MENU

Cosa sono gli algoritmi? Come prevenire le camere dell'eco e mantenere i bambini al sicuro online

Un ragazzo usa il suo laptop con una bolla che lo circonda per rappresentare il modo in cui le camere dell'eco separano gli utenti dalle visualizzazioni degli altri.

Gli algoritmi sono una parte importante dei feed dei social media, ma possono creare camere di eco. Queste camere dell'eco portano a problemi di odio online, disinformazione e altro ancora.

Che cos'è un algoritmo?

Un algoritmo è un insieme di istruzioni che un programma per computer segue per eseguire un compito specifico. Esistono diversi tipi di algoritmi, ma sui social media l'elenco delle istruzioni decide quali contenuti mostrare agli utenti. Gli algoritmi lo fanno imparando dall'interazione degli utenti con altri contenuti, ad esempio tramite Mi piace, commenti e condivisioni.

I social media utilizzano algoritmi per mantenere gli utenti coinvolti sulla loro piattaforma fornendo post pertinenti e interessanti. Questo è simile al modo in cui i siti Web raccolgono i cookie per mostrare agli utenti annunci pubblicitari pertinenti per loro.

Cos'è una camera d'eco?

Una camera dell'eco è una situazione in cui le persone vedono solo informazioni che supportano le loro convinzioni e opinioni attuali.

Le camere dell'eco dei social media funzionano "nascondendo" contenuti irrilevanti in base all'algoritmo. Si tratta di contenuti che gli utenti scorrono, con cui non interagiscono o che non bloccano sul proprio feed.

Tuttavia, i contenuti che gli utenti non vedono possono aiutare a creare una visione equilibrata del mondo. Pertanto, non vedere questo contenuto può creare bias di conferma in cui il contenuto che gli utenti vedono conferma le loro convinzioni fornendo diversi punti di vista.

In che modo gli algoritmi creano camere di eco?

Gli algoritmi creano camere di eco mostrando agli utenti contenuti simili a quelli con cui già interagiscono. Se quel contenuto è odioso, anche i suggerimenti mostreranno contenuti odiosi. Ad esempio, molti utenti che seguono Andrew Tate si ritrovano circondati da contenuti simili che si diffondono misoginia ed odio online contro donne e ragazze.

I computer e gli algoritmi non possono valutare le informazioni che suggeriscono. Pertanto, un algoritmo non può scegliere di mostrare agli utenti opinioni o fatti equilibrati. Le camere dell'eco quindi mostrano invece agli utenti che "tutti" credono lo stesso di loro.

Tuttavia, questi utenti sono in grado di vedere solo i contenuti di quelli con visualizzazioni simili. Pertanto, spetta all'individuo pensare in modo critico a ciò che vede e con cui interagisce.

Quali sono i rischi delle camere dell'eco per bambini e giovani?

Le camere dell'eco online possono portare alcuni utenti a diventare più estremi nelle loro opinioni perché non sperimentano opinioni opposte. Ciò può portare all'esposizione a contenuti dannosi, teorie del complotto e radicalizzazione.

I bambini corrono anche un rischio maggiore di credere disinformazione o essere manipolato online. Potrebbero non avere ancora il il pensiero critico o competenze di alfabetizzazione digitale necessarie per essere un consumatore attento di contenuti a causa del loro stadio di sviluppo cerebrale.* In quanto tali, è più probabile che credano a idee estreme o controverse.

Inoltre, l'esposizione a odio online come il razzismo e la misoginia o altre visioni del mondo dannose possono incidere sul benessere e sulla crescita dei bambini. Vedere contenuti inappropriati, violenti o odiosi su base regolare può portare alla desensibilizzazione. Di conseguenza, potrebbero non essere consapevoli del fatto che il contenuto che vedono è dannoso e quindi non sono in grado di sapere quando è giusto agire.

I bambini e i giovani che utilizzano i social media potrebbero non comprendere ancora come funzionano gli algoritmi. Pertanto, è importante aiutarli a imparare come gestire i suggerimenti sui contenuti per agire da soli.

Centro di odio online documento

Preteen ragazza seduta su un divano con uno sguardo serio sul viso mentre guarda un dispositivo multicolore nelle sue mani. Il testo recita "Odio online: hub di fatti e consigli" con il logo Internet Matters.

Gli algoritmi possono creare camere di eco che portano all'odio online. Scopri come funziona l'odio online e cosa puoi fare per fermarlo.

VISITA HUB

Come prevenire le camere di eco sui social media

Sebbene gli algoritmi possano offrire esperienze di social media personalizzate e uniche per ciascun utente, è importante riconoscere potenziali rischi e soluzioni. Aiuta i bambini a imparare a riconoscere quando si trovano in una camera dell'eco, come evitare che accada e dove trovare aiuto quando necessario.

Parliamo di social

Esplora i vantaggi e i rischi dei social media

Come molte cose online, i social media hanno sia vantaggi che rischi. Per impedire a tuo figlio di cadere nella trappola delle camere dell'eco, assicurati che comprenda questo rischio.

Anche controllare l'età minima della piattaforma di social media può essere d'aiuto. Se tuo figlio non soddisfa i requisiti di età, potrebbe non essere pronto per utilizzare la piattaforma. Incoraggiare l'uso di invece piattaforme adatte all'età fino a quando non sviluppano il loro pensiero critico e le loro capacità di alfabetizzazione digitale.

Rivedi l'uso dei social media

Stabilisci dei confini sui social media

Più tempo speso Social Media significa che gli algoritmi imparano di più sugli interessi di tuo figlio. Le camere dell'eco crescono anche con il tempo trascorso a dedicarsi a contenuti pertinenti. Pertanto, è importante stabilire dei limiti sui social media. Imposta limiti di tempo, usa impostazioni di sicurezza in-app e parla con loro delle persone con cui interagiscono o seguono.

Pratica il pensiero critico

Costruisci il pensiero critico e le capacità di alfabetizzazione digitale

Le macchine non possono pensare in modo critico a ciò che suggeriscono agli utenti. Pertanto, i bambini hanno bisogno dell'opportunità di sviluppare queste abilità da soli. Quindi, come parte delle conversazioni che hai, poni loro domande guida:

  • Perché seguono un determinato creatore di contenuti? Cosa trovano interessante o divertente?
  • C'è qualcuno a cui potrebbe non piacere quello che sta dicendo il creatore di contenuti? Perché potrebbe essere?
  • Se condividono punti di vista, quali sono i punti di vista opposti?
  • Chi altro seguono che "bilancia" il punto di vista di questo creatore?

Ricorda che queste conversazioni non devono avvenire solo con influencer controversi. Parla regolarmente di tutti i contenuti che tuo figlio vede per rendere il pensiero critico una parte normale della loro vita digitale.

Installa in sicurezza insieme

Lavorate insieme sulle impostazioni di sicurezza

La maggior parte delle piattaforme di social media è pensata per persone di età superiore ai 13 anni. Pertanto, la semplice impostazione del controllo parentale per tuo figlio non sarà sufficiente. Dopotutto, molti adolescenti sanno come spegnerli (o possono capirlo).

Quindi invece, fare tutto insieme. Parla del perché un'impostazione è importante e di cosa fa. Avere discussioni su quei punti su cui non sei d'accordo per arrivare a una via di mezzo e scendere a compromessi. In questo modo, si sentono inclusi nella loro sicurezza online e possono assumersi la responsabilità. Inoltre, se hanno bisogno di maggiore supporto, si sentiranno più a loro agio nel chiederti aiuto.

È stato utile?
Dicci come possiamo migliorarlo

Messaggi recenti