MENU

Esplorare gli impatti dei danni online, Parte 1

La mamma con il laptop sorride a sua figlia durante una conversazione mentre naviga sul suo smartphone.

Questa serie di blog valuta i danni online derivanti dal nostro sondaggio sui tracker, analizza chi è maggiormente colpito e ne esplora il motivo.

In questo primo blog, ci concentriamo sulle incongruenze tra le segnalazioni di danni online di genitori e figli.

In che modo i danni online colpiscono bambini e giovani

Internet Matters effettua regolarmente sondaggi su genitori e bambini per comprendere meglio la prevalenza e la consapevolezza dei danni online subiti dai bambini. In questa serie di blog, valutiamo questi danni online e analizziamo chi è maggiormente colpito e perché.

Siamo in grado di farlo attraverso i nostri ultimi risultati del tracker, in cui abbiamo iniziato a catturare l'impatto dei danni online sui bambini, osservando non solo se hanno riscontrato un problema, ma quanto effetto ha avuto su di loro. Dal passare troppo tempo online alle notizie false e alla disinformazione, sappiamo che diversi danni hanno diversi livelli di impatto sui bambini.

In questo primo blog, ci concentreremo su ciò che genitori e figli dicono che i bambini hanno vissuto. Nella parte 2 di questo blog, esploreremo l'impatto di queste esperienze.

Riepilogo dei risultati

  • Il bullismo è la preoccupazione o la preoccupazione più importante per genitori e figli riguardo all'essere online. Tuttavia, solo circa un quarto dei bambini afferma di avere qualche preoccupazione o preoccupazione, il resto ha affermato che nulla li preoccupa online.
  • Circa 1 bambino su 7 è vittima di bullismo e abusi online da parte di persone che conosce o non conosce . Livelli simili sono riportati da bambini e genitori. Ciò suggerisce che i bambini sono disposti a parlarne con i loro genitori.
  • Genitori e figli spesso differiscono nella loro segnalazione di quali danni online hanno subito i bambini. La disparità maggiore è nell'esperienza dei bambini di notizie false (x2.5 volte più alta tra i bambini) e nell'essere contattati da estranei (x1.5 volte più alta).
  • La fiducia nel sapere come stare al sicuro online non significa necessariamente che i bambini abbiano meno probabilità di evitare danni online. Ma può portare a sapere quali azioni positive intraprendere dopo che un bambino ha subito un danno online, sia che si tratti di coinvolgere i genitori o di adottare strategie per proteggersi sui propri dispositivi digitali.

Ciò di cui i genitori e i bambini sono più preoccupati

Quando valutiamo i danni online nei nostri sondaggi per genitori e figli, iniziamo chiedendo spontaneamente quali pensano siano i maggiori rischi o preoccupazioni che i bambini e i giovani devono affrontare online, senza alcun suggerimento.

Per i bambini, il bullismo è la principale preoccupazione di essere online. I bambini più piccoli (9-13 anni) tendono a concentrarsi su alcuni degli esiti emotivi fondamentali del bullismo, vale a dire che le persone sono "cattive" o "cattive" con loro. Anche i bambini più grandi (14-16 anni) hanno indicato il bullismo come una delle preoccupazioni principali, ma hanno anche riconosciuto la complessità di alcuni altri danni online tra cui "hacking", "troll" e "la divulgazione di informazioni personali".

I genitori hanno più preoccupazioni e preoccupazioni rispetto ai bambini, con una più ampia varietà di rischi previsti. Eppure è stato il bullismo a emergere come la principale preoccupazione anche per i genitori.

Word cloud che mostra le preoccupazioni dei bambini sull'essere online. Le parole più grandi includono Bully, Hack, Worry, Try e Bad

Figura 1: risposte dei bambini a ciò che li riguarda online (il 28% ha risposto, il 72% ha detto "niente mi preoccupa")


Nuvola di parole che mostra le preoccupazioni dei genitori per il fatto che i loro figli siano online. Le parole più grandi sono Bully, Groom, Content, Cyber, Age, Adult e Scam

Figura 2: Risposte dei genitori a ciò che li preoccupa riguardo al fatto che i loro figli siano online (il 77% ha risposto, il 23% ha detto "non so")

 

Solo il 28% dei bambini identifica una preoccupazione o un rischio quando gli viene chiesto spontaneamente. Questa bassa percentuale di preoccupazione può essere dovuta al fatto che alcuni bambini non sono in grado di elaborare le loro preoccupazioni senza sollecitazione, o può essere il risultato della loro fiducia in se stessi. Infatti, alla domanda sul loro livello di fiducia nel sapere come stare al sicuro online, il 73% di coloro che hanno affermato di non avere preoccupazioni riguardo alla navigazione online erano fiduciosi di essere al sicuro online - significativamente più alto rispetto a coloro che hanno menzionato una preoccupazione una preoccupazione (66 %).

