MENU

Aiutare i bambini con SEND a gestire e comprendere la disinformazione

Come puoi aiutare i bambini con SEND a gestire la disinformazione? Con così tante fonti di informazioni online, può essere difficile sapere cosa è affidabile e cosa no. Il nostro gruppo di esperti condivide i propri pensieri e consigli sull'argomento di seguito.


Dott.ssa Elizabeth Milovidov, JD

Professore di giurisprudenza ed esperto di genitorialità digitale
Sito Web esperto

In che modo i genitori possono aiutare i bambini con SEND e altre vulnerabilità nella navigazione di informazioni affidabili online?

Capire cosa è affidabile o inaffidabile online sta diventando più difficile man mano che la tecnologia si evolve senza interruzioni e ciò che una volta era fantastico può ora sembrare spaventosamente reale. Se gli adulti hanno difficoltà a navigare tra informazioni affidabili online e condividono involontariamente falsità e incomprensioni, immagina quanto può essere più difficile per i bambini?

Genitori e tutori devono prima ricordare che i bambini si fidano e possono credere a ciò che vedono online. Bambini con INVIA e altre vulnerabilità possono anche avere ulteriori sfide con il riconoscimento dei rischi e/o le lotte con il il pensiero critico competenze necessarie per navigare online in modo responsabile.

Ciò non significa necessariamente che un rischio maggiore porterà a più danni, ma genitori e tutori devono essere disponibili per fornire SEND bambini con strategie pratiche durante la navigazione online

  • Tieni le cose in prospettiva e fornisci l'accesso ai materiali appropriati
  • Scopri come il controllo genitori può funzionare al meglio per fornire guardrail sull'autostrada digitale
  • Trova siti di informazioni affidabili e mostra a tuo figlio come usarli
  • Fai sapere a tuo figlio che sei sempre disponibile ad ascoltarlo e supportarlo quando è online

I bambini con SEND e altre vulnerabilità a volte potrebbero aver bisogno di una piccola guida online in più, ma i risultati saranno gli stessi: bambini che possono utilizzare le risorse online in modo responsabile e sicuro.

Karl Hopwood

Esperto di sicurezza online indipendente
Sito Web esperto

In che modo i bambini vulnerabili possono essere colpiti dalla disinformazione e dalla disinformazione online e cosa possono fare i genitori per limitare questi impatti?

Al momento stiamo assistendo a una quantità significativa di disinformazione e disinformazione online, in particolare legata al conflitto in Ucraina ed è importante distinguere tra le due.

La disinformazione si riferisce alla condivisione di contenuti fuorvianti o falsi con buone intenzioni, ovvero la persona che li ha condivisi credeva che fossero veri e pensava di essere d'aiuto condividendoli. La disinformazione si riferisce a contenuti condivisi al fine di fuorviare o influenzare il modo in cui qualcuno pensa o si comporta. Questo può essere fatto su larga scala e in alcuni casi può essere sponsorizzato dallo stato.

Molti giovani guardano i contenuti condivisi da coloro che sono coinvolti nel conflitto in Ucraina ed è incredibilmente potente che le persone siano in grado di utilizzare le piattaforme dei social media per condividere con il mondo la situazione in cui si trovano. Tuttavia, può essere difficile verificare l'autenticità di tali contenuti, ed è molto importante non dare per scontato che qualcosa sia genuino (o addirittura falso) solo perché scatena le nostre emozioni.

Una recente pubblicazione UNICEF ha osservato che "i bambini possono essere particolarmente vulnerabili alla disinformazione/disinformazione perché la loro maturità e capacità cognitive sono ancora in evoluzione, compreso lo sviluppo di 'diverse motivazioni psicologiche e fisiologiche e, con esse, diversi diritti e tutele'".

Per i bambini vulnerabili, in particolare, possono spesso prendere per oro colato ciò che vedono e credere che sia vero. È importante che i genitori offrano opportunità di discussione con i loro figli e chiariscano che, sebbene non tutto online sia vero, può essere difficile individuare ciò che è reale e ciò che è falso. I bambini e i giovani dovrebbero essere incoraggiati a chiedere se non sono sicuri e ricordarsi di non condividere i contenuti se non sono sicuri della loro autenticità.

In che modo i bambini vulnerabili possono essere colpiti dalla disinformazione e dalla disinformazione online e cosa possono fare i genitori per limitare questi impatti?

Tutti possiamo essere soggetti a disinformazione e disinformazione, in particolare se c'è qualcosa che ci preoccupa e siamo alla ricerca di risposte. Quanti di noi si sono diagnosticati una terribile malattia dopo lo scrolling notturno?!

Quello che ci preoccupa di più è spesso il nostro luogo di vulnerabilità. Ad esempio, se stiamo cercando amore, connessione e appartenenza, mentre ci sono molte meravigliose comunità di supporto, ci sono anche individui e gruppi che sfrutteranno quel bisogno di connessione. I bambini possono anche essere a rischio nei forum online in cui le persone potrebbero condividere consigli ben intenzionati che potrebbero effettivamente causare danni.

Per limitare gli impatti, spiega che non tutto ciò che vedi e leggi è reale. Tieni d'occhio le app utilizzate da tuo figlio e la loro cronologia delle ricerche, parla con loro di ciò che hanno visto e sentito. Qualunque cosa abbia nella mente di tuo figlio, potrebbe rivolgersi a un motore di ricerca (come Google) o cercare l'aiuto di estranei. Assicurati di entrare per primo con i tuoi consigli e di collaborare per trovare fonti di supporto sicure, praticabili e affidabili.