I portieri digitali non richiedono un documento di identità

Attribuzione dell'immagine: Cory Doctorow sotto licenza Creative Commons

La giornalista e scrittrice di genitori Olivia Gordon confronta la facilità con cui i bambini sono in grado di accedere alle piattaforme di social media minorenni in quanto non ci sono "buttafuori sulla porta" e consiglia cosa puoi fare come genitore per aiutarli a gestire i rischi.

Verifica dell'età sui social media

Una generazione fa, i genitori erano preoccupati per i bambini che si intrufolavano nei club minorenni con documenti falsi. Ma oggi le preoccupazioni dei genitori sono più vicine a casa, con i bambini che si uniscono ai social media minorenni sui loro telefoni, mentre sono seduti sul divano circondato dalle loro famiglie.

E in questi giorni, i bambini che vogliono unirsi ai club minorenni non devono nemmeno intrufolarsi o mostrare un documento d'identità. Per loro è facile come scrivere un falso anno di nascita; non esiste un processo di verifica, nessun buttafuori sulla porta.

Statistiche sull'uso minorile dei social media nel Regno Unito

Un nuovo sondaggio di Internet Matters ha rilevato che una grande percentuale di bambini utilizza siti di social media minorenni. Il sondaggio tra 1000 11-15 e i profili dei social media ha rilevato che 62% di 11 e 69% di 12 hanno un profilo Facebook, nonostante il fatto che gli 13 non siano ammessi.

36% di 11 anni e 57% di 12 anni usano Instagram, mentre 22% di 11 anni e 41% di 12 hanno un Snapchat account (per entrambi questi siti, l'età minima è anche 13 plus). La metà di tutti gli 11-15 intervistati era presente WhatsApp, che ha un'età minima di 16. Molti altri bambini con 13 usano anche Twitter e Skype, ancora minorenni.

Questi siti di social media hanno tutti i requisiti minimi di età e gli account possono essere disattivati ​​se scoprono che un bambino ha mentito sulla loro età, ma non verificano le date di nascita dei figli. Anche se un genitore ottiene il profilo di un bambino disattivato, è letteralmente un gioco da ragazzi per crearne un altro.

Bambini come 11 pubblicano sui siti di social media una media di 26 volte al giorno e in genere attraggono 100 o più follower su ciascuna rete, ma meno della metà di questi "amici" sono amici della "vita reale".

Assumendo il ruolo di guardia di sicurezza digitale

Proprio come gli adulti, i giovani vogliono essere sui social media: li aiuta a connettersi con gli amici, condividere conoscenze ed esprimersi. Alla fine, dal momento che questi siti non hanno un "portiere" affidabile che riporti indietro i minori minorenni, spetta ai genitori assumere il ruolo di guardia di sicurezza.

Un bambino può accedere ai social media se lo desidera davvero - anche se gli è proibito, può usare il telefono di un altro bambino o creare un account di cui non parla ai genitori - ma i genitori hanno il potere di proteggere i bambini online dando loro gli strumenti per rendere sicuri i social network.

Carolyn Bunting of Internet Matters afferma: “Il nostro messaggio è continuare a parlare con i tuoi figli e rimanere coinvolti. Vogliamo sottolineare l'importanza di parlare con i tuoi figli nel mondo offline in modo da poterli tenere al sicuro nel mondo online. ”

Suggerimenti per mantenere i bambini al sicuro sui social

Internet Matters incoraggia i genitori a educare se stessi e i propri figli sui vari social network, concordare con i propri figli quando sono abbastanza maturi per unirsi a uno e creare insieme il profilo del minore, impostando i livelli di privacy ai massimi livelli.

I genitori possono insegnare ai bambini come bloccare o ignorare le persone sui social media e cosa fare se qualcosa li mette a disagio, ad esempio dando loro una frase da usare se vogliono abbandonare rapidamente una conversazione.

