Bambini, privacy e Internet | Questioni di Internet
MENU

Bambini, privacy e Internet

Attribuzione dell'immagine: Lars Plougmann sotto licenza Creative Commons

John Carr esamina i problemi di privacy che sorgono quando le informazioni personali di un bambino vengono raccolte dai siti o le immagini vengono condivise dai genitori online.

L'alto valore della raccolta dei dati

"I dati sono il nuovo olio"È ormai comunemente accettato come una caratteristica distintiva dell'era di Internet. Ciò significa che le informazioni sugli utenti di Internet - le loro simpatie e antipatie, gusti e preferenze - sono ora diventate estremamente preziose per le aziende - che in genere le utilizzano per indirizzare annunci pubblicitari o promozioni per prodotti o servizi che sperano di vendere o fornire.

Hai firmato i Termini e le Condizioni: sai come verranno utilizzate le informazioni che hai inviato?

Tuttavia, prima che un'azienda possa raccogliere o utilizzare qualsiasi informazione su di te ha bisogno del tuo consenso informato e parte dell'ottenimento che comporta la spiegazione di ciò che intende fare con i tuoi dati. Ciò include farti sapere se potrebbero consentire ad altre organizzazioni di usarlo.

Tutto questo di solito viene fatto alla prima registrazione quando si spunta una casella per indicare il proprio consenso ai termini e alle condizioni del sito. Questi "Ts & C" possono arrivare a dozzine di pagine fitte e piene di legalese. Quasi nessuno li legge e se ti registri tramite un dispositivo con uno schermo piccolo, ad esempio uno smartphone, è praticamente impossibile. Questa pratica non ha funzionato bene per gli adulti, quindi non sorprende scoprire che non funziona bene nemmeno per i bambini.

Indagine su siti che raccolgono dati di minori

Nel settembre di quest'anno sono stati pubblicati i risultati di un'indagine su siti Web e app rivolti ai bambini. È stato realizzato da 29 Commissari per la protezione dei dati di tutto il mondo, incluso l'ufficio britannico dell'Information Commissioner's Office (ICO). Ecco alcuni dei titoli della pubblicazione:

67% dei siti / app esaminati ha raccolto informazioni personali sui minori

Solo l'31% dei siti / app disponeva di controlli efficaci per limitare la raccolta di informazioni personali da parte di minori.

La metà dei siti / app ha condiviso informazioni personali con terze parti

22% di siti / app ha offerto ai bambini l'opportunità di fornire il proprio numero di telefono e 23% di siti / app ha permesso loro di fornire foto o video. La potenziale sensibilità di questi dati è chiaramente una preoccupazione

58% di siti / app ha offerto ai bambini l'opportunità di essere reindirizzati a un sito Web diverso

Solo l'24% dei siti / app ha incoraggiato il coinvolgimento dei genitori

71% di siti / app non offriva un mezzo accessibile per l'eliminazione delle informazioni sull'account.

Il progetto ha trovato esempi di buone pratiche, con alcuni siti Web e app che forniscono controlli protettivi efficaci, come dashboard dei genitori e avatar e / o nomi utente predefiniti per impedire ai bambini di condividere inavvertitamente le proprie informazioni personali.

Altri buoni esempi includevano funzioni di chat che consentivano ai bambini di scegliere solo parole e frasi da elenchi pre-approvati e l'uso di avvisi just-in-time per dissuadere i bambini dall'inserimento non necessario di informazioni personali.

Sebbene un certo numero di siti e app stessero contribuendo a proteggere le informazioni personali dei bambini nel complesso, l'immagine era preoccupante.

Condivisione online: quali sono le preoccupazioni sulla privacy?

Preoccupazioni sulla privacy di diverso tipo sono state sollevate in un blog interessante. Qui, il problema riguardava i diritti dei minori alla privacy contro, affermano il diritto dei genitori di vantarsi pubblicando informazioni e immagini online, forse senza il loro consenso, forse perché i bambini erano troppo piccoli per capire la natura di ciò che ciò significava per loro .

Ora, naturalmente, eticamente e legalmente nel Regno Unito e in molti luoghi del mondo, i genitori sono incoraggiati ad agire sempre nel migliore interesse dei propri figli. Potrebbe essere nel migliore interesse dei loro figli sentirsi parte di una famiglia più ampia o di un gruppo sociale nel modo in cui implicherebbe un'attenta condivisione delle immagini online.

O, in altre parole, se i genitori pubblicassero immagini inadeguate o fossero disinteressati riguardo ai luoghi in cui li hanno pubblicati e alle informazioni che li collegavano, la questione del bambino che dà o non dà il consenso difficilmente sorgerebbe.

Diritti dei minori alla privacy online

Tuttavia, nella mia mente non c'è dubbio che una volta che un bambino ha raggiunto un certo livello di comprensione delle questioni coinvolte e sicuramente quando ha raggiunto l'età di 18 anni, avrebbe il diritto morale e probabilmente anche legale di ignorare i desideri dei genitori. e insistono sul fatto che nessuna immagine di se stessi dovrebbe essere pubblicata online senza il loro consenso.

Probabilmente potevano insistere sul fatto che chiunque fosse già stato alzato doveva essere rimosso. Detto questo, odierei essere la piattaforma di social media che si è trovata nel mezzo di una disputa familiare di quel tipo.

Preoccupazioni per la pubblicazione di video e immagini di bambini

Ciò che è stato utile e tempestivo nel blog a cui ho fatto riferimento in precedenza è stato il suo promemoria del fatto piuttosto ovvio ma importante che un'immagine pubblicata su un sito web non è la stessa di un'immagine presa da una fotocamera e stampata su un po 'di carta per essere consegnato o messo in una cornice sul pezzo di mensola del camino o lui pianoforte.

Una volta che un'immagine viene pubblicata online, può rimanere lì per sempre, quindi i genitori devono riflettere attentamente su ciò che pubblicano online ed essere consapevoli di chi ha accesso ad essa. In questo momento - quando fai clic su "invia" potrebbe sembrare divertente lasciare che il mondo veda un video clip del piccolo Johnnie che perde i suoi calzoncini da bagno mentre si tuffa in una piscina ma come un imbarazzante adolescente più grande Johnnie e tutti i suoi compagni potrebbero non sentire il stessa strada.

Può essere difficile rimuovere il video o l'immagine in modo permanente poiché una volta online può essere copiato e ridistribuito da chiunque abbia accesso ad esso.

Lettura aggiuntiva 

Per ulteriori informazioni su come aiutare il bambino a proteggere la propria privacy, visitare le seguenti risorse:

Scroll Up