Perso nel cyberspazio: quanto tempo trascorrono i bambini online?

Con l'aumentare delle vendite di laptop e smartphone, abbiamo chiesto a sei bambini di 12 quanto tempo trascorrono davanti allo schermo.

Mimi Scholes è la figlia di Adam, direttore creativo dell'agenzia pubblicitaria JWT.

La madre di Mimi, Rachael, è morta di cancro nel gennaio 2012. Mimi ha una sorella minore, Alberta, e vive a Londra.

A Mimi piace fare shopping. Trascorre del tempo dopo aver fatto shopping, vestendosi in abiti diversi e scattando foto e videoclip, che carica sulla sua pagina Facebook, account Instagram e Keek, un altro servizio di social network che è come Instagram per i video. Ma puoi fare solo video di 36-secondo, quindi quando vado a fare shopping e "Keek" quello che ho comprato quel giorno, devo farlo in parte: prima parte, seconda parte ... '

Come cinque dei sei bambini intervistati per questo articolo, Mimi è su Facebook anche se l'età minima per aderire al sito è 13. Suo padre fa eco ai sentimenti di molti altri genitori di tweenagers. 'Molti amici di Mimi avevano già un account Facebook quando Mimi le chiese se poteva iscriversi. È molto socievole e non sarebbe stato ingiusto dire di no. "

Mimi dice che passa 'molto' tempo sul vecchio MacBook di suo padre. "Stava usando il mio così tanto che ho dovuto prenderne uno in prestito dal lavoro", dice Adam. "Potrei sedermi lì e passarci due ore", aggiunge Mimi. 'A mio padre non piace quando trascorro anni. Dirà: "Oh, Mimì, vieni a fare qualcos'altro". Non è troppo severo. Non sono poi così male. Dice che passa una quantità "media" di tempo a guardare la televisione. "Quando torno da scuola accendo la TV forse per un'ora."

Mimi ha un BlackBerry. "Ognuno dei miei amici ha un BlackBerry." Vorrebbe un iPhone, ma per ora 'rubo quello di mio padre. Ho scaricato molte app di Justin Bieber, come una in cui puoi vestirlo e scegliere piccoli abiti per lui. "I termini più cercati di Mimì su Google sono" Justin Bieber "e" Facebook ". 'Anche se non voglio andare su Facebook, scrivo Facebook e mi chiedo "Oops, ho digitato Facebook". Ma [Facebook] sta diventando un po' noioso. Preferisco Keek. '

Mimi non è interessato ai giochi. "Avevamo un Wii e non l'abbiamo mai usato", afferma. 'I ragazzi giocano tutti Call of Duty. Ogni volta che vado a casa della mia amica suo fratello, che è 13, ci suona. Non l'ho mai visto fuori. La TV e i computer non creano dipendenza, ma cose come [Call of Duty] possono marcire il cervello. "

Lara Bulloch è la figlia di Katharina, un editore, e Jamie, una traduttrice letteraria.

Ha due sorelle più giovani, Evie e Connie. Vive a Londra.

'Uso molto il computer, ma solo per i compiti. Non credo di passare troppo tempo davanti agli schermi », afferma Lara. Pensa che il suo tempo sullo schermo sia "nella media" per i bambini della sua età - tra un'ora e un'ora e mezza al giorno - e probabilmente meno dei suoi amici.

Lara non è su Facebook, il che è insolito per qualcuno della sua età (uno studio della New York University su 2011 ha stimato che 55 per cento dei bambini di 12 erano registrati su Facebook, mentre un sondaggio condotto su bambini in Gran Bretagna ha messo la cifra a 34 per cento. Facebook da tempo considera di ridurre il limite di età). Lara dice: "Molti dei miei amici hanno mentito sulla loro età e hanno Facebook, ma non voglio farlo. Non mi piace l'idea di fingere di essere 21 con due bambini - mi sentirei un po 'male.'

