Come posso aiutare mio figlio a pensare in modo critico per proteggerlo dalle influenze estremiste?

Come possono i genitori contrastare la narrativa e incoraggiare il "pensiero critico" quando si tratta di proteggere i bambini dalle influenze estremiste (online e offline)? I nostri esperti offrono supporto e approfondimenti per iniziare.


Sajda Mughal OBE

Amministratore delegato di JAN Trust, attivista e consulente
Sito Web esperto

Come faccio a sapere se mio figlio è vulnerabile?

Esistono numerosi segnali di avvertimento che possono essere utilizzati come guida per identificare la vulnerabilità di tuo figlio alla radicalizzazione:

  • Propensione precedente o attuale alle opinioni estremiste
  • Senso di isolamento dal gruppo sociale
  • Esperienza recente di grave evento traumatico
  • Eventi che interessano il paese o la regione di origine
  • Esperienza personale di razzismo o discriminazione
  • Precedente coinvolgimento con gruppi criminali

È fondamentale tenere presente che questo elenco non è esaustivo; né è solo indicativo di vulnerabilità alla radicalizzazione: potrebbero esserci altri problemi che devono essere affrontati. Tuttavia, se ritieni che una o più di queste caratteristiche si applichino a tuo figlio, vale la pena affrontarle al più presto, in un modo aperto e calmo che li rassicura sul fatto che sei una figura di cui ti puoi fidare a cui puoi chiedere aiuto e supporto in una situazione di rischio.

Come posso contrastare l’estremismo con mio figlio?

Parlare di estremismo ai bambini può essere difficile da affrontare, ma è sempre più importante rendere consapevoli i nostri giovani di ciò che sta accadendo nel mondo che li circonda. Ora viviamo in un mondo altamente digitalizzato, in cui i giovani hanno un accesso sempre più facile a una serie di informazioni online, oltre alle informazioni offline.

È quindi fondamentale che i bambini siano consapevoli dei pericoli e dei rischi del materiale presente e offline. Al fine di salvaguardare i nostri figli, dobbiamo quindi avere e mantenere un dialogo aperto tra noi stessi e i nostri figli, che consente loro di pensare criticamente ai materiali che incontrano e offline.

Se siamo in grado di parlare apertamente e onestamente di opinioni e opinioni diverse e dei potenziali pericoli esistenti, nonché delle diverse tecniche e metodi utilizzati per radicalizzare le persone online e offline, aumentiamo le possibilità che i nostri figli siano onesti con noi, e si sentono a proprio agio ad avvicinarsi a noi se sentono che forse sono preda. Educare i nostri figli e renderli autocoscienti è la chiave per prevenire l'estremismo.

Come posso avviare una conversazione sull'estremismo e la radicalizzazione con mio figlio?

Mantenere la conversazione calma e aperta farà sì che tuo figlio si senta sostenuto. Accertarsi che le emozioni siano tenute sotto controllo consentirà una maggiore onestà, fondamentale per mantenere la fiducia del bambino.

Questo argomento di conversazione può sembrare travolgente ma è importante chiarire che stai ponendo domande perché desideri supportarle. Rassicura tuo figlio che questo è dialogo, piuttosto che punizione. Molti bambini non segnalano preoccupazioni perché temono che il loro accesso a Internet venga interrotto.

Assicurati di sapere quali sono le diverse piattaforme Internet e social media e come potrebbero essere utilizzate prima di parlare con tuo figlio. Non dare a tuo figlio una scusa per liquidare le tue preoccupazioni come "fuori dal mondo!" Interagisci con tuo figlio, sii aperto all'apprendimento da loro, ma evidenzia delicatamente i modi in cui i giovani possono essere a rischio. Fornisci alcuni esempi di come gli estremisti online possono utilizzare metodi intelligenti per manipolare e reclutare giovani.

Jade Gayle

Responsabile del programma di educazione, occupabilità e salvaguardia, Kidscape
Sito Web esperto

Come possono i genitori contrastare la narrativa per proteggere i bambini dalle influenze estremiste (online e offline)?

Crea un'atmosfera familiare in cui è incoraggiato il dialogo su questi temi. Avere discussioni aperte con tuo figlio sugli eventi mondiali e sui modi per affrontare positivamente le emozioni negative, aiuterà tuo figlio a vederti come qualcuno a cui può rivolgersi con le proprie preoccupazioni.

Quando si tratta di discutere di gruppi o individui estremisti, esplorare le conseguenze delle loro azioni. Ad esempio, tuo figlio potrebbe ritenere che un gruppo fosse giustificato nel sentirsi arrabbiato per una causa, ma le conseguenze dell'estremismo violento includono la morte, la prigione, la perdita di persone care ecc., Quindi discuti con tuo figlio le opportunità legali e sicure per un gruppo di attirare l'attenzione per una causa.

Pensa alla lingua che usi per descrivere altre persone di fronte a tuo figlio. Favorire un'atmosfera di linguaggio positivo e cercare di evitare un linguaggio minaccioso o offensivo. Laddove tu e tuo figlio incontriate o ascoltiate discorsi o comportamenti odiosi, cercate di metterli alla prova, anche solo esprimendo a vostro figlio la vostra antipatia per tale comportamento e linguaggio. Assicurati che tuo figlio abbia anche il supporto di altri modelli di ruolo positivi; ciò può avvenire attraverso l'accesso a società sportive o gruppi di giovani.

Laddove sembra che tuo figlio stia cambiando radicalmente la vita e ti senti preoccupato per i fattori che lo causano, discuti con loro delle motivazioni e dell'impatto di qualsiasi decisione. Laddove non si dispone delle conoscenze specialistiche per discutere efficacemente di un argomento con il proprio bambino, chiedere aiuto a professionisti adeguatamente qualificati.

Adam Deen

Direttore esecutivo (Regno Unito), Quilliam International
Sito Web esperto

Cosa posso fare per proteggere mio figlio dalle influenze estremiste?

I genitori e le scuole sono in prima linea negli sforzi contro l'estremismo. Quando parliamo di contro-estremismo, uno dei modi chiave per proteggere gli individui vulnerabili dall'influenza della radicalizzazione è costruendo il loro elasticità contro narrazioni estreme e tecniche di reclutamento. Mentre dotare l'individuo di strumenti per costruire questa resilienza è una priorità, le persone che circondano l'individuo vulnerabile sono ugualmente importanti.

Instillare valori fin dalla giovane età

I membri più vicini alla cerchia di un individuo sono di solito la loro famiglia e possono agire come una vaccinazione estremamente efficace contro la radicalizzazione. Questi attori possono aiutare inoculando i propri figli da visioni estremiste, instillandoli fin da piccoli, valori come tolleranza, democrazia e principi umanisti. I genitori dovrebbero incoraggiare i bambini a pensare in modo critico, ad analizzare, digerire e criticare tutte le informazioni che prendono, in modo che possano essere meno inclini a cadere per la visione del mondo semplificata e riduzionista che i reclutatori radicali impiegano per influenzare le persone vulnerabili.

Concentrati sull'alfabetizzazione emotiva

A parte il pensiero critico, i genitori dovrebbero anche concentrarsi sull'aiutare a sviluppare l'alfabetizzazione emotiva del loro bambino, sempre in giovane età, in modo che siano armati contro narrazioni estreme che spesso depredano i sentimenti dell'individuo di solitudine, depressione o rabbia.