I genitori condividono preoccupazioni sui social media

Leggi come alcuni genitori stanno aiutando i propri figli a esplorare i rischi e i benefici dei social media

Pubblicare tweet e condividere scatti sui social media è diventato la norma per la maggior parte degli adolescenti e alcune interazioni per rimanere in contatto tra loro e condividere le loro esperienze quotidiane.

Sebbene i social media offrano ai bambini un grande spazio per stringere amicizie con persone che conoscono nel mondo reale, ci sono dei rischi di cui devono essere consapevoli per assicurarsi che rimangano al sicuro.

Per capire come i genitori hanno a che fare con la vita dei social media dei loro figli, un certo numero di genitori ha condiviso le loro preoccupazioni personali e le esperienze della vita sociale dei loro figli online.

"Tenere sotto controllo i tuoi figli sui social media può essere difficile. A volte mi sento totalmente fuori controllo ” - Nicola Jenkins, mamma di Christie, 14 e Maisie, 12 e Bobby di cinque anni

Come mamma di un figlio di 14 e figlia di 12, Nicola Jenkins sa quanto possano essere ossessionati i bambini di oggi con i loro smartphone e social media. "Mio figlio Christie, in particolare, è dipendente", ha ammesso Nicola, 37.

Mentre il suo uso dei social media è limitato a una rapida occhiata alla sua pagina Facebook un paio di volte al giorno e al controllo settimanale di Twitter, lo stesso non si può dire di Christie.

Usa Facebook, Snapchat e Instagram e chatta con tutti i suoi amici sulla chat Xbox.

Ha detto: "Sicuramente userò meno Facebook - penso che sia più per le persone anziane - ma controllerò Snapchat per tutto il giorno mentre parlo con tutti i miei amici lì. E poi andrò su Xbox ogni giorno per circa due ore per chattare con il nostro gruppo ".

Mentre Nicola, un visitatore della salute del Bedfordshire, e anche mamma del bambino di cinque anni Bobby, ha il controllo dei genitori sul WiFi domestico e cerca di limitare l'uso di Xbox a Christie a non più di due ore, è preoccupata che alcune cose non vadano bene il suo controllo.

"In casa, non possono accedere a determinati siti Web", ha rivelato. “Ma quando è al telefono, non riesco a fermare nulla perché ha potuto vedere cose attraverso 3G. E ai suoi amici piace mandargli dei video volgari, lo fanno tutti. Ragazzi tipici. Potrebbe essere qualsiasi cosa da qualcuno che mangia male o di recente ne ha inviato uno vile, chiamato One Man One Stump. Lo trovano divertente. "

Ma lei dice di avere piena fiducia in Christie, che ha oltre i follower di 900 sul suo account Instagram pubblico, sebbene contenga solo 200 come persone che conosce. Tuttavia, è una storia diversa quando si tratta di Maisie.

Nicola ha confessato: “Abbiamo dovuto vietare a Maisie di andare su qualsiasi social media perché abbiamo scoperto che aveva inviato messaggi cattivi a uno dei suoi amici su Instagram. Penso davvero che sia peggio con le ragazze in quanto possono essere molto più cattive. E ora non si ferma una volta lasciati i cancelli della scuola. E sono così ossessionati da come appaiono. Maisie avrebbe pubblicato molti selfie con il suo trucco e posa che chiunque poteva vedere. Ma a causa dell'incidente su Instagram, abbiamo rimosso il suo profilo e bandito dal suo telefono - non le sarà consentito un account fino a quando non sarà molto più grande. "

Maisie ha ammesso: “Non so perché l'ho fatto. Ma mi manca Instagram e non mi è permesso su nessun social media ora. È difficile perché ci sono tutti i miei amici. ”

Torna in alto

Nicola e Christie

“I social media sono come il selvaggio West. La mia più grande paura è che gli estranei si mettano in contatto - non si sa mai chi è là fuori ” - Tarin Smillie, mamma di Bleu, 12

Mentre Tarin Smillie è orgogliosa della sua relazione aperta e onesta con suo figlio 12, Bleu, quando si tratta di social media, lo confronta con il selvaggio West e ammette di avere costantemente paura di ciò che potrebbe accadergli.