È una buona idea dare ai bambini dei limiti su quali siti possono usare e per quanto tempo dall'inizio, così come ciò che possono e non possono pubblicare o ripubblicare. E ovviamente è essenziale dire loro dei pericoli: che le persone online potrebbero non essere ciò che dicono di essere, che ciò che pubblichi può essere condiviso e sui rischi di chattare con estranei, per non parlare di incontrarli.

Un bambino dovrebbe sapere di non condividere mai la password, il nome completo, l'indirizzo o la scuola e che non dovrebbe usare le webcam con persone che non conosce e come disabilitare le webcam. Molti genitori trovano utile unirsi ai siti stessi e "amici" o "seguire" i propri figli.

Informazioni dai genitori e dai bambini sui social

Gail Partridge, una consulente scozzese, è una madre che si tiene coinvolta in questo modo nell'uso dei social media da parte di suo figlio. La sua bambina di 11, Zoe, è su Snapchat, Instagram e Musical.ly, ma non sa mai condividere il suo nome completo, l'età o la scuola online e dice: "Mi piace essere sui [siti di social media] e so cosa è giusto e cosa è sbagliato."

Gail concorda: "Abbiamo una relazione piuttosto aperta quando si tratta di social media e conosco tutte le password di Zoe". Gail pensa che l'uso dei social media abbia un impatto positivo per le amicizie e l'educazione di Zoe. Dice: "Ovviamente mi preoccupo di cose come la toelettatura e il sexting, ma Zoe è abbastanza saggia e ne parliamo." Quando uno degli amici di Zoe ha pubblicato qualcosa di inappropriato su Snapchat, Gail ha vietato a Zoe di usarlo per un po '. A Zoe è ora permesso di usarlo di nuovo con una rete sicura di quattro amici.

In 14, Constance Bauer, di Kingston, nel Surrey, ha follower di Instagram su 160 e 30 su Snapchat, ma sua madre Catherine, una commessa, sta attenta a controllare cosa pubblica Constance.

Catherine dice: "La prima cosa che le ho detto è stato 'Non mettere niente di male'. E ho detto che volevo che mi riferisse immediatamente se qualcuno dice qualcosa di orribile o la critica. "Constance dice:" Non ho mai pubblicato nulla di degradante o negativo ". Aggiunge:" Non pubblico alcuna delle mie foto. Li mando solo direttamente ai miei amici. "

Insegnamento precoce della sicurezza online

Per i genitori moderni, proteggere i nostri figli non è così chiaro come lo era per i nostri genitori. Quando stavamo crescendo, non potevamo facilmente nasconderci dalle nostre mamme e papà se fumassimo o uscissimo tardi. Ma in questi giorni, non possiamo sapere solo guardando le attività dei nostri figli e curiosando nella loro camera da letto dove sono stati o cosa hanno fatto online.

E mentre il consiglio rimane di non consentire ai bambini minorenni di accedere ai social network, la realtà è che è molto difficile fermarli e tutti i loro amici lo stanno facendo. Quindi, dobbiamo assicurarci che i bambini fin dall'inizio del loro uso di Internet comprendano i rischi in modo che vogliano proteggersi. Proprio come a un bambino viene insegnata la sicurezza stradale e un genitore si aggrappa a loro quando imparano a guidare una bicicletta, devono essere guidati per prendersi cura di se stessi online.

Per Kate, una giornalista di Londra, è più sicuro unirsi a Lucy, una sua bambina di 11, online e aiutarla da vicino, piuttosto che cercare di impedirle di unirsi ai social network e rischiare che Lucy faccia esperimenti da sola in segreto.

Kate dice: “So ufficialmente che è troppo giovane, ma sono amica online con lei e tengo d'occhio quello che sta facendo. Ho dovuto parlare con Lucy di alcune cose che ha ripubblicato che ritengo inappropriate, e ho anche aiutato le sue persone non seguite a pubblicare immagini inquietanti.

"Penso sia positivo che si abituino ad usare i social media in modo sicuro, mentre possiamo ancora tenere d'occhio."

Informazioni aggiuntive

Se desideri ulteriori suggerimenti sulla gestione dell'esperienza di tuo figlio sui social network, dai un'occhiata a queste risorse:

Messaggi recenti

Scroll Up