Aiutare i bambini ad affrontare i problemi online quando le cose vanno male

Sharon è una mamma che lavora con quattro bambini di età compresa tra 10 e 17. Non sorprende che parlano regolarmente di Internet e dei social media, ma Sharon capisce in prima persona che le cose possono ancora andare male!

"Ora mi immergo regolarmente nei social media e chiedo ai bambini cosa fanno online, con chi stanno parlando, e ricordando loro che se non sei amico di qualcuno, non accettare la loro richiesta."

Inseguendo i "mi piace" sui social

Questo è stato in particolare un problema su Instagram, in cui i bambini sono spesso più interessati a guadagnare un gran numero di follower, piuttosto che sapere chi li sta seguendo. "Ci sembra ridicolo da adulti, ma è una cosa reale per i giovani", afferma Sharon.

I bambini non necessariamente sfidano le regole, ma spesso si lamentano di sapere già tutto, dice Sharon. "Anche così, non credo che tu possa mai essere 100% compiacente", dice.

Quando le cose vanno male

Circa un anno fa, quando era 15, la figlia maggiore di Sharon ha ricevuto una notifica che era stata taggata in un post su Facebook. Quando ha aperto il posto, alcune delle sue foto sono state ripubblicate sulla sua parete da un ragazzo nell'anno sopra di lei a scuola, con commenti sessualmente espliciti sotto. Più tardi, il ragazzo ha anche pubblicato un'immagine sessualmente esplicita di se stesso sulla bacheca di Facebook di Ciara.

"Il post era pubblico, sulla sua bacheca perché tutti potessero vederlo", afferma Sharon. "Ciara ha immediatamente bloccato il ragazzo, ma per fortuna aveva prima preso uno screenshot del contenuto."

Ciara ha parlato con il capo dell'anno a scuola dell'incidente e la scuola ha informato Sharon e la polizia. Lo studente è stato avvertito e ha dovuto sottoporsi a un programma di riabilitazione, mentre un ufficiale di intervento per i giovani ha lavorato con Ciara per darle l'opportunità di parlare di come si sentiva e di quale risultato voleva vedere.

Affrontare l'impatto emotivo

"Gli incontri sono stati di grande aiuto perché Ciara ha davvero lottato con il motivo per cui questo ragazzo aveva fatto questo, perché lei?" Dice Sharon. "È stata incoraggiata a scrivergli una lettera, mi preoccupo di come si sarebbe sentita se quell'intervento non fosse stato disponibile per lei."

Parlare apertamente è la chiave

A seguito di questa esperienza, Sharon afferma che non copre i pericoli dell'attività online con i suoi figli. “Se c'è qualcosa nei media su cose che vanno male, le mostro. Viviamo nel mondo reale e devono conoscere i potenziali pericoli là fuori. "

Soprattutto, Sharon esorta gli altri genitori a superare il loro imbarazzo e a parlare con gli adolescenti. "Sento 100% a mio agio nel discutere qualsiasi cosa con i miei figli. Perché essere imbarazzato? Quella cosa che sei troppo imbarazzata per menzionare potrebbe essere l'unica volta che va storto! ”

Risorse documento

Consulta i nostri suggerimenti per parlare con i tuoi figli dei social media

Vedi l'hub di consulenza

Messaggi recenti

Scroll Up