"Mi preoccupo sempre che gli estranei si mettano in contatto con lui", afferma Tarin, 36. “Come la maggior parte dei bambini della sua età, gioca sulla sua PlayStation 3 in cui può giocare a chiunque su Internet, in modo che chiunque possa mettersi in contatto. Leggi i titoli dei bambini che vengono uccisi dopo aver incontrato qualcuno online che pensavano di conoscere, quindi dico a Bleu di non chattare con nessuno lì a meno che non sia un amico o una famiglia. La cosa migliore che puoi fare è parlare con i tuoi figli e spiegare i pericoli. "

Tarin, una contabile dell'Essex, ammette di usare costantemente Facebook ma non ha idea delle app preferite di Bleu - Instagram e Snapchat - ed è rimasta scioccata nello scoprire che suo figlio ha follower 648 su Instagram.

Aggiunge: “Perché tutte quelle persone lo seguono? Non lo conoscono. È sbagliato."

Ma Bleu insiste sul fatto che non c'è nulla di cui preoccuparsi, aggiungendo: "Uno dei miei amici ha follower 1,000".

Spiega: “Su Instagram, molte persone mantengono pubblici i loro account e non importa. Non conosco molte persone che mi seguono, probabilmente meno di 250. Ma molti di loro sono amici di amici. Snapchat è solo per amici, quindi pubblico più Snapchat che Instagram. Pubblico solo una volta al mese su Instagram, ma un paio di volte al giorno su Snapchat. ”

Tarin - che non era a conoscenza degli utenti di Instagram deve essere 13 e oltre - dice di monitorare ciò che Bleu sta facendo in quanto può vedere cosa sta facendo sul computer mentre è nel salotto di famiglia e passerà attraverso il suo telefono se pensa che ci sia stato alcun problema.

Bleu rivela: "Dico alla mamma un bel po 'e quando questa ragazza ha iniziato a mandarmi messaggi su cose cattive e ho scritto messaggi su cose cattive, mi ha fatto bloccare e non essere più amico di lei."

Tarin aggiunge: “Bleu può diventare sgradevole quando discute con le persone a scuola, quindi mi limito a fare un passo e mi assicuro che blocchi chiunque litiga. Penso che sia una grande preoccupazione per i bambini vittime di cyberbullismo perché non c'è modo di evitarlo. Possono bloccarlo ma ci sono persone viziose là fuori - solo cattive. "

Torna in alto

Tarin e Bleu

"Qualsiasi piattaforma con una funzione di chat, messaggi o commenti è un po 'preoccupante" - Ben Atherton, papà di James, 11.

Come la maggior parte dei genitori, Ben Atherton nutre preoccupazioni per i suoi figli che usano i social media e non permetterà a suo figlio James 11 di avere un profilo Facebook, Instagram o Snapchat.

“Penso che Snapchat sia quello che mi preoccupa di più. Poiché la cronologia viene eliminata così rapidamente e può essere utilizzata in modo improprio ", rivela il papà dei due. "Penso che sia troppo giovane al momento ed è più quello che farebbero gli altri."

E mentre James vorrebbe un account Instagram perché uno dei suoi migliori amici è lì, è felice di giocare online e caricare video sul suo account YouTube.

Dice: “Gioco online e utilizzo la funzione chat su di essi. Ho un account YouTube, quindi mi piace e guardo video e carica video, principalmente di me giocando a FIFA ".

Ma papà Ben, 41, ammette: “Penso che qualsiasi piattaforma con una funzione di chat, messaggi o commenti sia un po 'preoccupante. Ti preoccupi che qualcuno pubblicherà qualcosa che potrebbe sconvolgerlo.

“Ma abbiamo stabilito alcune buone regole su cosa è appropriato condividere. Abbiamo parlato se qualcuno avesse fatto qualcosa che avresti detto a un insegnante o a un adulto. Mi preoccupo più di ciò che pubblicano gli altri piuttosto che di James. "

Sebbene Ben - un direttore cliente, che vive a Reading, Berks - abbia reso noto a James i pericoli legati alla condivisione di tutti i dettagli di contatto, una volta il suo numero è stato comunicato senza che James lo sapesse.

