La mamma condivide l'impatto che le notizie false hanno avuto su suo figlio

È importante aiutare i bambini a sviluppare la loro alfabetizzazione digitale e il pensiero critico per individuare la differenza tra realtà e finzione online. La mamma Ann condivide l'esperienza personale della sua famiglia sulle notizie false.

Notizie false e disinformazione possono ingannare tutti noi, ma i giovani possono essere particolarmente vulnerabili ai contenuti disonesti.

Discutere con tuo figlio di ciò che è reale e di ciò che è falso

Ann Hickman confessa che anche di tanto in tanto viene catturata da notizie false. "È particolarmente difficile se si tratta di una notizia di rottura quando non sono sicuro di cosa dovrebbe essere", afferma Ann. "Per i bambini, quindi, intendiamo parlare di come le persone pubblicano ciò che potrebbe sembrare una notizia, per cercare di farti visitare determinati siti Web."

Man mano che i bambini crescono, la quantità di informazioni che trovano online aumenta e Ann afferma che il suo bambino di 11 ora ottiene la maggior parte delle sue informazioni dal suo telefono e dai social media. Grazie alle conversazioni familiari e alle lezioni di scuola, il figlio di Ann è abbastanza privato online e non usa il suo vero nome, per evitare problemi come il cyberbullismo.

L'impatto di Fake News

Forse la prima esperienza principale di notizie false è stata quando il figlio di 11 di Ann si è imbattuto in una notizia sulla fine del mondo, che citava vari testi e "prove" per dimostrare che il mondo sarebbe finito in 2018. "Inizialmente, era davvero molto spaventato e arrabbiato, perché non sembrava ovviamente falso", dice Ann. “Abbiamo parlato di come una storia può essere supportata da foto o citazioni, ma ciò non significa che siano reali. Ci siamo occupati in modo molto fattuale ".

Aiutare i bambini a sviluppare l'alfabetizzazione critica e digitale

Il consiglio di Ann agli altri genitori è di aiutare i bambini a sviluppare le capacità di pensiero critico di cui hanno bisogno per individuare contenuti falsi online. Ciò potrebbe significare la creazione di un database mentale di contenuti "falsi" in modo che possano individuare idee simili. “Li aiutiamo anche a provare a considerare la storia con la logica e ad usare le cose che sanno per capire se si tratta di notizie vere o false. Quindi, per esempio, viene segnalato su siti di notizie credibili? La fonte è citata da qualcuno che riconosci e di cui ti fidi? Qual è una fonte credibile? "

Accanto a questo, Ann ha detto ai bambini che l'approccio migliore se non sei sicuro che qualcosa sia reale è semplicemente chiedere a un genitore o un insegnante o un altro adulto di fiducia. "Abbiamo sempre detto che possono parlarci di tutto ciò che vedono online. E questo include chiedere se qualcosa è reale.

Ann Hickman è una mamma lavoratrice di 40 che vive a Londra con i suoi tre figli, 11, 8 e 6 di età compresa tra. Scrive a www.rainbowsaretoobeautiful.com di crescere la sua famiglia autistica e neurotipica.

Messaggi recenti

Scroll Up