Come parlare di #BlackLivesMatter, odio online e razzismo con i bambini

Le proteste sono iniziate in reazione alla morte di un uomo di nome George Floyd a Minneapolis, negli Stati Uniti, dopo essere stato fermato dalla polizia. Ciò ha fatto seguito a diverse proteste e ad alcuni violenti scontri tra polizia e manifestanti, mentre le manifestazioni si sono diffuse nelle città degli Stati Uniti e anche nel Regno Unito.

Quindi è importante garantire che i bambini e i giovani che si sentono angosciati da queste immagini nei media e dall'odio e dal razzismo online, abbiano il sostegno dei loro genitori o tutori su come far fronte.


Quale ruolo posso svolgere per aiutare mio figlio a condividere ed esprimersi in sicurezza quando si tratta di affrontare questioni relative al razzismo online?

Come genitori di bambini di razza mista abbiamo sempre discusso di razza, tuttavia, i sentimenti e le discussioni si sono amplificati nelle ultime settimane. Mio figlio non vedeva l'ora di dirmi che stava giocando a un gioco online in cui veniva menzionato Black Lives Matter e ha detto a un altro bambino che era nero. Era raggiante perché poi gli hanno "regalato animali domestici". Sono stato sollevato che questo fosse il risultato (abbiamo dovuto fare una chiacchierata su con chi parliamo online), ma mostra che i bambini sono ben consapevoli dell'ambiente attuale e queste discussioni si svolgono nel loro mondo online.

Il mio consiglio ai genitori è di non aspettare di parlare di razza e razzismo. Parla di come potrebbe apparire online nelle chat e nei post, cosa potrebbe vedere tuo figlio e cosa potrebbe voler condividere. I bambini vedranno contenuti affermanti e positivi, ma potrebbero anche essere esposti a pregiudizi e odio (ce ne sono molti là fuori). Dobbiamo armarli di conoscenza in modo che possano celebrare chi sono e affermare vite nere, ma essere pronti a individuare l'odio e condividere qualsiasi preoccupazione con noi.

Sajda Mughal OBE

Amministratore delegato di JAN Trust, attivista e consulente
Sito Web esperto

Cosa posso fare per affrontare qualsiasi ansia e frustrazione che provano i miei figli quando vedono immagini sconvolgenti online sul razzismo in tutto il mondo?

Il primo posto per iniziare una conversazione sul razzismo è con assoluta onestà. Ciò significa in effetti una spiegazione adeguata all'età, il problema deve e non può essere ignorato. Iniziare una conversazione adatta all'età consente lo sviluppo di una cornice utile per far comprendere ai bambini realtà complesse e difficili. Ignorare questo lascia aperta l'opportunità ai bambini di disegnare i propri, il che potenzialmente può dare ai bambini una cornice inutile per comprendere realtà difficili. Se i genitori tacciono, i bambini trarranno le loro conclusioni spesso errate su una situazione e sul perché sta accadendo, questo è potenzialmente molto pericoloso.

È inoltre importante riconoscere i sentimenti del bambino e consentire loro di esprimere questi sentimenti, oltre a fornire modi per esprimere queste emozioni in modo sano e significativo. Ciò può includere potenziali azioni che i bambini possono intraprendere per affrontare le ingiustizie sociali o i modi in cui possono essere coinvolti in campagne o parlare di modi per far fronte quando assistono a ingiustizie sociali.

Scrivi il commento

Scroll Up