dovrebbero guardare. Queste valutazioni verranno applicate solo ai video musicali prodotti nel Regno Unito.

Geoff Taylor, amministratore delegato BPI (industria fonografica britannica) e BRIT Awards, ha dichiarato: "Comprendiamo le preoccupazioni di molti genitori riguardo ai bambini che visualizzano contenuti inappropriati per età, abbiamo coordinato una risposta del settore e sono stati compiuti buoni progressi. Le etichette discografiche stanno lavorando a stretto contatto con BBFC, YouTube e Vevo per garantire che i video musicali prodotti qui nel Regno Unito mostrino le età consigliate quando trasmessi online, in modo che le famiglie possano prendere decisioni di visualizzazione più informate. Il prossimo passo sarà che le piattaforme digitali guarderanno più da vicino l'introduzione dei filtri di controllo parentale, in modo che i genitori possano usare le valutazioni per selezionare i contenuti che ritengono inadatti. "

Lettura aggiuntiva

Se desideri saperne di più su altri modi per garantire che tuo figlio veda contenuti adatti all'età sulla piattaforma di intrattenimento, visita:

Messaggi recenti

Scroll Up