MENU

Truffe sui social media

Guida alla gestione del denaro online

Insieme a Barclays Digital Eagles, abbiamo creato questa guida in cui imparerai di più su come i social media possono influenzare le abitudini di spesa dei giovani e su come dotarli delle competenze per riconoscere le truffe sui social media.

Riceverai anche indicazioni su come aiutarli ad avere una migliore comprensione di come gestire i loro soldi online e prendere decisioni più informate.

Cosa c'è nella pagina

In che modo i social media possono influenzare le abitudini di spesa dei bambini?

I social media sono molto importanti per bambini e giovani, ricerca di Ofcom sottolineando che più di tre quarti degli 8-11 e 12-15 anni dicono che li aiuta a sentirsi più vicini ai loro amici e che usarlo li fa sentire felici.

Sebbene i social media possano aiutare i bambini a gestire le amicizie, possono anche essere un luogo in cui sono esposti a contenuti che possono influenzarli direttamente. Ecco alcuni esempi di come i social media possono farlo:

Il potere degli influencer

Sappiamo anche che gli influencer sui siti più popolari sono in grado di fare proprio questo: influenzare e forse non sempre nel modo giusto. UN studio di Wunderman Thompson nel 2019 ha scoperto che il 25% dei bambini di età compresa tra 6 e 16 anni ha affermato che la loro preferenza per cosa acquistare è stata influenzata maggiormente da influencer e blogger sui canali di social media come Instagram, Snapchat e YouTube.

Pressione sociale dei pari

I coetanei possono anche esercitare un'influenza, il che è sempre stato il caso: molto prima che Internet apparisse, i bambini chiedevano ai loro genitori l'ultima borsa da scuola, un paio di scarpe da ginnastica o il collezionabile più popolare all'epoca. La differenza ora è che Internet può apparentemente esercitare una maggiore pressione su bambini e giovani con continue sollecitazioni e promozione di contenuti / annunci progettati per indurli a fare l'acquisto fondamentale.

Truffe online in aumento

Icona di truffeCOVID-19 ha visto un aumento significativo del numero di truffe online con alcuni rapporti suggerendo un aumento del 66% durante il blocco. Ciò è in parte dovuto al fatto che molti nuovi utenti sono online e i truffatori vedono l'opportunità di sfruttare una vulnerabilità percepita, ma ciò significa che tutti noi abbiamo maggiori probabilità di essere esposti a truffe in questo momento.

Anzi, dati da Barclays mostra che il 2020 è stato l'anno più alto in assoluto per le truffe online e apparentemente il 54% di noi vittime è troppo imbarazzato per denunciare il crimine.

Supportato da Expert
Ultimo sondaggio
Individuazione delle truffe sui social media
Pensi che tuo figlio potrebbe individuare una truffa sui social media?

In che modo le piattaforme social affrontano le truffe online?

Le piattaforme di social media hanno politiche chiare che applicano per proteggere gli utenti da truffe e contenuti fraudolenti o fuorvianti.

Nella seconda metà del 2020, TikTok ha rifiutato oltre 3.5 milioni di annunci che hanno violato le loro norme e linee guida pubblicitarie. Allo stesso modo, abbiamo un ruolo da svolgere come utenti e dobbiamo segnalare i contenuti che riteniamo possano essere una truffa.

#Ads e influencer

Nel Regno Unito, ogni volta che un influencer o un vlogger riceve un pagamento da un marchio, questo deve essere divulgato in qualsiasi contenuto online, inclusi video, post sui social media o blog, quindi la natura della relazione con il marchio è chiara ed è chiaro che qualcosa è pubblicità prima di qualsiasi coinvolgimento con esso (prima che un utente faccia clic o apra qualcosa). Già nel 2019, YouTube ha annunciato linee guida più rigorose su come la pubblicità potrebbe funzionare YouTube Bambini e per garantire che gli annunci siano chiaramente etichettati come tali.

Guida alle truffe sociali dai social network più diffusi

Scopri come individuare le truffe sulle piattaforme di social media più popolari visitando le rispettive guide per ulteriore supporto.

 In che modo i social media possono supportare positivamente le abitudini di gestione del denaro dei bambini?

Affidarsi alle recensioni e ai consigli dei clienti

Ricerca suggerisce che circa il 93% dei clienti legga le recensioni online prima di acquistare un prodotto. In effetti, il 91% dei 18-34 anni ha affermato di fidarsi delle recensioni online tanto quanto delle raccomandazioni personali. Data la situazione attuale con COVID-19, c'è stato un aumento degli acquisti online e un aumento dell'uso dei social media e i due sono collegati: i social media hanno un impatto su ciò che acquistiamo.

Apparentemente, quei consumatori che sono influenzati dai social media hanno quattro volte più probabilità di spendere più soldi per gli acquisti. I contenuti a breve termine su siti come Snapchat o Instagram sono importanti in quanto aiutano i marchi a connettersi con i consumatori e in particolare i giovani.

