MENU

Guida DfE per le scuole: cosa significa questo per i bambini a casa?

L'esperto di sicurezza online Karl Hopwood condivide approfondimenti sull'impatto delle chiusure scolastiche sull'uso della tecnologia e su come il nuovo orientamento del Dipartimento dell'istruzione può aiutare i genitori a sostenere i bambini a casa.

Stiamo senza dubbio vivendo in tempi senza precedenti. Prima dell'arrivo di COVID-19 i genitori avrebbero sollecitato i loro figli a scendere dal telefono, tablet e console di gioco e uscire all'aria aperta - ora non è così facile e chiaramente bambini e genitori passano sempre più tempo in linea. In una situazione come questa è facile vedere sia i rischi che i benefici della tecnologia ...

Come il mondo digitale ci tiene connessi

Dato che veniamo tutti a patti con il significato del distanziamento sociale (o dell'isolamento sociale) giorno per giorno - l'utilizzo della tecnologia per rimanere in contatto con amici e familiari diventa sempre più importante - in effetti è un'ancora di salvezza per molti. Applicazioni come Zoom e Videoritrovi vengono ampiamente utilizzate così come altre app che vengono alla ribalta e vengono utilizzate da un gruppo molto più ampio di persone ora. Una rapida occhiata alle prime 10 app gratuite dall'app store mostra immediatamente l'importanza della tecnologia durante questa pandemia globale.

1. Festa in casa (interrotto)
2. obiettivo zoom
3. Disney+
4. TikTok
5. Microsoft Team
6. Tracker dei sintomi COVID
7. Magia squishy: arte 3D
8. Whatsapp messenger
9. Skype per iPhone
10. Fitness per 30 giorni

*Data di entrata in vigore il 30/03/2020

Si potrebbe sostenere che tutte queste app possano svolgere un ruolo vitale nel tenerci connessi, educati e intrattenuti al momento?

In tutto il mondo, oltre ad adattarsi al lavoro da casa, genitori, figli e insegnanti stanno tutti cercando di trovare un modo per farlo funzionare per loro. Dobbiamo prenderci il nostro tempo - un buon equilibrio è la chiave - è improbabile che replicare l'aula nella tua cucina funzioni per molte persone! Ma una sorta di routine unita a una certa flessibilità (di tutte le parti) è importante.

Nuovo orientamento DfE a tutela delle scuole

DfE ha pubblicato alcune utili indicazioni di salvaguardia per le scuole e coloro che lavorano nell'istruzione. Sottolinea l'importanza di mantenere i principi enunciati in Keeping Children Safe in Education, un documento che sarà molto familiare a tutti coloro che lavorano con bambini e giovani. Indica anche in particolare l'importanza della politica di protezione dell'infanzia di un'organizzazione per una copertura scolastica quali disposizioni sono in atto per garantire la sicurezza dei bambini che non frequentano fisicamente la scuola o l'università, in particolare online e in che modo dovrebbero essere avanzate le preoccupazioni su questi bambini.

Le scuole dovranno aggiornare la loro politica di protezione dell'infanzia e garantire che fornisca una guida sull'accordo per la tutela degli alunni che vengono educati a casa. A livello di base le scuole dovrebbero fornire ai genitori l'accesso alle informazioni sulla sicurezza online.

Supportare i bambini online a casa - 4 cose da fare

  • Riconoscere che, a causa dell'attuale situazione, bambini e giovani (nonché genitori e tutori) trascorreranno molto più tempo online.
  • Non preoccuparti troppo del tempo di visualizzazione - piuttosto focalizzare l'uso sullo schermo. Cosa stanno effettivamente facendo i bambini e i giovani quando sono online - ci dovrebbe essere un buon equilibrio tra le diverse attività.
  • Segui alcune delle indicazioni di base da gli operatori sanitari- specificamente hanno pasti privi di tecnologia e non hanno la tecnologia in camera da letto durante la notte.
  • Parla con i tuoi figli - prenditi del tempo per capire cosa stanno facendo online - non dare sempre per scontato che non stiano tramando nulla di buono. La cosa più importante è che se qualcosa andasse storto (e ovviamente ci sono prove che suggeriscono che ci sono persone che sfruttano la situazione attuale per ingannare le persone quando sono più vulnerabili) i bambini e i giovani si sentirebbero che sarebbero in grado di venire a parlare con qualcuno. Il modo in cui reagiamo quando i nostri figli ci parlano di un problema è assolutamente cruciale: la reazione eccessiva non è un'opzione.

