Safer Internet Day 2020: il Safer Internet Centre del Regno Unito rivela che essere online è sia liberatorio che limitativo per i bambini

Nuova ricerca commissionata dal Centro Internet più sicuro del Regno Unito rivela come Internet sia una parte fondamentale dell'identità dei giovani, aiutandoli a trovare la propria voce offline.

Safer Internet Day 2019: Insieme per una migliore connessione a Internet

Il la ricerca segna Safer Internet Day, che vedrà milioni di giovani, scuole e organizzazioni in tutto il Regno Unito esplorare la sicurezza online e il tema del "libero di essere me".

Arriva oltre 1,600 sostenitori nel Regno Unito, tra cui scuole, enti di beneficenza, servizi di polizia, enti industriali, aziende, ministri del governo, squadre di calcio della Premier League e celebrità come Natasha Devon, Georgie Barrat, Jeremy Gilley e James McVey, si uniscono ai giovani per innescare conversazioni ed eventi host che promuovono l'uso sicuro, responsabile e positivo della tecnologia.

Esperienze online essenziali per le identità dei giovani

Quasi la metà (49%) dei giovani di età compresa tra 8 e 17 anni ha affermato che ciò che fanno e vedono online contribuisce alla loro identità, costituendo una parte essenziale di ciò che sono offline. Il 54% ammette che si sentirebbero persi, confusi o come se avessero perso una parte di se stessi se i loro account online fossero stati portati via. Il 38% afferma che è più facile essere se stessi online che offline, considerandolo uno spazio sicuro per esplorare e crescere.

Attraverso il supporto e l'accesso alle informazioni, i giovani utilizzano Internet per comprendere la propria identità. Grazie a Internet, il 51% si è sentito meglio dal punto di vista emotivo o meno da solo, il 47% ha guadagnato la fiducia per essere se stesso offline e il 31% ha trovato supporto che non è stato possibile trovare offline. Svolge anche un ruolo cruciale nel costruire l'accettazione delle identità altrui, poiché il 46% afferma di comprendere meglio le identità di altre persone a causa delle cose che hanno visto online.

Avere voce e creare cambiamenti

Le esperienze online stanno informando e ispirando una generazione, con il 34% di 8-17 anni che afferma che, nell'ultimo mese, Internet li ha ispirati ad agire su una causa. Il 43% afferma che li fa sentire importanti le loro voci e oltre la metà (52%) ha inviato un messaggio di supporto a qualcuno vittima di bullismo perché considerato "diverso".

Quanto sono liberi i giovani di essere se stessi online?

I giovani utilizzano Internet per esplorare e modellare in modo creativo la propria identità. Il 61% afferma che è importante che le piattaforme li facciano sperimentare con l'identità e il 76% ritiene che, durante la creazione di personaggi online, sia importante che sia divertente. Quando si considera ciò che costituisce un'identità online, il 66% afferma che sono i propri pensieri e idee, mostrando che i giovani si sentono in grado di modellare la propria identità.

Tuttavia, esistono pressioni esterne. Quasi la metà (47%) pensa che sia importante inserirsi online e il 61% pensa che Internet faccia pressione sulle persone affinché risultino perfette. Il 70% dei giovani afferma che Internet semplifica le persone cattive e il 62% è attento a ciò che condividono perché ha visto le persone cattive.

Quasi un terzo dei giovani ha creato più di un account sulla stessa piattaforma, e molti lo fanno per curare la propria identità in modo positivo e creativo. Tuttavia, 2 su 5 (40%) lo stanno facendo per cambiare il modo in cui vengono visti online e il 36% perché qualcuno è stato cattivo con loro.

Quanto sono libere le diverse comunità?

La ricerca si basa sulle esperienze di diversi gruppi di giovani, tra cui disabili, BAME o LGBT + giovani, rivelando quante esperienze possono variare. Il 54% dei giovani disabili ha affermato che era più facile essere se stessi online che offline, rispetto al 38% dei giovani non disabili; oltre la metà (52%) ha anche affermato che nell'ultimo mese hanno trovato persone come loro che non potevano trovare offline. Anche i disabili (47%) e i giovani BAME (43%) hanno maggiori probabilità di essere ispirati da Internet ad agire su una causa rispetto al 34% complessivo.

Alcuni di questi gruppi di giovani vengono anche presi di mira in modo sproporzionato. Un quarto (25%) di 13-17 anni afferma di essere stato preso di mira dall'odio online nell'ultimo mese a causa del sesso, della sessualità, della razza, della religione, della disabilità o dell'identità di genere, con il 45% di adolescenti disabili e il 32% di ragazzi BAME che lo segnalano.

La ricerca rivela anche che genitori e tutori sono preoccupati per le esperienze online dei loro figli, con il 65% dei genitori che si preoccupa che Internet sia un luogo di negatività e il 39% pensa che Internet abbia più influenza sui propri figli rispetto a loro. Eppure i bambini vogliono contattare i loro genitori, con oltre la metà (51%) vuole parlare con loro delle loro identità online.

Will Gardner OBE, direttore del Safer Internet Centre del Regno Unito, afferma:

“Dobbiamo aiutare i giovani in questo viaggio riconoscendo le pressioni, le sfide e i limiti che Internet porta anche. Possiamo farlo ascoltandoli e avviando conversazioni sulla nostra vita online. Sappiamo che parlare funziona; a seguito del Safer Internet Day dell'anno scorso, il 78% dei giovani si sentiva più sicuro di cosa fare se era preoccupato per qualcosa online.

"È così importante per tutti noi - adulti, aziende e governo - sostenere i giovani a sfruttare a fondo Internet e renderlo un luogo in cui tutti sono liberi di essere se stessi".

Il segretario di casa Priti Patel ha dichiarato:

“Utilizzato in modo sicuro, Internet può svolgere un ruolo importante nello sviluppo dei giovani. Ma le società di social media devono essere ritenute responsabili per la protezione dei loro utenti dai danni alle loro piattaforme, inclusi toelettatura, crimini d'odio e contenuti terroristici.

Questo è esattamente il motivo per cui stiamo lavorando alla legislazione per rendere il Regno Unito il posto più sicuro al mondo dove essere online.

Ringraziamo il Safer Internet Centre del Regno Unito per il loro vitale lavoro su questo tema e sosteniamo pienamente la Safer Internet Day ".

Altro da esplorare

Ottieni maggiori informazioni dalla ricerca del Safer Internet Centre nel Regno Unito e su come partecipare alla Safer Internet Day

Messaggi recenti

Scroll Up