Oltre il 75% degli adolescenti ha affermato di fidarsi degli YouTuber rispetto agli spot in TV e c'è stato un aumento dell'influenza che hanno i vlogger. La ricerca ha rilevato che il 95% dei genitori statunitensi ha ritenuto che fosse importante coinvolgere i propri figli negli acquisti che erano per loro e il 67% ha guardato i prodotti online con i propri figli per farlo.

Gli influencer possono essere fondamentali per denunciare le truffe

Questi influencer hanno un ruolo da svolgere: con un numero enorme di follower, molti dei quali bambini e giovani, possono facilmente condividere messaggi importanti su truffe o altri problemi online a un pubblico che li ascolterà. Recentemente, gli influencer hanno condiviso storie su come loro stessi sono stati vittime di truffe online e stanno sensibilizzando per evitare che la stessa cosa accada ai loro follower.

Le piattaforme social possono essere un luogo in cui trovare occasioni

Nonostante le ovvie truffe che puoi trovare sui social media, può anche essere un posto dove trovare un affare. Seguire società rispettabili sui loro canali di social media può offrire agli abbonati offerte esclusive o accesso anticipato agli articoli in saldo. In effetti, è stato segnalato che alcune aziende rispondono a richieste di sconti online, ma questo è raro anche se raccomandare ad altre di registrarsi per ricevere comunicazioni di marketing da un'azienda può comportare sconti per te se hai fatto il referral.

Fai molta attenzione agli annunci che suggeriscono che mettendo mi piace a una pagina potresti ricevere prodotti gratuiti o partecipare a un'estrazione a premi: questi possono essere modi per raccogliere i tuoi dati.

Cosa devi sapere sulle truffe sui social media

Se qualcosa viene pubblicizzato come "gratuito" online, prenditi del tempo per esaminarlo più da vicino prima di condividere i tuoi dettagli

Ciò vale in particolare per le offerte che potremmo incontrare sui social media. La linea di fondo è che se sembra troppo bello per essere vero, probabilmente lo è. Ad esempio, molte truffe sui social media sembrano autentiche: potrebbero includere il logo di un marchio popolare che attira la tua attenzione e ti incoraggia a fare clic.

Le truffe spesso cercano di raccogliere dati e venderli a terzi

Una truffa particolarmente apprezzata da bambini e giovani sono le app che affermano di essere in grado di dirti chi ha guardato (o stalking) il tuo profilo sui social media. Questo può essere davvero interessante per gli adolescenti che stanno affrontando le difficili esperienze delle relazioni e vogliono essere popolari. Tuttavia, queste app stanno semplicemente cercando di raccogliere dati personali introducendo malware (virus) su dispositivi che raccolgono dati e non sono collegati alla piattaforma di social media in questione. I siti di social media non condividono i dati che sarebbero necessari per far funzionare un'app di questo tipo. Spesso queste app pubblicheranno un messaggio agli amici ea coloro a cui sei connesso online consigliandolo loro: la ricerca ha dimostrato che è molto più probabile che crediamo a una raccomandazione di un amico e quindi il problema si diffonde.

Le truffe possono essere sofisticate e impersonare marchi o tendenze popolari

Ci sono molti diversi tipi di truffe che circolano sui social media e mentre alcuni potrebbero essere facili da individuare con errori di ortografia - loghi che sono stati chiaramente alterati e copiati - alcuni sono più sofisticati e difficili da identificare. Siamo abituati a vedere la pubblicità dei marchi che seguiamo o con cui abbiamo effettuato acquisti sui social media e i truffatori lo sfruttano, quindi può essere difficile distinguere tra un annuncio legittimo e una truffa. I truffatori coglieranno anche questioni attuali come il programma di vaccinazione COVID-19 e cercheranno di sfruttare le ansie e le preoccupazioni intorno a queste.

Tipi popolari di truffa a cui prestare attenzione

Ulteriori informazioni sui tipi di truffe sociali
Clickbait

Un'immagine o un testo progettato per attirare la nostra attenzione e incoraggiarci a fare clic su un collegamento o a interagire con un contenuto come un video o un breve articolo. Il contenuto molto spesso sarà sensazionale (non ci crederai) o presenterà un'offerta (ultima possibilità, ne rimangono solo 3). Clickbait promette qualcosa che è molto improbabile che si concretizzi.

Furto d'identità

Molti di noi pubblicano molte informazioni sui social media. Questo può essere preso da altri e usato per rubare la nostra identità. I nomi, gli indirizzi e le date di nascita sono spesso facili da trovare, anche se non condividi il tuo DOB, i post sul tuo compleanno di familiari e amici che dicono Buon 16esimo lo renderanno facile da determinare. Avere un account privato è importante, ma quanti dei tuoi 537 follower conosci effettivamente?

Diventa ricco velocemente

Questo chiaramente rientra nella categoria "se sembra troppo bello per essere vero, allora probabilmente" è la categoria. Se fosse davvero così facile, sicuramente lo farebbero tutti?