Filtraggio e monitoraggio per limitare l'esposizione ai rischi

Mantenere i bambini al sicuro negli stati di istruzione:

Gli organi direttivi e i proprietari dovrebbero fare tutto ciò che possono ragionevolmente per limitare l'esposizione dei bambini ai rischi di cui sopra dal sistema informatico della scuola o del college. Come parte di questo processo, gli organi di governo e i proprietari dovrebbero assicurarsi che la loro scuola o università disponga di filtri e sistemi di monitoraggio adeguati.

Sarebbe sproporzionato suggerire che i genitori dovrebbero introdurre gli stessi tipi di filtraggio e monitoraggio nell'ambiente familiare utilizzati dalle scuole. Detto questo, si spera, i genitori useranno già una sorta di filtro (sia a livello di rete che a livello di dispositivo - ulteriori dettagli su come farlo possono essere trovati qui ) per proteggere i bambini da contenuti inappropriati. Per quanto riguarda il monitoraggio - si potrebbe affermare che è molto più facile essere consapevoli dei contenuti a cui i bambini hanno accesso nell'ambiente domestico - una scuola ha a che fare con potenzialmente migliaia di utenti mentre in casa stiamo parlando di numeri molto più piccoli - il dialogo e la discussione sembrerebbero il modo più ragionevole di procedere.

Interessarsi a ciò che i bambini e i giovani stanno facendo online riconoscendo al contempo le loro esigenze e il diritto alla privacy. Quelle conversazioni private che avrebbero avuto luogo con gli amici sulla strada per e da scuola non possono avvenire in questo modo per le prossime settimane - quindi genitori e tutori devono rispettare il fatto che i bambini devono ancora essere in grado di averli in alcuni modo, forma o forma. Essere troppo invadenti non aiuta: si tratta di fiducia; si tratta di conoscere i tuoi figli e riconoscere che questo è un momento preoccupante anche per loro. La tecnologia fornirà una comunicazione vitale con amici, insegnanti e la loro famiglia allargata. Questi sono tutti pubblici diversi che potrebbero aver bisogno di spazi e approcci diversi.

Segnalazione di problemi online

Le ultime indicazioni di DfE lo chiariscono anche bambini a cui viene chiesto di lavorare online [dovrebbero] dispongono di percorsi di segnalazione molto chiari, in modo che possano sollevare dubbi mentre sono online. Oltre a segnalare percorsi di ritorno a scuola o all'università, ciò dovrebbe anche indicare ai bambini un supporto pratico adeguato all'età di persone come:

Ove possibile, i genitori dovrebbero incoraggiare i propri figli a dire loro se hanno un problema online, ma è anche importante che bambini e ragazzi siano in grado di fare segnalazioni da soli. Molti conosceranno gli strumenti di segnalazione disponibili sui giochi e sulle piattaforme di social media che stanno utilizzando: ulteriori informazioni su come accedere a questi strumenti e servizi sono disponibili

Importanza di parlare regolarmente con bambini e giovani

Bambini e giovani si trovano nella stessa posizione del resto della popolazione: sono confusi, desiderosi di capire di più sulla situazione in cui ci troviamo e vorranno opportunità per poterne parlare. Gli adulti dovrebbero offrire l'opportunità di avviare conversazioni aperte e oneste sul Coronavirus e su come i bambini e i giovani si sentono al riguardo. Un approccio potrebbe essere quello di prendere un po 'di tempo ogni giorno per avere una discussione - forse per guardare un aggiornamento delle notizie e poi parlare di eventuali domande o preoccupazioni che hanno.

Allo stesso modo, è bello riunirsi in famiglia alla fine della giornata per parlare di come sono andate le cose e forse anche per condividere un paio di altri contenuti edificanti che hanno trovato online. Ci sono numero di guide che contengono informazioni utili su come avere conversazioni con i bambini e i giovani su Coronavirus.

È importante avere conversazioni aperte e oneste con bambini e giovani su ciò che stanno facendo online, ma questo è particolarmente vero in questo momento in cui ci sono così tante preoccupazioni e altrettanto tanti contenuti online che possono causare preoccupazioni o proprio almeno porre domande.

Risorse lampadina

Visita il nostro #StaySafeStayHome hub di consulenza per ulteriori suggerimenti su come utilizzare al meglio la tecnologia.

Messaggi recenti