Non ci sono regole fisse per quanto riguarda il tempo sullo schermo a casa di Lara, ma le verrà detto di spegnere un dispositivo se i suoi genitori sentono di averlo usato per troppo tempo. "Ciò accadeva di più, soprattutto con la TV", afferma Lara. 'Lo stavo guardando ogni sabato mattina. Papà era solito entrare, spegnerlo e staccare la spina. " Attualmente guarda la televisione per un'ora o due alla settimana, molto spesso il venerdì dopo la scuola. "Venerdì è abbastanza rilassante guardare la TV", dice. "Ma la cosa con la TV è che pensi di guardare solo un programma, ma finisci per guardare quello dopo e quello dopo."

La famiglia ha un computer in comune che le ragazze possono usare per fare ricerche per i compiti, e un iPad, che Lara ammette di aver litigato "solo un po '" con le sue sorelle. 'Sull'iPad mi piacciono cose del genere Temple Run e Doodle Jump ", dice Lara.

Katharina ha ammesso di avere un atteggiamento da "fuori di sé" verso i bambini divertenti, che suo marito prende in giro. "Jamie ha molte più probabilità di registrarsi per un gioco o un'app sull'iPad", afferma. "Ha i suoi giochi", aggiunge Lara. 'Ce n'è uno chiamato Molehill Empire. È un po 'imbarazzante. Ottieni un giardino e pianta tutte queste piante quindi prova a farle crescere. Non è un bel gioco. '

Joel Nuki è il figlio di Helen, un analista di ricerche di mercato, e Paul, un editore.

Ha due fratelli maggiori, Otto e Oscar, e una sorella minore, Litzi. Lui vive a Londra.

Joel ammetterà che a volte è così preso dal giocare a suo fratello 15, Otto's, PlayStation 3, che potrebbe non sentire sua madre chiamare dal piano di sotto. "A volte la ignoro", dice. "Occasionalmente" non la sente nemmeno. "Probabilmente trascorro troppo tempo davanti al PS3." Quindi cosa considera troppo tempo? "Più di poche ore al giorno."

Sua madre, Helen, dice: "Giocano in queste orribili cose da uccidere come Call of Duty e giochi di skateboard". Call of Duty è classificato come 18, ma come molti genitori con ragazzi più grandi (Oscar è 18), sarebbe difficile per Helen impedire ai suoi figli più piccoli di giocare. 'Beh, non sono stato io a comprarlo. Non ricordo come l'abbiamo ottenuto, "dice Joel. 'Ma il gioco a cui giochiamo di più è probabilmente la FIFA. In realtà non sono stato in Call of Duty per un po '.

Helen cerca di monitorare l'accesso di Joel a PS3 e agli altri schermi della casa, ma una volta che ha fatto i compiti, "tende a passare da una cosa elettronica all'altra". Dice che sarebbe più preoccupata se giocare ai videogiochi fosse l'unico hobby di suo figlio ", ma Joel trascorre molto tempo fuori con i suoi amici a socializzare, a giocare a calcio per un club locale e ad allenarsi a kickbox una volta alla settimana".

Non ci sono regole su quando può usare il suo BlackBerry (ha anche il suo iPod Touch, Nintendo DS e un laptop), che gli consente di essere connesso a Internet e ai suoi amici 24 ore al giorno. Lo usa principalmente per mandare messaggi ai suoi amici e usa il suo laptop o il computer di famiglia per andare online. Trascorre circa mezz'ora al giorno su Facebook e visita YouTube "molto" per guardare clip divertenti. È un fan del canale YouTube "Smosh", che trasmette stream di fumetti da due americani di 25 ogni venerdì. "Agiscono in scenari diversi, molto divertenti", afferma.