Smishing

Questo è phishing ma su un dispositivo mobile. Di solito, lo smishing farà uso di testi (di cui le persone spesso sembrano fidarsi più di un post sui social media). Uno dei più comuni finge di provenire dalla tua banca o da una società di consegna di pacchi che ti dice che non sono stati in grado di consegnare quel pacco importante che stavi aspettando e ti incoraggia a fare clic qui per organizzare il ritiro o la consegna in un'altra data.

 

catfishing

Qualcuno fingerà di essere qualcun altro online per acquisire denaro o informazioni personali da un individuo. Questi tipi di truffe sono solitamente rivolti a coloro che cercano una relazione sentimentale e questo è qualcosa di cui essere particolarmente consapevoli se si utilizzano siti di incontri online.

Acquisto di truffe

Si tratta di annunci pubblicitari falsi su siti di aste o social media che utilizzano immagini autentiche di oggetti per persuaderti a comprare qualcosa. Tuttavia, quando fai clic sul sito potrebbe sembrare reale, ma in realtà è un sito clonato che è impostato per accettare pagamenti e dettagli personali senza l'intenzione di inviare l'articolo acquistato.

Quiz e concorsi

Molto spesso questi quiz chiederanno agli utenti di rispondere a 3 domande con la promessa di partecipare a un'estrazione per vincere biglietti o merce. Dopo aver risposto alle domande, si viene indirizzati a un sito Web per inserire informazioni personali in modo da poter ricevere il premio se si è abbastanza fortunati da vincerlo. Lo stesso può accadere con i sondaggi: se prendi parte al nostro breve sondaggio puoi avere la possibilità di vincere….

Phishing

Utilizzando le nostre piattaforme di social media preferite per raccogliere i nostri dati e informazioni personali. Questi post possono spesso apparire sui profili dei nostri amici per dare loro più autenticità e significare che abbiamo maggiori probabilità di essere indotti a fare clic.

 

Come proteggere i giovani dalle truffe sui social media

Ecco una serie di ottimi suggerimenti per fornire ai giovani le competenze per riconoscere e segnalare le truffe sui social media:

Parla ai bambini del problema usando le notizie per avviare le conversazioni

Quando c'è una notizia nelle notizie sull'ultima truffa online, condividila con tutta la famiglia: non rivolgerti solo ai giovani perché chiunque può essere influenzato da queste cose e più parliamo di problemi online più è naturale e normale diventerà!

Incoraggia i giovani a controllare le loro impostazioni sulla privacy sui loro account di social media

La maggior parte delle piattaforme di social media e delle app popolari sono pubbliche per impostazione predefinita, ma la maggior parte consentirà agli utenti di controllare la propria privacy, ad esempio scegliendo chi può vedere i loro contenuti o chi può contattarli. Puoi trovare informazioni su come accedere a queste impostazioni sulla privacy qui.

Una volta impostate le impostazioni sulla privacy, è comunque importante ricordare ai giovani di riflettere attentamente prima di condividere troppe informazioni.

Incoraggia i giovani a essere più critici riguardo agli annunci che vedono sui social media

Le pubblicità sui social media appariranno spesso autentiche e ti incoraggeranno a fare clic per visitare il loro sito Web per effettuare un acquisto, è particolarmente importante assicurarsi di essere sul sito in cui pensi di essere. In caso di dubbio, naviga nel sito da solo piuttosto che fare affidamento su un collegamento in un annuncio. Inoltre, leggi il nostro Guida al pensiero critico online per aiutare i giovani a imparare a fare scelte più intelligenti online.

In caso di dubbi sull'autenticità di un'offerta o di un post, visitare personalmente il sito Web

Incoraggia i giovani a non fare clic su alcun collegamento in un post di social media o in un'e-mail: digita l'indirizzo, effettua il login se necessario e verifica se l'offerta o la richiesta sono effettivamente autentiche. Inoltre, ricorda loro di non effettuare mai un pagamento a qualcuno a meno che non siano sicuri che la persona a cui stanno inviando denaro e che il pagamento sia autentico.

Rafforzare l'importanza di proteggere i dati personali

Ricorda ai giovani che la loro banca non chiederà MAI loro di fornire i dettagli della password del banking online o un passcode monouso se utilizzano l'autenticazione a due fattori tramite un'e-mail o una piattaforma di social media, né la loro banca chiederà mai loro di trasferire fondi un conto sicuro o dire che i loro soldi sono a rischio.

Segnala sempre se qualcosa sembra una truffa

Se tu oi tuoi figli venite a conoscenza di qualcosa che sembra sospetto online, è importante agire. Segnalalo alla piattaforma (puoi scoprire come farlo qui) e puoi anche segnalare ad Action Fraud. Azione frode è il centro di segnalazione nazionale del Regno Unito per frodi e crimini informatici ed è il luogo in cui dovremmo segnalare le truffe se viviamo in Inghilterra, Galles o Irlanda del Nord. Nel Scozia, questo può essere segnalato direttamente alla polizia.

Ulteriori risorse

È stato utile?
Dicci perché

Logo Barclays piccolo

Scroll Up