La tecnologia ostacola o aiuta l'apprendimento dei bambini?

I bambini sotto i cinque anni hanno una straordinaria abilità nel saper padroneggiare le nuove tecnologie.

Dagli smartphone ai tablet e alle console di gioco, non è insolito vedere i bambini scorrere intuitivamente gli schermi e premere i pulsanti con sicurezza.

Anche se i genitori godono della momentanea pace che deriva dalla consegna a un bambino piccolo di un gadget con cui giocare, i genitori si preoccupano segretamente che questo tempo sullo schermo si danneggi il cervello.

Ma sembra che gli schermi possano essere utili per l'apprendimento - e più interattiva è l'esperienza, meglio è.

Una ricerca dell'Università del Wisconsin, presentata in una riunione del Società per la ricerca sullo sviluppo infantile questa settimana, è emerso che i bambini di età compresa tra i due e i tre anni avevano maggiori probabilità di rispondere a schermi video che spingevano i bambini a toccarli che a uno schermo video che non richiedeva alcuna interazione.

Più interattivo era lo schermo, più reale era, e più lo si sentiva dal punto di vista di un bambino di due anni, ha suggerito lo studio.

Heather Kirkorian, assistente professore di sviluppo umano e studi familiari, ha condotto la ricerca e afferma che i touchscreen potrebbero contenere un potenziale educativo per i più piccoli.

Quando ha fatto un altro test sull'apprendimento delle parole, i risultati sono stati ripetuti.

"I bambini che interagiscono con lo schermo migliorano molto più velocemente, fanno meno errori e imparano più velocemente"

"Ma non li stiamo trasformando in geni, ma li stiamo solo aiutando a ottenere un po 'più di informazioni."

Strumenti utili

Quindi respira più facilmente i genitori, il tuo bambino sta solo facendo ciò che viene naturale e interagendo con il mondo.

In ogni caso, la tecnologia, sotto forma di telefoni e tablet, è qui per restare. Molte scuole elementari e alcune scuole materne hanno introdotto iPad in classe per facilitare l'apprendimento. La tecnologia, la comprensione di come funzionano le cose e le TIC fanno parte del curriculum.

"Non sono una di quelle persone che pensano che non dovremmo esporre i bambini a cellulari, tablet ecc.", Afferma Helen Moylett, presidente della Early Education, un'organizzazione benefica che mira a migliorare la pratica e la qualità dell'insegnamento per i giovani.

"Possono essere strumenti davvero utili e interessanti se usati nel posto giusto per aiutarci a imparare - e non sempre, o invece di altre cose."

Tuttavia, la sua principale preoccupazione è che i genitori non siano sempre dei buoni modelli di ruolo.

“Vedo i genitori mandare messaggi mentre camminano. Spesso sono così collegati al loro dispositivo che diventa una barriera alla comunicazione con il loro bambino. "

Un recente studio della scuola di istruzione della Stirling University ha scoperto che l'atteggiamento della famiglia nei confronti della tecnologia a casa era un fattore importante nell'influenzare la relazione di un bambino con essa.

Ha concluso: “Le esperienze dei bambini dai tre ai cinque anni sono mediate dal contesto socioculturale distinto di ogni famiglia e dalle preferenze di ogni bambino.

“La tecnologia non ha dominato né guidato le esperienze dei bambini; piuttosto i loro desideri e la loro cultura familiare hanno modellato le loro forme di impegno. "

Christine Stephen, autrice dello studio e ricercatrice di Stirling, afferma che la maggior parte dei genitori comprende i pericoli della dipendenza e della passività e ha impostato le regole sullo schermo per assicurarsi che i bambini facciano una vasta gamma di attività indoor e outdoor.

Cattiva abitudine

Ma ci sono altri esperti nel settore che non sono d'accordo.

Lo psicologo Dr Aric Sigman ha regolarmente affermato che i bambini guardano più schermi che mai e che questa abitudine dovrebbe essere contenuta perché potrebbe portare alla dipendenza o alla depressione.

Calcola che i bambini nati oggi avranno trascorso un anno intero incollato agli schermi quando raggiungeranno i sette anni.

Se fosse vero, poche persone sostengono che questo fatto sia spaventoso.

Tuttavia, se solo lo 9% dei bambini del Regno Unito non ha accesso a un computer a casa o a scuola, come suggeriscono gli studi, gli schermi sono pervasivi. Non si può tornare indietro.

La chiave deve essere affinché i bambini possano sfruttare al meglio il loro tempo davanti a loro scaricando le migliori app e il software giusto per facilitare il loro apprendimento.

Jackie Marsh, professore di educazione all'Università di Sheffield, afferma che è necessario svolgere ulteriori ricerche in questo settore.

"Descriveremo ciò che riteniamo debbano essere i principi per buone app perché manca una risorsa centrale per gli insegnanti.

"Non è solo un caso di dare loro l'iPad", dice.

"È importante trovare la giusta qualità di app".

Sviluppare capacità

Sostiene inoltre che programmi di buona qualità e software particolari possano aiutare i bambini con difficoltà di apprendimento a sviluppare le competenze che mancano.

Gli ambienti online possono anche fornire ai bambini uno spazio virtuale per svilupparsi in sicurezza, cosa che potrebbero non essere in grado di fare a casa o in classe, afferma.

Il suo messaggio ai genitori è che due ore di schermo ogni giorno sono sufficienti per i bambini di età pari o inferiore a sei anni.

Sebbene ci sia una minoranza che considera gli schermi non salutari, non ci sono prove che suggeriscano che siano dannosi, aggiunge il Prof. Marsh.

I bambini si annoiano rapidamente con un tipo di media, la ricerca suggerisce e tendono a combinare il tempo dello schermo con il gioco con i giocattoli e la corsa in cerchio all'aperto.

"Siamo in grado di prendere un panico terribile per il [tempo sullo schermo], ma i bambini sono molto curiosi e esperti", afferma Moylett.

"I bambini saranno esposti a ogni sorta di cose."

Forse, alla fine, vogliono solo godere della tecnologia come fanno gli adulti.

Messaggi recenti

Scroll Up