Cosa devono sapere i genitori sull'autolesionismo digitale

La dott.ssa Linda offre consigli su come le piattaforme digitali vengono ora utilizzate dagli adolescenti per autolesionismo "digitale" e cosa possono fare i genitori per sostenere i propri figli attraverso di essa.

Si stima che circa 1 nelle persone 10 sia autolesionista (fonte: Royal College of Psychiatrists) ma questa è probabilmente una sottovalutazione in quanto molte persone non cercano aiuto per autolesionismo, si vergognano o addirittura cercano di nasconderlo.

Come la maggior parte degli psicologi che lavorano con i giovani, negli ultimi anni ho visto una sorta di normalizzazione all'autolesionismo, con un numero sempre maggiore di giovani che ne discutono o lo hanno incontrato nei loro gruppi di amicizia.

Parte di ciò è che credo abbia a che fare con il fatto che le malattie mentali hanno una componente 'contagiosa' in base alla quale siamo sensibilizzati al modo in cui gli altri si sentono e se siamo inclini a sentimenti simili tentiamo di affrontarli come quelli che ci circondano anche se il loro meccanismo di coping è difettoso o inefficace.

Che cos'è l'autolesionismo digitale?

Negli ultimi anni con l'avvento di Internet e dei social media, gran parte dell'identità, dell'interazione sociale e in effetti dei problemi di salute mentale stanno iniziando a essere giocati online. Una delle cose che comincio a vedere è qualcosa che chiamo "autolesionismo digitale". Ha tutte le caratteristiche dell'autolesionismo in quanto la persona che lo mette in atto è in uno stato di forte angoscia emotiva e tumulto interiore - si sente isolato, impotente e fuori controllo.

Ma invece di cercare una lama si rivolgono al mondo online per invitare gli altri a tagliarli emotivamente. Questo è un fenomeno talmente nuovo che nei pochi incontri che ho avuto con i colleghi non c'è un reale consenso su ciò che stiamo vedendo ma alcuni temi che ritengo rilevanti includono:

Riconoscimento del dolore: è importante che il proprio dolore sia visto in quanto questo lo fa sentire reale e così degno di attenzione - questo è anche il caso dell'autolesionismo fisico, dove la capacità di vedere il dolore è contenitivo, confortante e lo rende più reale / gestibile.

Un bisogno di affermare il controllo: i sentimenti non sono fatti, ma questo non ci impedisce di voler dare un senso ai sentimenti negativi che abbiamo su noi stessi - di conseguenza il vetriolo che si invita dal mondo online può essere un tentativo di dare un senso alle emozioni dolorose che provano.

Un tentativo di essere ascoltato: anche se chi ascolta è negativo e crudele, il fatto che qualcuno stia ascoltando può paradossalmente essere di conforto.

Come puoi aiutare come genitore?

Può essere estremamente sconvolgente se i genitori sospettano che i loro figli stiano passando questo. Come nel caso di tutti i problemi relativi alla salute, prima li fai parlare e cercano supporto, meglio è. Spiega che le emozioni vanno e vengono e anche nei momenti più dolorosi non durano per sempre, quindi è importante imparare a cavalcarle in modo sano, sia che si distraggano con altri comportamenti o attività o parlandone.

Cerca di non essere critico o critico, invece incoraggiali a farti sapere quando si sentono autolesionisti in modo da poterli aiutare attraverso di essa, infine se senti di aver bisogno di ulteriore supporto e guida, parla con il tuo medico di famiglia e chiedi un rinvio terapista registrato o ci sono posti che puoi offrire a te e al nostro supporto professionale di famiglia online come Selfharm.co.uk un progetto dedicato a sostenere i giovani che sono colpiti da autolesionismo o Supporto per lesioni personali che fornisce servizi di sms e e-mail per giovani donne, helpline di qualsiasi età per donne autolesioniste, elenchi in tutto il Regno Unito per supporto all'autolesionismo e strumenti di auto aiuto.

Risorse

Se sei preoccupato per la salute mentale di tuo figlio, contatta la linea di assistenza per i genitori di YoungMinds per il supporto individuale, 0808 802

visita il sito

Altro da esplorare

Messaggi recenti

Scroll Up