Che impatto possono avere i selfie sull'autostima e sulla salute mentale di mio figlio?

Con una stima di 2.5 trilioni di immagini condivise in 2016, chiediamo ai nostri esperti di fornire consigli sui problemi che i bambini possono affrontare quando pubblicano immagini online e su come i genitori possono supportarli.


Dr. Linda Papadopoulos

Psicologo e ambasciatore delle questioni Internet
Sito Web esperto

Selfie e salute mentale

Come possono i genitori assicurarsi che il culto del "selfie perfetto" non abbia un effetto negativo sull'immagine corporea / sulla salute mentale del loro bambino?

Il fenomeno selfie è come avere uno specchio che ti segue intorno a 24 ore al giorno. E non solo seguirti, ma darti un resoconto minuto per minuto di amici, colleghi e celebrità.

Il mio consiglio è semplice; parla con i tuoi figli. Da adulti comprendiamo che il mondo dei social media, proprio come qualsiasi altra forma di media, è gestito a livello di palcoscenico, ma spesso dimentichiamo di rafforzare quel messaggio ai nostri figli. Spiega che le persone non sono perfette e parla con loro delle ragazze che pubblicano - chi sta scattando tutte queste foto perfette? Quanti scatti pensi che abbiano preso per ottenere quell'angolazione perfetta?

Allo stesso modo, è altrettanto importante parlare con loro di ciò che pubblicano in modo che non vengano risucchiati dal culto della perfezione. La vita reale è ciò che vedi intorno a te, non solo ciò che vedi attraverso l'obiettivo filtrato di un iPhone. Spiega perché è importante disconnettersi dalle identità "costruite" che tutti noi sentiamo di dover sviluppare online e sottolinea l'idea di essere liberi di essere ciò che sei veramente.

Tieni d'occhio chi stanno seguendo su siti come Instagram e cosa pubblicano e parla con loro dell'effetto che le loro immagini potrebbero avere su altre persone.

Katie Collett

Senior Project Manager anti-bullismo, The Diana Award
Sito Web esperto

Impatto dei social media sull'autostima

Che consiglio daresti ai genitori che potrebbero aver notato che l'autostima dei loro figli è influenzata negativamente da ciò che vedono sui social media?

Avere accesso alle piattaforme dei social media offre ai giovani una preziosa opportunità per esplorare diversi lati della loro identità. Ma vale la pena discutere con tuo figlio se ciò che incontrano sui social media potrebbe avere un effetto negativo sulla loro autostima.

Le discussioni che ho avuto con i giovani nelle scuole di tutto il paese si sono concentrate sul particolare impatto sull'autostima della pubblicazione di selfie. Molti giovani hanno rivelato che avrebbero eliminato un selfie che avevano pubblicato se non avesse ottenuto abbastanza "mi piace" e alcuni mi hanno detto che ottenere meno di "Mi piace" di 50 li avrebbe fatti arrabbiare e persino "vergognarsi di me stesso".

Vale la pena parlare con tuo figlio di come i social media li fanno sentire:

Incoraggiali a celebrare ciò che li rende unici, piuttosto che confrontarsi con gli altri online

Parla con loro di come tutti modificano ciò che pubblicano online in modo che mostrino solo le parti migliori, quindi ciò che vedi sui social media non è sempre del tutto realistico

Incoraggiali a prendere parte alle attività di cui godono al di fuori dei social media e a incontrarsi con gli amici offline

Se desideri che la scuola di tuo figlio svolga alcune attività esplorando questo problema, consulta le nostre risorse qui: www.antibullyingpro.com/selfies-selfesteem-resource

Will Gardner

Direttore, UK Safer Internet Centre, coordinatori di Safer Internet Day e CEO, Childnet
Sito Web esperto

Immagini incoraggianti da usare per sempre

In che modo i giovani usano il potere dell'immagine per fare la differenza positiva? Immagini e video possono essere una forza per sempre?

In questa Giornata più sicura di Internet sarà d'ispirazione vedere i giovani unirsi in tutto il mondo per aiutare "il cambiamento" e rendere Internet un posto migliore per tutti.

Sappiamo dalla ricerca che sarà lanciata per Safer Internet Day che i giovani stanno usando il potere di immagini e video per fare la differenza positiva in diversi modi.

Che si tratti di sostenere i loro amici, come ci ha detto un giovane: “Ho condiviso video e immagini di me con la mia amica per mostrarle quanto tengo a lei e quanto la sua amicizia significhi per me quando stava attraversando un periodo difficile ”.

O per potenziare e ispirare gli altri difendendo le cose in cui credono e aumentando la consapevolezza, sia condividendo un selfie senza trucco, creando video informativi o modificando la loro immagine del profilo.

