La mamma condivide il modo in cui ha affrontato le lotte con i bambini in diretta streaming e vlogging

Qual è il modo migliore per sostenere un bambino che si sta trasmettendo al mondo? Lucie, una mamma di 12 e 14, condivide le sue lotte con problemi relativi alla condivisione di informazioni personali e alla gestione di commenti negativi da parte di coloro che guardano i video dei suoi figli.

Lucie ha due bambini più grandi che usano Internet regolarmente, tra cui sua figlia 12 e suo figlio 14, che è autistico.

Preoccupazioni per lo streaming live

Avere un bambino con autismo significa che Lucie è particolarmente preoccupata per lo streaming. "La mia comprensione dello streaming è una trasmissione in diretta su Internet", afferma. "Non è sicuro, soprattutto per mio figlio, perché potrebbe involontariamente divulgare informazioni personali o essere vulnerabile a commenti maleducati e offensivi."

Il figlio di Lucie lotta con l'idea che le persone online possano fingere di essere chiunque scelgano, il che lo mette a rischio, dice.

Nonostante ciò, Lucie ammette che fino a poco tempo fa non aveva fatto molto controllo sulle attività online dei suoi figli più grandi. “Abbiamo parlato dell'aspetto del pericolo straniero, dicendo ai bambini di non divulgare informazioni personali. È difficile convincerlo ad affondare con un bambino ossessionato da Internet / YouTube! ”

Gestire commenti negativi sui video

L'anno scorso, Lucie ha scoperto con suo orrore che suo figlio era stato trasmesso in streaming su YouTube. "Aveva un canale in cui condivideva video sul dottor Who, ma si sarebbe trasmesso in streaming a parlare da solo", spiega Lucie. "Stava solo parlando di argomenti casuali, ma aveva alcuni commenti piuttosto dispettosi e offensivi su quei video".

Lucie e la sua compagna non avevano idea di cosa stesse succedendo da diverse settimane. Non appena si sono resi conto, tuttavia, hanno intrapreso un'azione rapida. "Abbiamo rimosso il suo canale e spiegato perché l'abbiamo fatto. Ora guarda solo i suoi canali YouTube preferiti e non pubblica più né trasmette video in streaming. "

Regole digitali per tenerle al sicuro

Le nuove regole sono spiegate attentamente a entrambi i bambini e Lucie controlla regolarmente la cronologia del browser dei bambini. "Si tratta solo di assicurarsi che i siti che visitano siano adatti all'età e che le app scaricate siano sicure", afferma.

Il miglior consiglio di sicurezza online

Lucie consiglia agli altri genitori di tenere d'occhio la vita online dei loro figli. “Questo è il mio unico consiglio. Ero inorridito quando ho scoperto cosa stava facendo nostro figlio. È stato innocente da parte sua, ma è stato terribile. "

Risorse documento

Consulta la nostra guida di streaming e vlogging dal vivo per saperne di più su cosa è e cosa puoi fare per proteggere i bambini.

Vedi la guida

Lucie è una mamma lavoratrice di tre figli, con sede nel Sussex.

Messaggi recenti

Scroll Up