È possibile che un livello di fiducia eccessiva porti i bambini a subire più danni online? Nella prossima sezione esploreremo le esperienze riportate di danni online da parte di genitori e figli. E analizzeremo perché è fondamentale che i genitori abbiano la supervisione e la comprensione di ciò che i loro figli stanno facendo online in modo che possano supportare i bambini nell'identificare correttamente i rischi che potrebbero incontrare.

Sondaggio sui tracker - novembre 2022 documento

Consulta il riepilogo del nostro tracker degli approfondimenti di novembre 2022.

Una madre e una figlia sedute sul divano, la mamma con un laptop e sorridente, che guarda la figlia mentre la figlia sorride al suo smartphone tra le mani. Il logo di Internet Matters si trova nell'angolo in alto a sinistra con il titolo "Insights Tracker November 2022".

Vedi gli approfondimenti

Esplorare le esperienze dei bambini sui danni online

Il nostro sondaggio di tracciamento fornisce a bambini e genitori un elenco di danni online e chiede quali (se ce ne sono) hanno subito loro o i loro figli.

Nella tabella sottostante, vediamo l'elenco dei danni online e il modo in cui genitori e figli segnalano che i bambini li hanno vissuti. Abbiamo quindi evidenziato la differenza tra questi punteggi.

Esploreremo alcune delle ipotesi sul motivo per cui c'è stata una significativa sottostima delle esperienze negative di bambini e giovani online (indicate dalle barre blu con punteggi negativi) negli esempi seguenti. Questa sottovalutazione dei rischi che i bambini riferiscono di aver sperimentato è preoccupante, in quanto significa che i bambini potrebbero non ricevere il sostegno di cui hanno bisogno dai genitori in queste aree.

Grafico che mostra la differenza tra le esperienze di danno online dei bambini e ciò che i genitori pensano che i loro figli abbiano vissuto. Notevoli differenze possono essere viste con notizie / informazioni false e estranei che mi contattano, dove i bambini riferiscono di aver subito questi danni il 22% in più rispetto a quanto riferito dai loro genitori. Inoltre, il 32% dei genitori afferma che il proprio figlio non ha subito nessuno dei danni elencati, mentre solo il 22% dei bambini afferma la stessa cosa.

Figura 3: Elenco dei danni online subiti dai bambini e segnalati dai genitori, che mostra la differenza dei risultati tra genitori e figli.

 

Guardando notizie o informazioni false, il 37% dei bambini ha riferito di averlo sperimentato, mentre solo il 15% dei genitori afferma che i propri figli l'hanno sperimentato. Questa notevole differenza può essere spiegata da una serie di ipotesi: che è un punto cieco per i genitori che sottovalutano la prevalenza di notizie false durante il tempo online dei loro figli, che viene sopravvalutato dai bambini che credono che il contenuto che vedono sia falso in quanto non è ciò in cui credono o hanno sentito in precedenza, o potrebbe sembrare insignificante ai bambini che hanno sperimentato il problema, quindi non viene mai discusso con i loro genitori.

Più di quattro volte più bambini di età compresa tra 9 e 16 anni (29%) segnalano estranei che li contattano rispetto alle segnalazioni dei genitori (7%). Una ragione per la differenza significativa potrebbe essere dovuta al fatto che i bambini normalizzano questa esperienza e non ne parlano con i genitori, portando i genitori a sottovalutare il problema.
Un altro motivo potrebbe essere legato alle abitudini di gioco online. Sappiamo dai nostri dati che più della metà dei giovani tra i 9 e i 16 anni gioca online contro altre persone (54%). Questi giochi hanno spesso funzioni di chat e messaggistica online, con le quali i genitori potrebbero avere meno familiarità e i bambini non li informano quando si verifica un'interazione con qualcuno che non conoscono.