In realtà ci sono pochissime regole formali sul tempo dello schermo nella loro famiglia. "La maggior parte dei genitori cerca di imporre regole rigorose sugli schermi quando i loro figli sono più piccoli, ma quando raggiungono il settimo anno diventa molto difficile", afferma Helen. Tuttavia, a Joel non è permesso giocare a PS3 o andare al computer, che è di stanza in salotto, prima di andare a scuola o prima di cena quando torna a casa. Solo se viene sorpreso a giocare sulla PlayStation di Otto molto tardi durante la notte di scuola c'è una punizione. "Faremo portare via i controller per un giorno", dice Joel. Pensa che sia un prezzo equo da pagare? 'Sì.' Non è sicuro ma non pensa che le regole della sua casa differiscano molto da quelle dei suoi coetanei.

Isaac Hannigan è il figlio di Mary, un insegnante, e Glenn, che è un pompiere.

Ha un fratello maggiore, Ted. Vive a Crosby.

Isaac è un appassionato giocatore. Nella sua casa c'è una Xbox nel soggiorno e una PlayStation 3 nella sua camera da letto. Ma ci sono regole rigide: può giocarle per un'ora nei giorni feriali e tre ore il sabato o la domenica. Interpreta Call of Duty, Halo e FIFA, spesso con suo fratello, Ted, 15, e talvolta con suo padre.

Mary dice "ci sono alcuni giochi certificati 18 e 15 che non li compreremmo". Aggiunge che è Glenn, che "ai suoi tempi era un po 'un giocatore", che di solito prende la decisione. "Non voglio sembrare troppo puritano", dice Glenn, "ma penso che tu possa avere un'idea di un gioco, soprattutto se si tratta di una serie e ci sono dei contenuti che puoi disattivare." A volte gioca con i suoi due figli. "Non mi lasciano sempre giocare perché sono troppo bravo, tranne quando si tratta di FIFA", continua.

Isaac è bandito dal gioco per un giorno se riceve una brutta nota da un insegnante o per cose come essere maleducato con i suoi genitori. A volte viene bandito più a lungo. "Non è successo molto ma è successo", dice Isaac. "Penso che una volta sono stato bandito per una settimana e sono andato avanti quando non avrei dovuto farlo, quindi sono stato bandito per un'altra settimana." Il divieto iniziale della settimana era di essere scortese con suo padre.

Isaac dice che quando suo fratello è su Xbox "provo a parlare con lui e perché è così preso dal gioco che non mi sente affatto". Ma ammette di essere lo stesso quando suona. "Se mi sto concentrando, probabilmente non ascolterò nessuno", dice.

Mary non è preoccupata per il tempo che i suoi ragazzi trascorrono a giocare. "Mi sento come se lo stessero facendo insieme e hanno un equilibrio con altri hobby, non è un problema", dice. Isaac gioca a calcio per la sua squadra di scuola e una squadra locale del campionato del sabato. Non c'è molto spazio nel programma di Isaac per altre attività sullo schermo. "Non hanno molto tempo per guardare la TV in settimana", dice Mary. "Venerdì e sabato sera guardiamo i film insieme come una famiglia."

Isaac ha il suo laptop che usa per i compiti. Ha un account Facebook ma non lo usa molto. Può accedere a Internet usando il suo iPod Touch o il suo telefono, un Samsung Galaxy, ma di solito naviga sul Web solo per dimostrare che Ted ha torto - o forse addirittura giusto - se stanno discutendo di qualcosa.

È su Twitter, segue principalmente la sua famiglia, i giocatori di football e un feed chiamato Mind Blowing Facts, che "fornisce aggiornamenti su fatti davvero strani, come Chuck Norris è nato il giorno prima che i nazisti si arrendessero", dice Isaac. Lui e Ted hanno ora avviato il proprio canale YouTube. "Ne abbiamo creato uno in cui registrare qualcosa e poi rallentarlo in modo che sembrasse divertente", afferma Ted. "Colpire un uovo con una mazza da cricket, far esplodere palloncini", aggiunge Glenn.

Leanne Prescott è la figlia di Petula, un'assistente sociale, e Peter, un uomo di campo.

Ha un fratello maggiore, Arnie. Vive a Southport.

