Quanto è curioso tuo figlio quando è online? | Questioni di Internet
MENU

La curiosità dei bambini online: cosa significa per i genitori?

curiosità-articolo-quotes4Queste sono citazioni dirette di alcuni dei giovani clienti che compaiono nella mia stanza di terapia per problemi che spesso riguardano Internet.

Questa è una parte del mio lavoro che è quasi una conversazione settimanale con bambini e giovani che variano tra 7 e 22.

Ho anche notato che ora sono anche gli adulti a portarlo nella stanza della terapia.

Ma qual è la differenza principale tra il modo in cui bambini e adulti usano Internet e perché sto scrivendo qui?

La curiosità e la capacità di prendere decisioni informate, ecco cosa.

Che cosa ha a che fare la curiosità con Internet?

La curiosità è parte integrante dell'essere un vero essere umano. Vedete, ci siamo evoluti dai tempi di Neanderthal e siamo sopravvissuti a causa del pensiero rapido, un pregiudizio di negatività, ingegnosità e curiosità. Abbiamo un sistema cerebrale basato su domande e risposte.

Ricordi l'età in cui tuo figlio ha iniziato a fare domande? È stato probabilmente nel periodo in cui hanno iniziato a formare frasi semplici. Sapevi che tuo figlio è un professore / scienziato che cerca risposte e si aspetta che tutti gli altri nella loro vita rispondano? Chi ha insegnato loro ad essere così curiosi? Perché chiedono "perché" così tanto?

La risposta è abbastanza semplice, ed è perché vogliono capire e cercare maggiori informazioni.

Solo l'approccio "Google it"

Cosa facciamo da adulti quando ci stanchiamo di queste (apparentemente) interminabili tirate di "ma perché, che cosa, come e quando?"

Forse 10 anni fa, i genitori avrebbero indirizzato i bambini a libri o biblioteche. Al giorno d'oggi abbiamo una frase che fa parte del linguaggio quotidiano e dà loro accesso a una quantità quasi infinita di informazioni. Diciamo ai nostri figli, sia nelle case che nelle scuole di "cercarlo su Google".

Questo è fantastico, tuttavia comporta delle responsabilità.

Quali sono i rischi con questo approccio a Google e perché è così importante per noi come adulti / genitori pensare?

Supponiamo che tu o io, come adulti, desideriamo cercare una risposta a qualcosa e ci dirigiamo verso il dispositivo connesso a Internet più vicino che accede a questa pletora di informazioni interessanti e non così interessanti: da lì possiamo decidere come vogliamo filtrare le informazioni è più rilevante per la nostra ricerca. Abbiamo una scelta istruita e informata su ciò che guardiamo e per quanto tempo.

Tuttavia, ci siamo guadagnati questo diritto da adulti a causa di un fatto particolare: il nostro cervello ha superato la fase del bambino e dell'adolescente e siamo in grado di impegnare la nostra corteccia pre-frontale (la parte dietro i tuoi occhi), considerare le conseguenze e pensare davvero alle nostre azioni .

Possiamo prendere decisioni basate su quello che in termini neuroscientifici viene chiamato il nostro "funzionamento esecutivo" (una descrizione elegante della nostra capacità di pensare, pianificare, ragionare e ritardare il nostro comportamento in base alla morale e ai valori)

Conseguenze di essere troppo curiosi online

Tuttavia, potremmo aver accidentalmente guardato cose su Internet che vorremmo non aver mai cliccato o inviato in modo elettronico qualcosa che vorremmo poter interrompere in transito non appena avremo premuto invia. (Conosci quelle e-mail / testi / immagini a / sul tuo partner, capo o amico).

Sono stato conosciuto per andare su una tangente e trovarmi su Internet per molto più tempo di quanto inizialmente intendessi, ma c'è una cosa che mi impedisce di fare clic su un numero di video / immagini e cioè non voglio vedere queste cose.