Ci sono solo poche aree in cui i genitori riportano in eccesso le esperienze rispetto ai bambini. Esistono differenze significative nella segnalazione di condivisione di immagini inappropriate (7% segnalate da genitori, 4% bambini), estranei che cercano di rubare denaro online (7%, 3%) e abusi o molestie sessuali da parte di altri bambini (7%, 2 %). Questi possono essere danni online poco frequenti, ma alcuni dei più gravi. Il motivo della segnalazione eccessiva può essere spiegato dal fatto che i genitori hanno maggiori preoccupazioni per questi danni online, quindi segnalano in eccesso il loro verificarsi effettivo. Può darsi che i bambini non comprendano appieno questi rischi o forse sottovalutino ciò che comportano. Hanno bisogno di ulteriori indagini e monitoraggio per vedere come progrediscono e si allineano con altre abitudini che i bambini mostrano online.

In che modo la fiducia potrebbe influire sulla capacità dei bambini di rimanere al sicuro online

In precedenza abbiamo discusso del ruolo della fiducia nella sicurezza online e di come potrebbe influire sulla capacità dei giovani di essere al sicuro online.

Nella nostra analisi abbiamo confrontato la segnalazione dei bambini di aver subito un danno online con la loro fiducia nel rimanere al sicuro online. I nostri risultati mostrano che i bambini che dicono di essere fiduciosi online hanno maggiori probabilità (83%) di affermare di aver subito danni online, rispetto ai bambini che sono meno fiduciosi (78%).

Pertanto, sebbene la grande maggioranza dei bambini affermi di essere fiducioso nella sicurezza online, è più probabile che segnalino un'esperienza di danno online . Ciò potrebbe dipendere dal fatto che questi bambini hanno una migliore comprensione dei problemi online, in modo che possano riferire in modo più accurato quando si verificano. Ma potrebbe anche essere dovuto a un'eccessiva fiducia nei passaggi necessari per rimanere al sicuro online.

Il gruppo più basso di coloro che segnalano danni online è costituito da coloro che "non sono sicuri" di sapere come stare al sicuro online. Ciò può essere dovuto anche al fatto che non sono sicuri di quali danni online hanno subito o dei fattori che possono costituire un'esperienza di danno online. Un gruppo interessante su cui approfondire.

Tabella che mostra i livelli di fiducia dei bambini per rimanere al sicuro online. Mostra che i bambini che dicono di essere fiduciosi online hanno maggiori probabilità di subire danni online.

Figura 4: Esperienza segnalata di danni online in base ai livelli di fiducia nel sapere come stare al sicuro online, da parte dei bambini.

 

Quando si esplora lo sfondo di questi gruppi; Il 77% dei 15-16 anni è (netto) fiducioso nel sapere come rimanere al sicuro online rispetto al 66% dei bambini di 9-11 anni: la maggior parte del gruppo più giovane rientra nella categoria degli "insicuri" rispetto all'essere insicuro. Tuttavia, tra i giovani di 15-16 anni, l'82% ha subito un danno online rispetto al 73% dei bambini di 9-11 anni. Ciò può essere spiegato dall'avere una maggiore presenza online, ma non sembra esserci una forte correlazione tra la fiducia nel sapere come stare al sicuro online e l'evitare danni online.

I danni online possono capitare a chiunque in qualsiasi momento, indipendentemente dalla fiducia o dalle capacità. Dove la fiducia diventa vantaggiosa è sapere come adottare misure preventive e, quando si verificano danni online, sapere come rispondere.

Un risultato positivo è che i bambini sicuri di sé hanno maggiori probabilità di intraprendere un'azione affermativa quando incontrano un danno online, ad esempio modificando le impostazioni sulla privacy: il 22% dei bambini "fiduciosi" ha intrapreso questa azione rispetto al 16% dei bambini "non sicuri" . Mentre quelli con meno fiducia erano più propensi a fare affidamento sulla loro rete di amicizie (36%) rispetto a quelli con più fiducia (27%).

Conclusioni

I nostri risultati mostrano che in alcune aree genitori e figli hanno una comprensione simile della vita online dei bambini. Ma in altri differiscono, con i bambini che hanno esperienze molto diverse da quelle percepite dai genitori. Questo disallineamento solleva interrogativi sull'efficacia con cui i genitori stanno sostenendo i bambini: come possono supportare i bambini con danni online che non sanno nemmeno che i bambini stiano vivendo?

Parte 2 della serie: Esplorare l'impatto dei danni online sui bambini

Nel prossimo rapporto di questa serie, esploreremo qual è l'impatto riportato dei danni online subiti dai bambini. Esamineremo quali gruppi sono maggiormente colpiti e quali misure possono essere intraprese per aiutare a sostenere e proteggere i bambini dai danni online in prima istanza.

Altro da esplorare

Consulta altri articoli e risorse per aiutare i bambini a rimanere online in sicurezza.

È stato utile?
Dicci come possiamo migliorarlo

Messaggi recenti