La mamma condivide l'impatto psicologico del cyber bullismo su sua figlia

La storia di questa mamma rafforza la necessità di parlare e assumere un ruolo attivo nella vita digitale di un bambino mentre condivide la battaglia di sua figlia con autolesionismo dopo essere stata vittima di un cyberbullismo.

Dare a un bambino il suo primo smartphone

Quando la figlia minore Lily era 10, voleva un telefono cellulare e account di social media. "Non era qualcosa con cui mi sentissi completamente a mio agio, ma ho concordato perché tutti i suoi amici avevano account e ho pensato che sarebbe stato un buon modo per tenersi in contatto mentre si trasferivano in diverse scuole superiori", spiega Lisa.

Cambiamenti nel comportamento

All'inizio tutto è andato bene e Lily si è divertita a condividere gli aggiornamenti su Instagram e Snapchat. Tuttavia, nei prossimi mesi di 18, Lisa notò che Lily stava diventando più ritirata e irritabile. Poi, quando Lily era 12, i suoi genitori scoprirono che si era autolesionista.

"È stato uno shock orribile", dice Lisa. "Ne abbiamo parlato con lei, ma Lily ha detto che non sapeva perché lo stesse facendo."

In cerca di aiuto professionale

I genitori di Lily l'hanno portata a vedere il GP diverse volte nei prossimi mesi, ma non sono stati in grado di arrivare in fondo al problema. "Fondamentalmente ci è stato semplicemente detto di andare online e parlare con la scuola", dice Lisa. “L'abbiamo fatto, ma è stato così difficile scoprire quale fosse la cosa giusta da fare. Continuavamo a parlare con Lily. "

Impatto del cyberbullismo sul bambino

Nel gennaio di quest'anno, Lily è stata ricoverata in ospedale dopo aver tentato il suicidio. Fu solo allora che Lily fu in grado di dire alla sua famiglia che era stata vittima di bullismo informatico per oltre due anni e mezzo. Il problema è stato segnalato alla polizia e alla scuola, i bulli sono stati espulsi e Lily si sta riprendendo lentamente.

Cercare segni e parlare insieme sono fondamentali

L'intero incidente è stato estremamente traumatico per tutta la famiglia e Lisa afferma che ora prendono molto più sul serio il cyber bullismo e il comportamento online. "Ora controllo il telefono di Lily su una base notturna e mi assicuro che qualsiasi messaggio potenzialmente dispregiativo venga gestito rapidamente. Il mio più grande rammarico non è spingere Lily a parlare apertamente con noi e che l'abbiamo lasciata incustodita su Internet. "

Con il senno di poi, Lisa si sente ingenua riguardo al cyberbullismo, anche se lei stessa usa regolarmente Internet. "Penso che ora sia essenziale che facciamo tutto il possibile per educare i genitori e gli operatori sanitari", afferma. "I nostri figli non possono sempre parlare con noi, quindi è importante che i genitori conoscano i segni a cui prestare attenzione e quali misure possiamo adottare per proteggere i nostri figli".

Lisa è una mamma impegnata a lavorare con tre bambini piccoli e scrive il suo blog, quindi è sicura di usare i social media.

Messaggi recenti

Scroll Up