Ho una strana sensazione nello stomaco e il mio cervello lo interpreta come un sentimento di curiosità, che finirà con me che vedo qualcosa che non potrò mai non vedere. Mai. Quindi non faccio clic su di esso.

Vedi, questa è la cosa con immagini, video, testo, foto e qualsiasi altra cosa che sia su Internet / dispositivi, una volta che lo vedi non puoi non vederlo. È il problema dell'invio elettronico di qualcosa; una volta inviato, viene inviato.

Non puoi inseguirlo come il postino o cancellarlo. È permanente. Hai fatto una scelta e ne derivano delle conseguenze.

Youtube2

Curiosità nei bambini: cosa devi sapere

In poche parole, bambini e giovani non la pensano allo stesso modo di noi "adulti". Il loro cervello non si è sviluppato abbastanza per essere in grado di soppesare le conseguenze allo stesso modo, non fino a quando non hanno circa 25 anni quando il cervello è completamente maturo.

La curiosità è una parte dello sviluppo della loro crescita, può essere esacerbata e incoraggiata dalla pressione dei pari. Durante l'adolescenza (intorno agli anni 12-25) hanno un pensiero iper-razionale (prendono più rischi in base alle valutazioni che fanno il loro cervello).

Alcuni bambini non hanno la capacità di ritardare la gratificazione e possono essere impulsivi senza fermarsi un momento. In breve, i bambini saranno bambini. Saranno curiosi e, come sappiamo, una volta che qualcosa diventa frutto proibito, diventa molto più attraente.

Se mettiamo segnali di divieto di accesso, avvertimenti sui contenuti per adulti e impediamo ai bambini di esplorare questo mondo online, posso dirti dalle esperienze nella stanza della terapia, alcuni bambini si sentono più spinti a guardare.

Possono essere eccitati dalla prospettiva di poter guardare / fare / inviare qualcosa che forse "non dovrebbero". I bambini possono cercare queste informazioni dai loro coetanei o essere riservati e ingannevoli per giocare / andare online e questo li mette a rischio.

Avere un dialogo aperto con un bambino può aiutare a prevenire l'esposizione a contenuti inappropriati

I bambini che non hanno un dialogo aperto, equilibrato e informato con i genitori sui rischi online, sulla curiosità e sui comportamenti accettabili rischiano di incontrare immagini, video e testi per i quali non sono emotivamente o psicologicamente pronti.

Questo può metterli in posizioni in cui sono colpiti o turbati e, se non sono sicuri della reazione di un genitore / adulto, potrebbero essere meno disposti a parlarne o a segnalare contenuti inappropriati.

I bambini e i giovani hanno bisogno che noi comprendiamo la loro naturale curiosità e ne parliamo con loro, senza diventare prepotenti (molti genitori protettivi che lo fanno con le migliori intenzioni sono segnalati dai clienti come troppo soffocanti e i bambini possono e si ribelleranno).

Dobbiamo permettere ai bambini di esplorare ed essere curiosi e, con una mano guida, aiutarli a capire che potrebbero esserci contenuti non sicuri o appropriati e che possono farli diventare angosciati, turbati o persino traumatizzati.

Se assumiamo un ruolo attivo nella nostra delicata curiosità (non essendo ficcanaso) e chiediamo ai nostri figli di Internet e di come / per cosa lo usano, è probabile che si sentano coinvolti, ascoltati e apprezzati e questo si traduce in un conversazione aperta e onesta.

Voi, come genitori, potete quindi esprimere i vostri giudizi genitoriali in base alle capacità di vostro figlio, che sono probabilmente molto più avanzate di quanto pensiate. I bambini possono monitorare da soli il loro comportamento se si sentono meno limitati e fidati.

Non è questo ciò che vogliamo come genitori?

Campagna #ProtectTheirCuriosity

Internet Matters ha lanciato questa campagna per evidenziare la curiosità dei bambini e la necessità per noi genitori di #ProtectTheirCuriosity e di parlare con i nostri figli di questo.

Messaggi recenti

Scroll Up