Preparare la tecnologia dei bambini per il passaggio alla scuola secondaria

Helen, un gestore di social media con una figlia di 12, racconta la ripida curva di apprendimento che ha vissuto quando sua figlia è diventata più dipendente dalla tecnologia quando è passata alla scuola secondaria.

Il cellulare è uno strumento essenziale per i bambini

"È stata una curva di apprendimento così veloce da quando Maddie è entrata nell'anno 7", afferma Helen. "Tutte le sue amiche avevano il telefono e andavano in città, a fare shopping o al cinema, e Maddie con un telefono sembrava un essenziale responsabile della sicurezza."

Come è successo, Maddie è stata una delle prime ragazze del suo gruppo sociale ad avere un telefono. "Maddie ha il diabete di tipo 1, che è difficile da gestire a qualsiasi età, quindi per una ragazza con una vita sociale così attiva, abbiamo pensato che fosse importante essere in grado di contattarci per un consiglio ogni volta che fosse necessario."

Pericolo più strano

Per cominciare, la più grande preoccupazione di Helen era probabilmente il "pericolo più strano" e il rischio che i predatori potessero avvicinarsi a Maddie. "Abbiamo bloccato i servizi di localizzazione e impostato controlli di privacy su tutte le sue app", spiega.

Poco dopo aver iniziato la scuola secondaria, Maddie ha chiesto un account Instagram e Helen ha accettato. "Ci siamo assicurati che fosse impostato come privato e accettammo solo le richieste di follow-up da parte di persone che conosceva nella vita reale."

Rimanere al sicuro sui social e in movimento

Helen ha anche offerto alcuni suggerimenti sull'uso appropriato di Instagram, come non pubblicare mai nulla che identifichi la sua posizione e non fare il broncio! "Più che gli unici account, ero preoccupato per come ha usato il suo telefono", aggiunge Helen. “Avevo visto bambini che andavano a scuola con le cuffie, guardando gli schermi mentre attraversavano la strada, ignari dei rischi! Ho sentito storie di persone che hanno i loro telefoni rubati, quindi ho dato a Maddie regole rigorose che il suo telefono dovrebbe rimanere nella sua borsa fino a quando non è a casa. "

Regole della scuola sui dispositivi mobili

La scuola di Maddie ha rigide regole sulla tecnologia e chiede agli studenti di portare un tablet da utilizzare durante le lezioni. Helen ha trovato questo un modo davvero positivo per aiutare i bambini a imparare come usare Internet per la ricerca e le app per gestire il proprio lavoro. Ma ci sono aspetti negativi. "I bambini sono online con le app a scuola e possono essere utilizzati in modo improprio. Sebbene la scuola segua una linea dura con gli studenti che usano impropriamente i dispositivi, succede. E i bambini sono incredibilmente impressionabili a quell'età e vogliono seguire la folla. "

A un certo punto, Helen ha eliminato le app di gioco dal telefono di Maddie e ha cambiato le password in modo che Maddie avesse bisogno dell'autorizzazione per scaricare qualcosa di nuovo. "Ha funzionato abbastanza bene, e anche se mi fido di lei per essere responsabile, penso che abbia rimosso la distrazione della tentazione."

I migliori consigli di sicurezza online

I migliori consigli di Helen per i genitori che affrontano la transizione 7 di quell'anno sono di pensare a come aiutare il bambino a far fronte alla pressione dei coetanei. "Il problema principale per me è come gestire le cose che i loro amici e il loro gruppo più ampio stanno facendo online", afferma Helen. "La vita sociale di mia figlia è esplosa quando ha iniziato la scuola secondaria, e fui colto di sorpresa dalla varietà della supervisione dei genitori, e posti che altri bambini trovarono accettabili. Abbiamo dovuto intrattenere conversazioni difficili con Maddie. "

Helen e suo marito sono rassicurati dalle rigide regole della scuola sull'uso dei dispositivi, con isolamenti e detenzioni emesse anche per i primi reati. "Maddie spegne il telefono al cancello e, se ha bisogno di contattarmi, va in ufficio", dice Helen. I router della scuola bloccano anche siti come Instagram e Snapchat.

Essere preparati e costruire fiducia

Guardando indietro, Helen confessa che era tristemente preparata per il passaggio alla scuola secondaria e le esperienze digitali che avrebbe portato. "Ne sono stato così colpito che ho attraversato una fase di controllo del suo telefono quasi tutte le sere, controllando i messaggi e le app social", afferma Helen. “Era piuttosto sconvolta dal fatto che invadessi la sua privacy, e alla fine ho chiarito che se sentissi che stava comunicando e mi diceva cosa stava succedendo con i suoi amici, mi sarei ritirato e avrei chiesto l'autorizzazione prima di aprire il suo telefono. Ma ci è voluto un po 'per arrivarci. ”

Risorse documento

Guarda il nostro video sul controllo dello stato mobile per assicurarti che lo smartphone di tuo figlio sia configurato in modo sicuro

Guarda un video

Messaggi recenti

Scroll Up