MENU

Come proteggere i bambini dai danni sessuali online

La rete NWG e la Marie Collins Foundation hanno collaborato per aiutare i genitori a comprendere i danni online. Scopri come ridurre al minimo i rischi e cosa puoi fare per aiutare tuo figlio se scopri che è stato vittima di danni sessuali online.

Cosa c'è nella pagina

Cos'è il danno online?

In poche parole, è qualsiasi comportamento online che causa danni. Questo potrebbe essere fisico, emotivo o sessuale.

Il danno sessuale online include:

  • Abuso e sfruttamento sessuale
  • Grooming: qualcuno fa amicizia con un bambino e crea fiducia in modo che possa influenzarlo sessualmente
  • Invio o ricezione di foto o messaggi a sfondo sessuale
  • Sextortion: qualcuno minaccia di pubblicare immagini o informazioni sessuali su un altro a meno che non faccia quello che dice
  • Incoraggiare un bambino ad accedere a siti Web di pornografia per adulti.

In cosa differisce dallo sfruttamento offline?

Sappiamo che l'abuso sessuale è dannoso indipendentemente da dove si verifica. Nonostante le somiglianze tra l'abuso sessuale online e offline, ci sono alcune differenze.

L'interazione in linea può dare all'autore del reato un maggiore accesso al bambino. I membri della famiglia possono essere in background, al piano di sotto o in altre stanze e non sapere che si sta verificando un abuso. Ciò potrebbe essere dovuto al fatto che alcuni genitori non si rendono conto di ciò che il loro bambino sta facendo online o perché non sono consapevoli delle conseguenze.

Un elemento dell'abuso sessuale online è che spesso viene registrato e condiviso. Ciò si aggiunge al danno del bambino perché può sentirsi imbarazzato o vergognarsi, incolpandosi per l'abuso. Il bambino può diventare ansioso e preoccupato che l'autore del reato condivida immagini o video con altri. I sopravvissuti agli abusi sessuali online spesso temono che le immagini di loro possano "riaffiorare". Questa paura può rimanere con loro fino all'età adulta.

In che modo i criminali prendono di mira i giovani online?

I trasgressori sono abili e motivati ​​a prendere di mira i bambini attraverso Internet. Possono essere di qualsiasi genere, età o orientamento sessuale e avere accesso a un bambino manipolandolo o accarezzandolo.

Il grooming è quando un criminale inizia a interagire online con un bambino interessandosi a lui, formando amicizie e scoprendo i suoi interessi, la casa, la famiglia e i gruppi di amici. Durante questo processo, l'autore del reato testerà la risposta di un bambino. Questo può iniziare come sottile e poi può passare a conversazioni più sessuali o coercitive. Tuttavia, può anche essere più diretto con l'autore del reato che si sposta su un altro bambino se non ottiene la risposta che desidera.

Come nel mondo offline, i criminali vorranno essere dove sono i bambini. Non tutti i trasgressori fingono di essere qualcun altro o più giovane. Possono coinvolgere i bambini tramite social media, giochi e altre app. I trasgressori prenderanno di mira ragazzi e ragazze di tutte le fasce d'età, indipendentemente dal background del bambino.

Cosa posso fare se scopro che mio figlio è stato ferito?

Cerca di stare tranquilla. Tuo figlio potrebbe sentirsi incredibilmente vulnerabile e ha bisogno di sapere che sei dalla sua parte. Prova il CURA approccio se hai dubbi sul contenuto che tuo figlio sta condividendo, visualizzando o caricando:

C – Calma, ascolto non giudicante. Fingi se devi! Metti in chiaro che non li biasimo.
A – Chiedi aprire domande e valutare: dedicare tempo ed evitare di chiedere "perché?"
R – Rassicura e dare informazioni e supporto. La rassicurazione sì non significa dire che andrà tutto bene. Rifletti sui sentimenti e riconosci quanto deve essere difficile. Questo è un momento nel tempo e il recupero è possibile.
E – Invio il loro modello di realtà; vedere come si sente per loro. È probabile che ci siano conflitti e dubbi. Non preoccuparti se preferiscono parlare con qualcun altro.
S – Cerca sostegno e cura di sé. Non darti la colpa. Contattare professionisti competenti per un consiglio.

Ricorda: il modo in cui reagisci influenza tuo figlio. Mantenere la calma li aiuterà a fare lo stesso.

Come posso segnalare un danno sessuale online?

