Homeschooling - Come avrà un impatto sui bambini in futuro | Questioni di Internet
MENU

Istruzione domiciliare: come avrà un impatto sui bambini in futuro

Mentre i bambini si preparano a fare il tanto atteso ritorno a scuola, dobbiamo accettare che la tecnologia giocherà un ruolo ancora più importante nella vita scolastica quotidiana dei bambini. Un nuovo sondaggio esamina l'impatto dell'apprendimento remoto durante il terzo blocco, in particolare, le lezioni dal vivo e come può influenzare i bambini.

Con lezioni dal vivo a distanza ancora in atto per molti, la psicologa e ambasciatrice per le questioni di Internet, la dott.ssa Linda Papadopoulos, condivide consigli pratici per i genitori con bambini che hanno problemi con esso, e SWGfL (South West Grid for Learning) lancia una campagna sui social media per aumentare la consapevolezza sulla salute mentale dei giovani durante l'apprendimento remoto durante il blocco.

Internet Matters indaga i genitori

Con la riapertura delle scuole in tutto il Regno Unito, la nostra nuova indagine rivela l'impatto positivo e negativo che l'apprendimento a distanza ha avuto sul benessere e sull'autostima dei bambini.

Il sondaggio * ha chiesto ai genitori se avere la videocamera accesa durante le lezioni dal vivo abbia influito sulla salute mentale dei loro figli. Mentre la maggior parte dei genitori (46%) ha convenuto che le lezioni dal vivo hanno dato ai loro figli l'opportunità di rimanere 'visibilmente connessi', quattro su 10 (41%) hanno detto di aver reso il loro bambino più consapevole della propria identità e di come appare davanti alla telecamera.

Inoltre, il 43% ha affermato che il proprio bambino ha avuto difficoltà a parlare durante le lezioni dal vivo e 37% hanno detto che erano più ansiosi del normale quando gli è stato chiesto di partecipare con la telecamera accesa.

Dr Linda sull'apprendimento remoto

Con le lezioni dal vivo a distanza che probabilmente rimarranno in vigore per molti alunni per un po 'di tempo, abbiamo lanciato un file serie di video con la sua ambasciatrice e psicologa infantile, la dott.ssa Linda Papadopoulos, che fornisce consigli esperti su come sostenere i tuoi figli se hanno difficoltà ad avere la fotocamera accesa durante le lezioni dal vivo.

I video sono rivolti ai genitori in età scolare sia primaria che secondaria, concentrandosi su quali passi positivi possono intraprendere per aiutarli a gestire le ansie che hanno a che fare con problemi individuali.

SWGfL sull'apprendimento remoto

SWGfL (South West Grid for Learning) sta anche lanciando una campagna sui social media per i bambini di età compresa tra 13 e 18 anni per far loro sapere che non sono soli nei problemi che hanno dovuto affrontare durante il blocco e l'apprendimento remoto. Hanno collaborato con Priory Learning Trust e Headstart Kernow e hanno intervistato oltre 600 alunni che hanno convenuto che la tecnologia può essere una benedizione ma può anche presentare una serie di problemi di benessere. La campagna condivide le esperienze di isolamento di un gruppo di bambini e i modi innovativi in ​​cui stanno affrontando.

La maggioranza ha convenuto che, sebbene sia stato fantastico consentire loro di rimanere in contatto e tenere il passo con il lavoro scolastico, sono diventati così dipendenti dalla tecnologia che a volte possono sentirsi legati ad essa. La campagna Instagram presenterà brevi video in cui i giovani di 13-18 anni parlano di come affrontano lo stress quotidiano dell'apprendimento bloccato e aumentano la consapevolezza di ciò che i giovani possono fare per sostenere la loro salute mentale.

Statistiche e cifre

Il sondaggio ha anche esaminato ciò che i genitori pensavano che sarebbe stata l'eredità dell'istruzione domestica:

  • Oltre la metà (52%) ha affermato di essere preoccupata per l'impatto a lungo termine che l'apprendimento online avrà sulla fiducia e sull'autostima dei propri figli
  • Quasi quattro su 10 (39%) desiderano più aiuto su come affrontarlo

La sicurezza online è stata anche una preoccupazione crescente per i genitori a causa del blocco - come

  • più della metà (53%) desidera che le scuole insegnino di più ai bambini e il 47% ha affermato di aver bisogno di più aiuto per questo
  • L'aumento del tempo davanti allo schermo è stata un'altra preoccupazione poiché oltre la metà (52%) dei genitori ha dichiarato di essere preoccupato per la quantità di tempo che il proprio figlio deve trascorrere ogni giorno sui dispositivi digitali a causa del blocco.

Pensieri duraturi

Carolyn Bunting, CEO di Internet Matters, ha dichiarato: “È comprensibile che i genitori possano essere preoccupati per l'impatto a lungo termine del blocco sui loro figli e molti potrebbero essere confusi su ciò che è benefico per loro e cosa potrebbe causare loro angoscia.

“Ciò che è chiaro è che dobbiamo accettare che la tecnologia giocherà un ruolo ancora più importante nella vita scolastica quotidiana dei bambini, comprese le lezioni dal vivo a distanza.

"Siamo lieti di poter offrire aiuto e supporto attraverso le risorse sul nostro sito web, inclusi alcuni nuovi video che spiegano come sostenere tuo figlio se avere una videocamera accesa durante le lezioni gli causa ansia".

La dott.ssa Linda Papadopoulos ha detto: “In questo momento, è comprensibile che i genitori siano preoccupati per l'impatto dell'apprendimento remoto sui loro figli, soprattutto quando si tratta di lezioni video. Ma ci sono molti passi positivi che possono intraprendere per aiutare.

“Per i bambini più piccoli, si tratta di gestire le basi, assicurarsi che possano vedere e sentire bene e tenerli impegnati con il supporto della scuola.

“Quando si tratta di bambini più grandi, sono molto più consapevoli socialmente, quindi è importante aiutarli a gestire le ansie e i problemi individuali che hanno, non lasciandoli sentire più esposti durante le lezioni online di quanto non lo siano di solito.

"Si tratta anche di rafforzare l'idea che questo è un momento nel tempo che ha colpito tutti noi, ma non deve essere qualcosa che influisce su chi siamo, è temporaneo".

David Wright, Direttore del Safer Internet Centre del Regno Unito, ha dichiarato: “La tecnologia ha assicurato che i giovani possano continuare a imparare, socializzare e comunicare durante questo terzo blocco - tuttavia, sappiamo che ci sono molti problemi che hanno dovuto affrontare lungo la strada.

"Attraverso il nostro sondaggio, abbiamo scoperto che molti bambini stanno affrontando le stesse difficoltà, sia che si tratti di problemi con la videocamera accesa durante le lezioni in remoto dal vivo, sia di preoccupazioni sull'essere troppo dipendenti dalla tecnologia.

"L'importante è che i bambini sappiano di non essere soli nei problemi che hanno affrontato e possano provare un senso di realizzazione mentre cercano di tornare in classe per la prima volta quest'anno".

Per guardare la serie di video della dott.ssa Linda Papadopoulos e saperne di più sulla sicurezza online e su come sostenere tuo figlio, vai a www.internetmatters.org/remote-learning-tips.
Per seguire la campagna Instagram di SWGfL, vai su www.instagram.com/swgfl_official

 

* Ricerca commissionata da Internet Matters su 2,001 adulti britannici di cui 497 genitori tramite Opinium.
Scroll Up