James rivela: “Ho un'amica che ama condividere e ha condiviso il mio numero con qualcuno fuori dalla scuola e non ho idea di chi sia. Quindi stava dando il mio numero a persone a caso. "

Ben aggiunge: “Si è scoperto che era solo un amico di un amico, ma sembrava un estraneo quando è arrivato il primo messaggio e non puoi mai essere troppo attento. Proprio come quando hai bisogno di sapere a chi vanno i bambini dopo la scuola, devi sapere cosa stanno facendo nella loro vita digitale. "

Torna in alto

Ben e Jen

"Pubblico foto su Snapchat ogni giorno, ma la mamma controlla sempre prima le foto per assicurarsi che siano adatte" - Constance Bauer, 14 invecchiato

La quattordicenne Constance Bauer utilizza i social media per tenersi aggiornato su ciò che i suoi amici stanno facendo. Ha follower 160 su Instagram e 30 su Snapchat.

Ha detto: “Io e i miei amici utilizziamo solo Instagram e Snapchat. Non abbiamo mai avuto brutte esperienze o bullismo. Lo usiamo solo per tenerci in contatto. Non ho mai pubblicato nulla di degradante o negativo - mia mamma si assicura controllando se sono adatte prima di inviarle. "

Ha aggiunto: “Vado su Snapchat ogni giorno ma non pubblico nessuna delle mie foto. Li mando solo direttamente ai miei amici. Su Snapchat c'è "La tua storia" che ti mostra tutte le foto della tua giornata, ma non la uso. Mi piace solo controllare le foto degli altri. "

Sua madre Catherine dice che controlla regolarmente la pagina Instagram di Constance e crede che sia sicura di parlare con i suoi compagni su di essa.

Tuttavia, a differenza di oltre il 90% degli adolescenti della sua età che usano i social media, c'è un sito che Constance non sarà in grado di andare avanti nel prossimo futuro - Facebook.

Il commesso Catherine, 45, di Kingston, nel Surrey, ha dichiarato: “Mi preoccupo per le persone che cercano di contattare Costanza. Non la voglio ancora su Facebook. Sembra meno privato. Io e mio marito siamo piuttosto all'antica e sono anti-Facebook. Non volevo che lei avesse Instagram. Ma lei non pubblica mai nulla di negativo, sai - non pubblica commenti orribili. La prima cosa che le ho detto è di non fare nulla di male. E ho detto che volevo che mi riferisse immediatamente se qualcuno dice qualcosa di orribile o la critica. "

Ma Catherine - che non usa i social media da sola, ma può accedere agli account di Costanza se necessario - dice che potrebbe fare con più aiuto quando si tratta di impostare il controllo genitori sul suo WiFi, telefono o tablet.

Ha confessato: “Non ne so nulla. Non so farlo, per dirti la verità. Non so come farlo al telefono. Non mi è mai stato detto come farlo. Ho anche un figlio di 11 e se vuole giocare guardo oltre per vedere cosa sta facendo. Ma non so come impostare il controllo genitori su telefono, iPad, computer, quindi è qualcosa di cui ho bisogno per saperne di più. ”

Torna in alto

Caterina e Costanza

“I miei figli finirebbero per essere vittime di bullismo se lo facessero non erano sui social media " - Claire Smith, mamma di Charlie, 13, Lyra, 11 e Miller di sette anni

Claire Smith sa fin troppo bene di non andare a scuola. Quando stava crescendo i suoi genitori erano così severi che le hanno proibito di guardare gli spettacoli televisivi o di leggere le riviste alla moda di cui parlavano tutti i suoi amici.

Questo è uno dei motivi per cui consente ai suoi due figli maggiori, Charlie, 13 e Lyra, 11, di avere più libertà e interagire con i social media.

Ha detto: "Sono ormai in un'età in cui tutti i loro amici sono sui social media, quindi sento che se smetto di averlo con i miei due, verrebbero presi di mira per non averlo. Non lo voglio. È solo un modo di vivere il mondo e spero di aver insegnato ai miei figli come usarlo correttamente. Sono un grande fan di Twitter, ho oltre i follower di 13,000, quindi sarebbe un po 'ipocrita dire che non potrebbero usare i social media. "

Claire dice che controllerà regolarmente l'utilizzo dei social media dei suoi figli - che coinvolge Instagram, Snapchat e Musicality - e ha dovuto intervenire quando ha scoperto che Lyra si era mostrata alle sue amiche in alcune occasioni.

