I genitori rinunciano al controllo parentale e si concentrano sulla conversazione sulla sicurezza online

Mel Knibb, un'affollata mamma di quattro persone, condivide la sua esperienza nell'uso del controllo genitori e sottolinea l'importanza di avere una conversazione su ciò che i bambini stanno facendo online per assicurarsi che siano al sicuro.

Con quattro bambini di età compresa tra 3, 5, 7 e 9, Internet è una costante nella famiglia Knibb. "Al momento tutti i bambini hanno i loro dispositivi Nintendo e condividono un iPad per giochi e Minecraft", afferma Mel. "Inoltre, a volte tutti usano il mio telefono per i giochi e guardano video su Netflix o YouTube."

Lotte con il controllo parentale

Al momento, Mel ha deciso di non utilizzare alcun software di controllo parentale, sebbene abbia già provato un paio di prodotti di Kaspersky e Kidslox. "Penso che il controllo parentale sia utile in teoria, ma funzionano solo quando i bambini usano solo il proprio dispositivo", afferma. "Poiché i bambini condividono e utilizzano i miei dispositivi, non li abbiamo trovati pratici."

Mel ritiene inoltre che questi prodotti possano essere complessi da configurare o glitch da utilizzare. "Quando abbiamo provato a utilizzare il controllo genitori, tendevano a fare cose come impedirmi di usare il mio telefono per anni o impostare in modo da scoprire che non avrei potuto effettuare chiamate", spiega. "Un'altra volta, l'abbiamo impostato per consentire ai bambini di avere 30 minuti di tempo sullo schermo ma non siamo riusciti a capire come aumentarlo quando hanno chiesto!"

Usare le conversazioni per proteggere i bambini online

Piuttosto che fare affidamento sugli strumenti, Mel e suo marito preferiscono concentrarsi sulla conversazione con i bambini. "Capiscono che il tempo dello schermo dovrebbe essere limitato e ciò che vedono deve essere monitorato, per la propria sicurezza", afferma Mel.

Le società di software potrebbero aiutare fornendo istruzioni e guide più semplici su come impostare strumenti su dispositivi condivisi o per bambini diversi, afferma Mel. "Non siamo cresciuti con questi strumenti o problemi, quindi è qualcosa su cui abbiamo bisogno di una guida", afferma. "Allo stesso modo in cui l'NHS sta dando consigli ai genitori sullo spuntino, penso che i genitori abbiano bisogno di supporto per aiutare i loro figli a essere protetti online."

Definire i confini

Per ora, Mel fa affidamento su chat regolari con i suoi figli su importanti regole per l'utilizzo di Internet. Questo fa spesso parte di una conversazione più ampia su ciò che è appropriato nel suo insieme, sia online che offline. "Si tratta anche di affidare ai bambini la possibilità di chattare con noi qualora inciampino in qualcosa di inappropriato".

Al momento i bambini non sono autorizzati a scaricare nulla e Mel stessa afferma di non aver scaricato nulla sui suoi dispositivi che non sarebbe appropriato per i bambini. Ciò significa che non è necessario impostare il controllo genitori su dispositivi specifici. Ma man mano che i bambini crescono e hanno i propri dispositivi, è probabile che sia più un problema. "Mi piacerebbe trovare i controlli parentali che funzionano bene sul mio telefono e iPad", afferma.

Mel Knibb è un'affollata mamma di quattro persone che lavora come food blogger presso Le Coin de Mel, e stylist freelance. Vive con suo marito e quattro figli nel sud est dell'Inghilterra.

Altro da esplorare

Ecco altre risorse per aiutarti a proteggere il tuo bambino online

Messaggi recenti

Scroll Up