Mio figlio è stato influenzato negativamente da qualcosa che hanno visto online: cosa devo fare?

Se tuo figlio è stato influenzato negativamente da qualcosa che ha visto o fatto online, i nostri esperti esperti offrono consigli passo-passo su come fornire loro il supporto di cui hanno bisogno per recuperare.


Dr. Linda Papadopoulos

Psicologo e ambasciatore delle questioni Internet
Sito Web esperto

Una delle prime cose che devi fare è essere in grado di farlo individuare se sono stati colpiti negativamente. Potrebbe sembrare controintuitivo ma cercare segni che il loro comportamento sta cambiando.

Questo potrebbe manifestarsi come ansia o disturbi del sonno o se stanno ponendo domande che sembrano strane.

In secondo luogo, cronometralo e avere una conversazione onesta. La più grande barriera per i bambini è che sentono di finire nei guai. Se hanno visto qualcosa di preoccupante, si preoccuperanno che porterai via la loro tecnologia.

Fai una conversazione prima di dare loro la tecnologia e far loro sapere se vedono qualcosa che devono venire da te e dire loro che non sarai arrabbiato. Spiega che si tratta di aiutarli a navigare insieme.

Se non hai avuto questa discussione, spiega loro ... "C'è chiaramente qualcosa che ti dà fastidio, ionon si tratta di punizione, si tratta di una soluzione."

In terzo luogo, è necessario valutare cosa sta succedendo - c'è una differenza tra un bambino che incontra contenuti inappropriati per età, un bambino che viene curato o contattato da estranei e c'è una differenza tra essere vittima di bullismo o vedere contenuti che li sconvolge.

Vai in fondo a ciò che è - se è che hanno visto qualcosa che è inappropriato per l'età; è una grande opportunità per avere una conversazione con loro sul perché potrebbe sembrare strano per loro o influenzarli emotivamente.

Se si tratta di pornografia, parla con loro di come non sia una vera rappresentazione e poi cerca di affrontare le loro impostazioni di sicurezza e privacy, dove accedono a questi contenuti e prendono le giuste misure di sicurezza attraverso i loro gadget.

Finalmente, dopo aver avuto la conversazione giusta e impostare i parametri giusti - se tuo figlio non si sente ancora a suo agio, devi semplicemente assicurarti che disponga di uno spazio sicuro per parlarne, sia che si tratti di un altro adulto. O se si tratta di estrema ansia, parla con il tuo medico di fiducia che può consigliarti sulla consulenza.

Dr Tamasine Preece

Responsabile dell'educazione personale e sociale
Sito Web esperto

Qual è il modo migliore per proteggere i bambini dall'impatto di immagini autolesionistiche inappropriate online?

I giovani incontrano immagini di autolesionismo in diversi modi che possono influenzare sia la loro risposta sia il sostegno di cui potrebbero aver bisogno in seguito. Alcuni bambini incontreranno inconsapevolmente immagini, ad esempio durante l'esecuzione di una ricerca su Internet non correlata, se condivisi da un peer come messaggio diretto, su un feed come SnapChat o all'interno di un gruppo di chat su WhatsApp.

In questi casi di accesso accidentale, i genitori e gli accompagnatori possono lavorare con i propri figli per ridurre la probabilità assicurando di disporre delle impostazioni appropriate per bloccare i contenuti durante la navigazione in Internet.

Sebbene non sia possibile controllare i messaggi diretti nella stessa misura, i genitori dovrebbero essere consapevoli delle restrizioni di età per ciascun sito e app e, se possibile, assicurarsi che il loro bambino non utilizzi alcun supporto prima dell'età legale. Se a un giovane è consentito utilizzare WhatsApp, tuttavia, i genitori dovrebbero essere consapevoli del fatto che il backup delle immagini verrà di solito eseguito sul rullino fotografico di default e dovrebbe essere eliminato da questo album e quindi dal file "cancellato di recente". Se i genitori lo desiderano, potrebbero essere in grado di eseguire il backup di tutte le immagini dai dispositivi dei propri figli per il monitoraggio mediante la condivisione della famiglia.

Non è realistico per genitori, tutori e professionisti tentare di impedire a un giovane di visualizzare tutte le immagini potenzialmente dannose. Gli adulti hanno un ruolo vitale da svolgere, tuttavia, in termini di creazione di un ambiente in cui i bambini sappiano di poter discutere i loro pensieri e sentimenti sui contenuti a cui potrebbero aver avuto accesso senza timore di giudicare. Ciò è particolarmente importante nel caso dei giovani che cercano deliberatamente immagini relative all'autolesionismo. Un dialogo aperto e senza giudizio supporterà un giovane ad esplorare la propria motivazione per accedere all'immagine, fornire contesto e informazioni sui rischi e dissipare i miti piuttosto che sensazionalizzare e rendere glamour come i social media hanno la tendenza a fare. I genitori e i caregiver sono anche in grado di esplorare i problemi di fondo e di introdurre metodi più efficaci per affrontare il disagio.

I genitori e gli assistenti dovrebbero essere consapevoli, tuttavia, che la visualizzazione e la condivisione di immagini possono rappresentare una comunità di persone che il bambino potrebbe provare a convalidare i propri sentimenti negativi. I giovani riferiscono di sentirsi invidiosi e persino motivati ​​dalle cicatrici autolesionistiche altrui.

L'autolesionismo e l'ideazione suicidaria devono sempre essere prese sul serio e riferite al medico di famiglia o alla persona designata della scuola.

Scrivi il commento

Scroll Up