La nostra campagna mette in luce le pressioni online che i bambini affrontano mentre tornavano a scuola

Guarda la nostra campagna Back to school che evidenzia la necessità di rimanere impegnati nella vita digitale dei bambini

Mentre i bambini tornano a scuola, la nostra ricerca rivela che il primo anno di scuola secondaria è diventato un punto di svolta per la sicurezza online - poiché i bambini di 11 affrontano una "tempesta perfetta" di pressione digitale.

Per risolvere questi problemi stiamo lanciando a nuova campagna per sensibilizzare e supportare i genitori nel dare priorità al benessere digitale dei propri figli.

Affrontare le pressioni online

Quasi sette genitori di 10 (68%) dell'anno 7 sono preoccupati che i loro figli siano sotto pressione per avere più app di social media e 71% è preoccupato che saranno spinti a condividere immagini o video, secondo la nostra nuova ricerca, che ha lanciato una nuova serie di guide per aiutare i genitori.

Una stragrande maggioranza dei genitori dell'Anno 7 (73%) ha dichiarato di essere in ansia per la capacità dei propri figli di gestire le relazioni online, mentre tre quarti (74%) temevano di essere costretti a partecipare a sfide e mania online dannose.

Telefoni cellulari nelle scuole

Lo studio ha anche rivelato che 72% dei bambini possiede un telefono cellulare durante il primo anno di scuola secondaria. Otto dei genitori 10 (80%) dell'anno 7 hanno dichiarato di essere preoccupati per il cyberbullismo e sette su 10 (68%) erano preoccupati che i loro figli si sentissero sforzati di avere l'ultimo dispositivo.

Vietare i telefoni nelle scuole

E mentre la Francia introduce un divieto generale di telefoni nelle scuole questa settimana, 59% dei genitori britannici ha convenuto che i telefoni non dovrebbero essere ammessi all'interno della scuola, anche se quasi la metà (49%) ritiene che i bambini dovrebbero essere autorizzati a portarli sulla strada per e da scuola.

Solo uno su 10 (9%) genitori ha detto che i telefoni dovrebbero essere autorizzati a lezione, uno su 4 (27%) durante le pause e uno su genitori 3 (34%) durante l'ora di pranzo.

Torna alle guide sulla sicurezza scolastica per i genitori

Per aiutare i genitori ad affrontare questi problemi che abbiamo prodotto una serie di video e guide online con i maggiori esperti di sicurezza digitale dei bambini e insegnanti tra cui Matthew Burton della fortunata serie di docu Channel 4 Educating Yorkshire.

Burton, nominato ai BAFTA - il nuovo preside della Thornhill Academy - ha invitato genitori e scuole a lavorare insieme.

Ha detto: “Quando i bambini iniziano la scuola secondaria, può essere una tempesta perfetta per le pressioni online; può arrivare in un momento in cui i bambini stanno abbracciando nuove tecnologie, stanno cercando di mantenere vecchie amicizie mentre cercano anche di stabilirsi e stabilire nuove amicizie in una nuova scuola.

"È assolutamente vitale che i genitori e le scuole lavorino insieme per offrire ai bambini i giusti livelli di sostegno in modo che siano sicuri online, specialmente durante questo periodo di transizione estremamente importante dalla scuola primaria a quella secondaria."

Burton condivide i problemi di sicurezza online

L'insegnante, che è diventato famoso in 2013 per aver aiutato il suo allievo Musharaf a superare una balbuzie, ha aggiunto: “A Thornhill, siamo molto orgogliosi del modo in cui i nostri studenti si comportano da soli e non permettiamo telefoni in classe. Tuttavia, laddove si verificano incidenti, il più delle volte possono essere ricondotti a Internet.

“Spesso la prima volta che i bambini si vedono 'nella vita reale' dopo che cose inappropriate sono state dette o condivise online - è quando tornano a scuola dopo le vacanze.

“I genitori sono spesso scioccati dal fatto che i loro figli siano coinvolti in questo tipo di attività ed è per questo che è così importante che siano consapevoli dei problemi. In questi casi, lavorare con le scuole per intraprendere azioni proattive per proteggere i bambini da quei rischi - sia che si tratti di sexting, cyberbullismo o partecipazione a giochi dannosi online - è davvero importante.

Dott.ssa Linda Papadopoulos, psicologa e ambasciatrice di Internet Matters, ha detto: “I bambini che stanno iniziando la scuola secondaria passano dall'essere un grosso pesce in un piccolo stagno a un piccolo pesce in un grande stagno e improvvisamente devono trovare la loro strada.

“Inoltre, hanno tutti questi nuovi strumenti di comunicazione e i bambini stanno iniziando a interagire online, il che può essere molto diverso dalle interazioni faccia a faccia a cui sono abituati.

“A meno che i genitori non prendano il tempo per delineare le differenze nella comunicazione online e offline e prepararle per come le cose possono essere fraintese online - corrono il rischio di sentirsi isolate o addirittura vittima di bullismo.

"Il mondo online offre opportunità fantastiche per i bambini e sia i genitori che gli insegnanti sono fondamentali per garantire che ne traggano il massimo vantaggio e speriamo che queste guide possano aiutare i genitori a sentirsi più a proprio agio nel mondo digitale dei propri figli."

Carolyn Bunting, CEO di Internet Matters, ha dichiarato: “La nostra ricerca ha rilevato che 72% dei bambini nell'anno 7 ha uno smartphone e improvvisamente avranno il mondo a portata di mano.

"Offrire a un bambino uno smartphone può offrire ai genitori la massima tranquillità e offre ai bambini fantastiche opportunità di apprendimento, comunicazione ed esplorazione, ma se i bambini non sono preparati possono affrontare molte sfide digitali, tra cui la gestione di gruppi di amicizia, la pressione di avere social media o persino la pressione per giocare a determinati giochi.

"I genitori hanno un ruolo importante da svolgere nel fornire ai propri figli gli strumenti giusti per navigare nel loro mondo online, specialmente durante questo momento cruciale in cui si trovano ad affrontare una serie di cambiamenti".

Messaggi recenti

Scroll Up