Dobbiamo sostenere questo e cercare di autorizzare i giovani a sfruttare il potere positivo dei selfie e di altre immagini e video, a essere cittadini digitali coinvolti e a promuovere l'autostima e la fiducia, mantenendosi al sicuro e prendendosi cura anche dei loro amici. Questo è il fulcro che noi del Centro Internet più sicuro del Regno Unito stiamo prendendo in questo giorno più sicuro di Internet, insieme a centinaia di scuole e organizzazioni in tutto il paese.

Come si possono usare i selfie per il bene online?

I selfie - e le persone che li prendono - sono spesso etichettati come "narcisistici", "vani" e "ossessionati da sé", ma la ricerca dimostra che il semplice atto di fotografare se stessi può aumentare i livelli di autostima e aumentare la fiducia.

Al giorno d'oggi, amare se stessi nonostante gli standard di bellezza irrealistici a cui siamo esposti tramite i media tradizionali, è un atto rivoluzionario. La ricerca di Ditch the Label ha rivelato che 1 in 2 di noi vuole cambiare il nostro aspetto, con persone giovani come 13 che ora considerano cose come la chirurgia plastica, il botox e la liposuzione per sentirsi bene con se stessi.

La cosa importante da ricordare sui selfie è che siamo 100% in controllo del contenuto; siamo il fotografo, il soggetto e il distributore tutti insieme. È il nostro modo di comunicare visivamente con altre persone e il modo in cui ci presentiamo dipende interamente da noi - la narrazione è esclusivamente nelle nostre mani. Questo può essere incredibilmente potente, specialmente per un giovane che potrebbe esplorare la propria identità o che sta cercando di abbracciare il proprio aspetto in un mondo in cui le industrie della bellezza e della moda implicano costantemente la necessità di un "miglioramento".

Affrontare la pressione dei pari da pubblicare

Se un bambino sperimenta la FOMO (paura di perdere) e la pressione dei coetanei di pubblicare immagini che altrimenti non farebbe, come possono i genitori essere una voce di supporto per loro?

"Paura di perdersi" o FOMO è un pilota così forte, in particolare durante l'adolescenza. Molti di noi ricordano l'anticipazione / l'ansia degli inviti alle feste scolastiche. Questi sentimenti sono notevolmente amplificati ora con le immagini di detto partito condivise sui social network che mostrano chi è stato incluso o escluso.

L'attrazione per far parte della folla 'in' è forte e come genitore, può essere facile dimenticare come ci si sente in 13 o 14 e alcuni dei rischi associati. Nel mondo online che può includere pressioni per condividere immagini personali che un bambino potrebbe pensare miglioreranno il suo status sociale.

Come genitore, non sarai in grado di togliere la pressione, ma ciò che puoi fare è ricordare costantemente a tuo figlio che sono apprezzati, che sono amati e che tutto ciò che li circonda è prezioso. Ciò include la loro identità unica e la loro privacy. Aiutali a mettere in discussione ciò che vedono, perché le persone condividono così tanto di se stesse e quali potrebbero essere le conseguenze. Non sarai in grado di impedire loro di cadere ogni volta, ma puoi attutire il loro atterraggio.

Prof. Emma Bond

Direttore della ricerca e professore di ricerca socio-tecnica
Sito Web esperto

Costruire un pensiero critico sulle immagini condivise

In che modo i genitori possono consigliare i bambini a superare il limite tra la condivisione di immagini innocenti e quelle che potrebbero essere considerate suggestive?

È importante che i genitori incoraggino i loro figli a riflettere attentamente sui social media e sulle immagini e sull'idea del pubblico, cioè chi può vedere quelle immagini. Ciò che i genitori possono considerare suggestivi, i giovani potrebbero non pensare immediatamente all'immagine in questi termini. È importante parlare con i bambini e i giovani su come le immagini possono essere visualizzate da altre persone.

La pubblicazione e la condivisione di immagini suggestive può rendere i giovani vulnerabili al bullismo, all'umiliazione e all'imbarazzo, ma al momento potrebbero non pensarci. È di vitale importanza spiegare ai nostri figli la loro reputazione online e parlare con loro di ciò che rende un'immagine suggestiva.

Dobbiamo incoraggiare i giovani a pensare a come le loro immagini sono visualizzate da altri e che qualsiasi immagine pubblicata online è aperta all'interpretazione, alla copia e al salvataggio altrove e alla visualizzazione da parte di persone che non conoscono.

I genitori sono spesso preoccupati di avere queste conversazioni con i loro figli, ma la ricerca dimostra costantemente che bambini e ragazzi accolgono effettivamente consigli su sesso e relazioni e pensano che sia importante capire come proteggersi online.

Internet Matters e Childnet hanno alcune idee meravigliose sull'avvio di queste conversazioni, quindi parliamone !!

Scrivi il commento

Scroll Up