Tempo di gioco: perché credo che i videogiochi siano buoni per i bambini | Questioni di Internet
MENU

Tempo di gioco: perché credo che i videogiochi facciano bene ai bambini

Le mamme Ellie Gibson e Helen Thorn mentre giocano a FIFA | Questioni di Internet e arti elettroniche

Ellie Gibson è una giocatrice, una mamma e metà delle Scummy Mummies. Qui spiega alcuni dei vantaggi di giocare insieme ai videogiochi e dove trovare maggiori informazioni sul gioco responsabile in famiglia.

Ho una confessione da fare: posso essere schifoso, ma in realtà lavoro abbastanza duramente per cercare di essere una brava mamma. Faccio mangiare verdure ai miei figli almeno tre volte a settimana.

Ho letto loro i loro libri preferiti, anche se ho letto Dig Dig Digging così tante volte che preferirei scavare una buca nel giardino sul retro e seppellirla per sempre. Organizzo gite al parco e fingo di divertirmi godendomi la natura quando in realtà sto solo cercando la cacca di cane e mi chiedo quanto tempo passa prima di poter tornare a casa per sedermi e una tazza di tè.

Importanza dei tempi di inattività di qualità

Se dieci anni da mamma mi hanno insegnato qualcosa (e mi hanno insegnato tante cose, tra cui non dare mai a un bambino una marmellata di lamponi blu prima di un lungo viaggio in macchina, e come togliere la melma luccicante dal tappeto), è che la genitorialità è questione di equilibrio. Certo, devi assicurarti che si lavino i denti e escano all'aperto, facciano i compiti e tutto il resto. Ma anche i bambini hanno bisogno di tempo libero, proprio come noi adulti, e adorano il tempo in famiglia in cui condividi un'attività che gli piace davvero.

Per la nostra famiglia, questo significa spesso giocare ai videogiochi. Di recente io e mio figlio abbiamo giocato a Knockout City, un gioco di schivata divertente e veloce che è fantastico da giocare insieme. Nella vita reale, Charlie ed io non vogliamo sempre fare le stesse cose – preferirei sdraiarmi piuttosto che arrampicarmi su un albero, non è un grande fan del binge-watching Married At First Sight Australia – quindi è stato fantastico condividere un hobby che entrambi amiamo.

Cambiamenti nel gioco nel corso degli anni

Ma so che ci sono molti genitori là fuori che non hanno mai giocato davvero dai tempi in cui c'erano solo idraulici italiani e ricci blu. Forse ti piaceva giocare quando eri un bambino, ma sono passati anni da quando hai scambiato il controller con i pantaloni di controllo. Da allora i videogiochi hanno fatto molta strada e capisco che provare a navigare in questo nuovo mondo può sembrare un po' scoraggiante, sia che tu stia cercando di gestire il tempo sullo schermo, tenerli al sicuro online o semplicemente impedire loro di versare yogurt nella slot dove vanno i dischi.

Definire i confini digitali con il Parental Control

La buona notizia è che tutte le console hanno il controllo genitori integrato che puoi utilizzare per gestire i giochi dei tuoi figli. Ho modificato le nostre impostazioni in modo che i miei figli possano giocare solo a giochi appropriati per la loro età e possano chattare online solo con persone che conoscono nella vita reale. Ovviamente continuo a tenere d'occhio cosa stanno giocando e con chi stanno parlando, ma significa che posso rilassarmi un po' e fargli godere una sessione di gioco mentre io faccio un po' di pulizia o lavoro importante (siedo al altra stanza con un bicchiere di vino.)

E non preoccuparti se non hai mai usato questi controlli prima: ci sono molte guide online, grazie a risorse come il sito Internet Matters. Se hai mai effettuato un ordine Ocado o utilizzato Deliveroo, puoi farlo.

Gestione del tempo dello schermo

So che gestire il tempo davanti allo schermo può essere impegnativo, è qualcosa che abbiamo sicuramente lottato all'interno della nostra casa. Nel corso degli anni ho imparato alcune tattiche, come ad esempio avere una conversazione con tuo figlio prima dell'inizio della sessione di gioco su quanto tempo pensa di dover giocare.

Sono stato spesso piuttosto sorpreso da quanto possano essere ragionevoli e da quanto sia facile raggiungere un accordo. Abbiamo trovato utile poi impostare insieme il limite di tempo, magari usando una sveglia vicino alla televisione che possono vedere – oa volte abbiamo semplicemente impostato il timer sul forno. Di solito impostiamo due allarmi, in modo che ricevano un avviso quando mancano 20 minuti e non iniziano un'altra partita o missione. Non ho intenzione di fingere che non ci siano ancora discussioni quando è il momento di spegnere la console, ma accadono meno spesso e sono meno intense.

Riconoscere i vantaggi del gioco

Nonostante le sfide, penso che valga la pena dedicare del tempo a parlare con i tuoi figli dei giochi e trovare modi per gestirli che funzionino per la tua famiglia perché hanno alcuni grandi vantaggi.

No, non ho intenzione di fingere che i videogiochi migliorino la coordinazione occhio-mano di tuo figlio, o lo aiutino a superare il GCSE in matematica. Se così fosse, il mio bambino di sei anni sarebbe un pilota di caccia o un fisico ormai. La realtà è che non riesce ancora ad allacciarsi i lacci delle scarpe.

Ma credo che il gioco sia estremamente importante per lo sviluppo dei bambini, e i giochi sono fantastici per questo. Possono insegnarci come risolvere i problemi, come cooperare e come perdere. Dai giochi impariamo che è possibile tornare indietro dal fallimento; che possiamo raggiungere i nostri obiettivi se continuiamo ad allenarci per migliorare le nostre abilità (o nel mio caso, chiedi a un bambino di dieci anni di mostrarci come fare un placcaggio scorrevole in FIFA.)

E in questi giorni, molti giochi offrono un enorme spazio alla creatività, dando ai bambini la libertà di dare vita a tutto ciò che la loro immaginazione può immaginare in forma digitale.

Le gioie di giocare insieme

Tutto ciò è fantastico, ovviamente. Ma penso che ci sia un punto chiave che a volte viene trascurato, nonostante sembri abbastanza ovvio: i videogiochi sono divertenti. Sono un ottimo modo per i bambini di incanalare la loro energia, liberare lo stress, acquisire un senso di realizzazione e farsi una bella risata.

Anche se non sei un giocatore, ti esorto a partecipare. Chiedi ai tuoi figli a cosa stanno giocando e se puoi partecipare. Sì, potrebbero alzare gli occhi al cielo, ma segretamente potrebbero apprezzare la possibilità di mostrare le loro abilità e insegnarti una o due cose. Chissà? Potresti scoprire che sei una persona naturale, e poi hai un modo completamente nuovo di trascorrere del tempo insieme. O potresti essere totalmente spazzatura, nel qual caso potete ridere tutti quanti di quanto siete terribili.

Quindi dai, perché non provare a giocare? Non hai niente da perdere se non il rispetto dei tuoi figli, e se la tua famiglia è come la mia, è comunque andata molto tempo fa. Buona fortuna!

Per ulteriori informazioni su come affrontare il gioco in modo responsabile in famiglia, visita internetmatters.org/playtogetherplaysmart.

Messaggi recenti

Scroll Up