  • In caso di dubbi, contatta la polizia, l'assistenza sociale o il responsabile della protezione (DSL) designato di tuo figlio presso la loro scuola. Tuo figlio sarà in ansia per chi altro sa e cosa farà, quindi includi tuo figlio dove appropriato
  • Salva eventuali messaggi o immagini offensive come prova dell'abuso
  • Non comunicare con l'autore del reato online.

La stragrande maggioranza dei professionisti avrà esperienza nell'affrontare questi tipi di incidenti e dovrebbe essere in grado di consigliare o inoltrare la preoccupazione alle agenzie competenti a seconda del livello di danno.

È importante pensare al sostegno per te, tuo figlio e la tua famiglia. C'è solo una persona che è da biasimare per l'abuso ed è l'autore del reato. Non incolpare te stesso o tuo figlio.

Cosa posso fare dopo?

  • Focus sulla famiglia: le famiglie colpite da questo hanno parlato della necessità di riorientare la propria famiglia per evitare il danno online che definisce il loro bambino. Cerca attività più ampie che puoi svolgere in famiglia.
  • Mostra a tuo figlio che credi: l'autore del reato potrebbe aver detto a tuo figlio che non gli avresti creduto, quindi è importante confortarlo e fargli sapere che sei lì per qualsiasi cosa di cui abbia bisogno.
  • Lasciali andare online: tuo figlio potrebbe voler ancora andare online e potrebbe sentirsi punito se non può. Considera quando e come ciò può accadere e valuta le misure che puoi adottare per migliorare la loro sicurezza online
  • Spiega la situazione alla famiglia: potresti dover spiegare cosa è successo ai fratelli o ad altri membri della famiglia, in modo che capiscano cosa sta succedendo. Potresti anche voler cercare l'aiuto di un professionista per questo a causa della delicatezza del problema.
  • Ottieni supporto per te stesso: usa un amico fidato, un familiare stretto o accedi al supporto online o alle linee guida di un'organizzazione specializzata o di un professionista.
  • Se immagini o video di tuo figlio sono stati caricati online, segnalalo per rimuoverli. Questo può essere fatto tramite Sito web o linea di assistenza di Childline.

Ricorda: l'abuso non definisce te, tuo figlio o la tua famiglia. L'autore del reato, attraverso le sue azioni, è da biasimare. Se ne hai bisogno, cerca supporto, consigli e guida per assicurarti che tu e tuo figlio riceverete l'aiuto di cui entrambi avete bisogno.

Come posso evitare che mio figlio venga danneggiato?

Può essere difficile conoscere tutte le app e i siti a cui accedono bambini e ragazzi, ma è utile considerare come il bambino interagisce con le app o le piattaforme online. Il contenuto che un bambino sta vedendo potrebbe essere dannoso, o potrebbe essere con chi sta comunicando, o gli argomenti di cui sta discutendo, che è dannoso.

Parlare apertamente di siti di gioco, social media e app offre opportunità per esplorare come utilizzare Internet in sicurezza. Le conversazioni aperte aiuteranno ad aprire la parola alle preoccupazioni che tu o tuo figlio potreste avere. Anche la consapevolezza di come tuo figlio interagisce con una particolare app o gioco è utile. Il controllo genitori può ridurre la possibilità che tuo figlio acceda a materiale inappropriato o app/piattaforme che non vuoi che veda. Lo sviluppo di software nell'ambito del controllo genitori ha aumentato la loro efficacia nel corso degli anni, ma sono solo una parte del quadro protettivo. Le guide e le risorse per il controllo dei genitori sono disponibili su Guida all'app Questioni di Internet o Net Aware di NSPCC.

Sebbene possa sembrare un mondo parallelo per gli adulti, i bambini spesso vedono poca distinzione tra amicizie online e offline. Il Covid-19 ha visto un aumento dei bambini che vanno online per stare con i loro amici. La chiave è comunicare spesso e interessarsi a chi sta parlando tuo figlio online nello stesso modo in cui lo faresti con i nuovi amici offline.

  • La Fondazione Marie Collins
    La Marie Collins Foundation è un ente di beneficenza la cui visione è che tutti i bambini che subiscono abusi facilitati da Internet e dalle tecnologie mobili e dall'abuso offline associato, siano in grado di riprendersi e vivere una vita sicura e appagante, liberi dalla paura e positivi sul loro futuro.
  • Rete NWG
    NWG Network è un'organizzazione nazionale specializzata con oltre 14,500 membri istituiti per combattere lo sfruttamento minorile lavorando in modo collaborativo a livello locale e nazionale in tutti i settori. Abbiamo un team qualificato per lavorare con i professionisti per il miglior risultato per i bambini sottoposti o a rischio di sfruttamento minorile.

Messaggi recenti