"Una volta ho visto che aveva raccontato a una delle sue amiche dove si trovava il suo vero papà", ha rivelato Claire, una mamma casalinga del Bedfordshire. "Per quanto ne so, il suo vero papà vive a casa con noi e lo ha sempre fatto!"

Lyra ha detto: “Non so perché ho deciso di dirlo. È solo un po 'divertente. Non stavo davvero pensando. Non intendo. "

Anche Claire, 42, ha dovuto intervenire quando suo figlio Charlie è stato oggetto di una scortese foto di Snapchat che è stata distribuita da uno dei suoi amici.

Ha ammesso: “Uno degli amici di Charlie ha disegnato un oggetto maleducato [un pene] su una sua foto e l'ha inviato in giro su Snapchat. Era devastato e terrorizzato da chiunque l'avrebbe visto. Ma questo è il modo in cui viviamo ora, che prende in giro e tutto si svolge online. ”

Claire - che ha anche il figlio Miller di sette anni - l'ha scoperto perché un Charlie arrabbiato le aveva detto dopo averlo visto girare su Snapchat e ha dovuto parlare con i genitori del ragazzo che lo ha fatto. E sebbene abbia avuto luogo fuori dalla scuola, Claire afferma che la scuola è stata molto brava a gestirla.

"Sono stati fantastici e si sono assicurati che l'immagine fosse eliminata e non inviata di nuovo", ha detto. "Quando si tratta di social media, le scuole sono molto coinvolte soprattutto se si verifica qualsiasi bullismo online".

Torna in alto

Claire e Lyra

"Ero così arrabbiato, le ho tolto Snapchat e ora ha amici limitati lì" - Gail Partridge, mamma di Zoe, 11

Gail Partridge sa tutto sui pericoli dei social media ma insiste che non si preoccupa troppo perché la scuola della figlia Zoe è così ben informata.

“La scuola è davvero brava a tenere conferenze sulla sicurezza. Un ufficiale di polizia arriva ogni due settimane per parlare con loro su cosa pubblicare e dà consigli ", rivela.

Zoe spiega ulteriormente: “Ci viene detto di non mettere mai il nostro nome completo, l'età o la scuola in cui andiamo. È importante mantenere tali informazioni private. "

Anche se Zoe - che è su Snapchat, Instagram e Musicality - controlla il suo smartphone per prima cosa al mattino, Gail non pensa che la quantità di tempo che trascorre chattando con gli amici online sia un problema.

"Abbiamo una relazione piuttosto aperta quando si tratta di social media e conosco tutte le password di Zoe", aggiunge Gail. Tuttavia, ci fu un incidente su Snapchat, che vide Gail vietare sua figlia per un po '.

"Non ero contento di ciò che aveva postato una sua amica", Gail, consulente di Sterling, in Scozia. “So che non era Zoe ma ero davvero arrabbiato e le ho tolto Snapchat. Uno, perché non capivo davvero Snapchat e, due, il comportamento della ragazza era inappropriato. “E dopo Zoe non ha avuto Snapchat per un bel po '. Ora ha un gruppo molto piccolo di amici lì adesso. Ha quattro amici su questo. E va bene. "

Zoe ammette che, sebbene ci siano pressioni sui giovani affinché si uniscano ai siti di social media, è una fan.

"Penso che sia più positivo che negativo", spiega. "Mi piace essere lì e so cosa è giusto e cosa è sbagliato."

Gail è d'accordo, aggiungendo: “Per me è fantastico. Lo adoro. È interessante perché da grande non avevamo telefoni. Hai più informazioni sull'amicizia e vedi cosa stanno facendo. Mi piace che Zoe possa mandare messaggi ai suoi amici di notte. Penso che per l'apprendimento sia buono. Ovviamente mi preoccupo di cose come la toelettatura e il sexting, ma Zoe è abbastanza saggia e ne parliamo. ”

Torna in alto

Gail e Zoe

Altro da esplorare

Ecco altre risorse per aiutarti a proteggere il tuo bambino online

Messaggi recenti

Scroll Up