Nonostante sia la prima e una delle sole tre persone del suo anno a scuola a possedere un iPhone, Leanne non lo usa molto. In passato è stata irritata dalla quantità di tempo che i suoi amici trascorrono sui loro telefoni cellulari. 'Quando sono in pigiama party tutti sono al telefono tutto il tempo e sono solo seduto lì. Non mi piace stare al telefono tutto il tempo. ' Ha persino vietato l'uso dei cellulari durante il suo pigiama party. "I miei amici erano tutti messaggi di testo e non vedevo perché fossero nemmeno qui", ha detto.

Dice che trascorre "non più di mezz'ora" al giorno sul suo iPhone. Le sue app preferite sono le app di puzzle 4 Pics 1 Word e Draw Line. Oltre all'iPhone, Leanne ha il suo iPad, un laptop e un televisore nella sua stanza, che dice di guardare, "abbastanza - una media di un'ora o due al giorno". Non ci sono regole riguardo a quando le è permesso guardarlo. I suoi genitori sanno cosa sta guardando perché la televisione di Leanne è collegata alla Sky box nel soggiorno. 'Mi piace guardare Top Gear a letto. A volte [i suoi genitori] trovano un film per me. '

Petula afferma di non impostare alcuna regola o di monitorare il tempo che Leanne trascorre davanti agli schermi. "È ragionevole", aggiunge Peter. Tuttavia, sua madre tiene d'occhio il contenuto a cui ha accesso online e ha istituito il controllo genitori. "Vado su [l'account Facebook di Leanne] più di lei," dice Petula.

"Le dico di non mandare messaggi ai miei amici", aggiunge Leanne. 'Una volta ha inviato un messaggio al mio amico su Facebook. Disse: "Ciao". La mia amica disse: "Sei stato tu o tua madre?" Può guardarlo, ma non può mandare messaggi alla gente ".

Zoe Bielenberg è la figlia di Dickie, amministratore delegato di una società di software, e Britta, giornalista radiofonico.

Ha una sorella maggiore, Anna, e un fratello minore, Christopher. Vive a Londra.

Zoe è un avido lettore e per Natale l'anno scorso ha ricevuto un Kindleloaded con libri 12. "È bello leggere sul mio Kindle", afferma. "Ma mi piacciono anche i libri veri." A parte il tempo trascorso sul suo Kindle - che varia notevolmente da una settimana all'altra - Zoe dice che trascorre circa mezz'ora davanti agli schermi al giorno. Questo potrebbe essere speso guardando la televisione con la sua famiglia (raramente guarda da sola) - "cose ​​come il programma Africa di David Attenborough", dice - o sul suo iPhone o laptop.

Sul suo laptop Zoe fa i compiti e poi controlla il suo account Facebook. "Principalmente invio messaggi ai miei amici su Facebook", afferma. 'O inserisco quelle citazioni interessanti e divertenti chiamate Teenage Posts. Molti dei miei amici li mettono su Facebook. Sono citazioni interessanti, cose del tipo: "Odio quando i miei genitori mi chiedono chi sto scrivendo" o qualcosa del genere ", spiega.

Zoe pensa che in genere i ragazzi della sua età utilizzino schermi più delle ragazze. "Tutti i ragazzi a scuola sono sui loro iPod per tutto il tempo in pausa, profondamente concentrati sui loro giochi", dice. "Ma le ragazze sono fuori a parlare."

Per quanto riguarda gli iPad, ambiti dalla maggior parte dei bambini della sua età, dice: "Non ne voglio uno. I miei genitori ne hanno uno e non chiedo di usarlo molto. L'altro giorno abbiamo visto un ragazzo con i capelli tagliati e non si sarebbe fermato. Aveva quattro o cinque anni e ha dovuto giocare su un iPad per tenerlo occupato. Ci sarà affezionato quando sarà grande e non sarà molto socievole. "

Messaggi recenti

Scroll Up